Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il sale, non la pressione alta, potrebbe essere la causa di quel mal di testa

È la stagione per essere, beh, goloso. Ma con l’assunzione di grassi e zuccheri aumenta anche il consumo di sale. Ora, un nuovo studio pubblicato sulla rivista suggerisce che le diete ricche di sale sono implicate in fastidiosi mal di testa, e questo collegamento può essere indipendente dal “legame ben stabilito” tra l’assunzione di sale e l’ipertensione, che è una causa comune di mal di testa.

Donna con mal di testa

Gli autori dello studio – guidati dal Dr. Lawrence Appel, direttore del Welch Center for Prevention, Epidemiology e Clinical Research della Johns Hopkins Medicine di Baltimora, MD – notano che il mal di testa è un problema medico comune in tutto il mondo ed è uno dei più frequenti riportato disturbi del sistema nervoso.

In tutto il mondo, notano che il 46% degli adulti ha un disturbo di cefalea attivo segnalato, causando a molti di avere una scarsa qualità della vita e un numero maggiore di giorni di assenza dal lavoro.

Il dott. Appel e i suoi colleghi dicono che i dati attuali supportano un legame tra pressione sanguigna e mal di testa; Tuttavia, le prove sul legame tra mal di testa e assunzione di sodio o altri fattori dietetici sono scarse, con la maggior parte delle ricerche incentrate sul ruolo del consumo di glutammato monosodico (MSG).

Secondo l’American Heart Association (AHA), la maggior parte delle persone negli Stati Uniti consuma circa 3.400 mg di sodio al giorno, che è più del doppio dei 1.500 mg suggeriti dall’organizzazione.

Al fine di indagare ulteriormente gli effetti della dieta sull’evento di cefalea, i ricercatori hanno randomizzato 390 partecipanti allo studio alla dieta dietetica per fermare la dieta ipertensione (DASH) – che è ricca di frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi con ridotto saturo e totale grasso – o ad una dieta di controllo che era una tipica dieta occidentale.

‘Processo indipendente dalla pressione del sangue’ potrebbe essere la causa del mal di testa

Durante lo studio, che consisteva di tre periodi di 30 giorni, ogni partecipante mangiava cibo con sodio alto durante un periodo, sodio intermedio durante un altro e basso contenuto di sodio durante un altro periodo. Quindi, alla fine di ciascun periodo di alimentazione, i partecipanti hanno completato i questionari sull’occorrenza e la gravità del mal di testa.

I risultati hanno mostrato che le persone che mangiavano cibi ricchi di sodio – circa 8 g al giorno – avevano un terzo mal di testa in più rispetto a quelli che mangiavano cibi a basso contenuto di sodio – circa 4 g al giorno. Inoltre, i ricercatori hanno osservato che questa differenza rimaneva se i volontari mangiavano la dieta occidentale standard o la dieta DASH.

I ricercatori dicono che i loro risultati partono dalla credenza popolare che una dieta ricca di frutta, verdura e potassio e povera di grassi saturi possa alleviare o prevenire il mal di testa.

Aggiungono:

“È interessante notare che non vi era alcuna relazione significativa tra il regime alimentare e il mal di testa, il che suggerisce che un processo che è indipendente dalla pressione sanguigna può mediare la relazione tra sodio e mal di testa”.

Inoltre, il team dice che gli adulti negli Stati Uniti stanno già consumando sodio “in eccesso rispetto al loro fabbisogno fisiologico” e per molte persone questa assunzione è superiore al livello più alto testato nella loro ricerca.

Sebbene lo studio tragga beneficio dal suo disegno randomizzato, c’erano alcuni limiti, inclusa la mancanza di informazioni sulla prevalenza del mal di testa nei partecipanti allo studio al basale. Inoltre, i dati raccolti sulla frequenza e gravità del mal di testa sono stati auto-segnalati, il che potrebbe essere un altro limite.

Eppure, il dott. Appel dice che i loro risultati suggeriscono che riducendo il consumo di sale, le persone potrebbero essere in grado di evitare alcuni mal di testa. Lui e i suoi colleghi osservano che “sono necessari ulteriori studi per replicare questi risultati e per esplorare meccanismi che mediano l’associazione tra l’assunzione di sodio e il mal di testa”.

recentemente riportato su uno studio che suggerisce che gli zuccheri aggiunti possono contribuire ad aumentare la pressione sanguigna più del sale.

Like this post? Please share to your friends: