Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il rischio di schizofrenia aumenta con l’alcol, l’abuso di droghe

La questione se l’abuso di droghe aumenti il ​​rischio di sviluppare la schizofrenia e altre malattie mentali è da decenni un argomento molto dibattuto. Una nuova ricerca dalla Danimarca che include dati provenienti da oltre 3 milioni di individui analizza in modo approfondito l’enigma.

[Ragazzi che fumano marijuana]

C’è stata una vasta ricerca sull’impatto che l’alcol, la cannabis e altri farmaci potrebbero avere sul rischio di sviluppare la schizofrenia e altri disturbi psichiatrici.

Tuttavia, è un’area difficile da studiare e le ricerche precedenti sono state controverse e spesso contraddittorie.

Ad esempio, molti studi precedenti non potevano prendere in considerazione la coabitazione; in altre parole, le persone che abusano di un numero di composti.

Stine Mai Nielsen e il Prof. Merete Nordentoft, dell’ospedale universitario di Copenaghen, il centro di salute mentale in Danimarca, hanno recentemente intrapreso uno dei più grandi studi del suo genere.

Le loro scoperte, presentate alla riunione dell’International Early Psychosis Association (IEPA) di quest’anno a Milano, in Italia, aggiungono un altro tassello al puzzle.

Schizofrenia e abuso di droghe

Per approfondire questa domanda, il team di investigatori ha utilizzato i dati di 3.133.968 individui nati tra il 1955 e il 1999 da registri nazionali danesi. In tutto, hanno identificato oltre 200.000 casi di abuso di sostanze e oltre 21.000 diagnosi di schizofrenia.

I dati sono stati analizzati utilizzando una serie di misure statistiche; hanno anche controllato diversi fattori tra cui genere, urbanità, altre diagnosi psichiatriche, coabuso, immigrazione dei genitori in Danimarca, stato economico dei genitori e storia psichiatrica.

Il team ha scoperto che l’abuso di qualsiasi sostanza aumentava il rischio di sviluppare la schizofrenia. I maggiori rischi erano i seguenti:

  • Cannabis: 5,2 volte
  • Alcool: 3,4 volte
  • Droghe allucinogene: 1,9 volte
  • Sedativi: 1,7 volte
  • Anfetamine: 1,24 volte
  • Altre sostanze: 2,8 volte.

Gli autori hanno concluso:

“Presentiamo uno studio di coorte su larga scala basato sulla popolazione che analizza un’ampia varietà di sostanze.I nostri risultati illustrano una solida associazione tra quasi ogni tipo di abuso di sostanze e un aumentato rischio di sviluppare la schizofrenia in età avanzata”.

Sebbene i risultati siano chiari, rimane un problema secolare con la ricerca: è impossibile dimostrare se l’abuso abbia causato la schizofrenia o viceversa. È una possibilità che qualcuno che è predisposto alla schizofrenia abbia maggiori probabilità di abusare di droghe; allo stesso modo, le persone potrebbero essere suscettibili allo sviluppo di schizofrenia e abuso di sostanze.

Gli autori sottolineano che la relazione tra malattia mentale e abuso di droghe è probabilmente estremamente complessa.

Assunzione di droghe da parte dei genitori e schizofrenia

In una seconda parte dello studio, lo stesso gruppo di ricercatori dell’Ospedale universitario di Copenaghen, guidato dal Dr. Carsten Hjorthøj, ha aperto la questione del ruolo dei genitori. Volevano identificare se l’abuso di sostanze parentali ha influenzato il rischio di schizofrenia.

L’abuso di droghe parentale è stato suddiviso in due categorie: diagnosticata prima della nascita e dopo. Le diagnosi di schizofrenia sono state prese dal Registro centrale di ricerca psichiatrica della Danimarca.

Sia la cannabis materna che quella parentale, diagnosticata prima o dopo la nascita, aumentavano il rischio di schizofrenia nella prole. Per le madri, era associato ad un aumento di sei volte e per il padre un aumento di 5,5 volte.

Per quanto riguarda l’alcol, l’abuso materno diagnosticato prima della nascita del bambino è stato associato ad un aumento di 5,6 volte il rischio di schizofrenia, ma se diagnosticato dopo la nascita, questo è diminuito di circa il 50%. Allo stesso modo, nei padri, il rischio pre e post-parto era 4,4 volte e 1,8 volte, rispettivamente.

Gli autori spiegano le potenziali ragioni della differenza tra la cannabis e l’uso di alcool:

“L’esposizione di seconda mano alla cannabis è apparentemente legata alla schizofrenia: mentre è facile essere esposti al fumo passivo, con altre sostanze, come l’alcol, non c’è esposizione di seconda mano, che potrebbe spiegare le associazioni molto più basse osservate dopo la nascita per queste sostanze. “

Anche se, come accennato in precedenza, questi studi non possono mettere in discussione in modo definitivo causa ed effetto, sono sicuri di aggiungere benzina al dibattito infuocato. Se i farmaci causano la schizofrenia o se qualcuno che è suscettibile alla schizofrenia ha più probabilità di abusare di droghe, spalancare la relazione e ottenere informazioni su chi potrebbe essere maggiormente a rischio è vitale per un intervento precoce e un trattamento più efficace.

Scopri come l’esercizio aerobico potrebbe alleviare i sintomi della schizofrenia.

Like this post? Please share to your friends: