Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il sole è buono o cattivo per la psoriasi?

Le persone con psoriasi spesso notano che i loro sintomi tendono a migliorare in estate quando sono più esposti al sole. Questa non è una coincidenza, in quanto la luce solare può essere utile per la psoriasi quando viene utilizzata correttamente.

La psoriasi è una condizione autoimmune che fa sì che il sistema immunitario faccia troppe cellule della pelle.

Queste cellule si accumulano sulla superficie della pelle in chiazze chiamate placche, che possono essere dolorose e pruriginose. Molte persone si rivolgono a creme medicate, steroidi e immunosoppressori per il sollievo.

La luce solare può essere uno dei modi più semplici per aiutare a guarire le riacutizzazioni della psoriasi, ma ci sono alcuni malintesi sulla psoriasi e l’esposizione al sole. In questo articolo, consideriamo alcune precauzioni da prendere quando esponiamo il corpo al sole e modi sicuri per trarre beneficio dall’esposizione al sole.

In che modo la luce solare aiuta la psoriasi?

Donna in sole che applica la crema solare alla sua pelle.

Il sole emette raggi ultravioletti (UV), che sono classificati come raggi UVA e UVB. La differenza tra questi tipi è nella dimensione dell’onda. La ricerca suggerisce che i raggi UV hanno effetti immunosoppressivi, che possono aiutare a ridurre i sintomi della psoriasi.

I raggi UVA vanno da 320-400 nanometri (nm) e possono raggiungere in profondità la pelle. I raggi UVB vanno da 280-320 nm e raggiungono solo gli strati superiori della pelle.

Da soli, i raggi UVA naturali non sono molto efficaci nel migliorare i sintomi della psoriasi, ma i raggi UVB lo sono.

L’esposizione UVB dal sole può rallentare la rapida crescita delle cellule della pelle, che è uno dei principali sintomi della psoriasi. Questo può aiutare ad alleviare l’infiammazione e ridurre il ridimensionamento nelle persone con psoriasi da lieve a moderata.

La luce solare ha il vantaggio di aiutare il corpo a creare vitamina D, che protegge la pelle e regola la sua immunità naturale. La vitamina D non si trova naturalmente in molti alimenti, ma viene regolarmente aggiunta ad alcuni prodotti caseari.

Uno studio ha scoperto che la carenza di vitamina D potrebbe essere comune nelle persone con psoriasi, specialmente in inverno quando l’esposizione al sole è bassa.

Poiché la vitamina D aiuta a proteggere la pelle e bilanciare la risposta immunitaria della pelle, è essenziale che le persone con psoriasi abbiano abbastanza luce solare. I dermatologi possono anche raccomandare che le persone con psoriasi utilizzino creme topiche contenenti vitamina D.

Fototerapia e terapia PUVA

La fototerapia è il processo del corpo che assorbe i raggi UV per aiutare ad alleviare i sintomi della psoriasi. Il termine viene in genere utilizzato per descrivere l’esposizione alla luce UV in un ambiente controllato, ad esempio l’ufficio di un dermatologo.

Di per sé, i raggi UVB sono più desiderabili per il trattamento della psoriasi, in quanto aiutano a rallentare il tasso di crescita delle cellule della pelle.

I medici possono anche raccomandare un trattamento combinato chiamato terapia PUVA. Durante questo trattamento, le persone assumono un farmaco chiamato psoralene, che aumenta la sensibilità del corpo ai raggi UVA, prima di essere esposto ai raggi.

La terapia PUVA tende a essere somministrata a persone con psoriasi da moderata a grave, ma può anche essere usata su persone la cui psoriasi non risponde ai trattamenti topici o UVB. PUVA è un trattamento molto efficace per la psoriasi ed è usato a lungo termine per aiutare a mantenere i sintomi di ritorno.

Beneficiando del sole in sicurezza

Peeling della pelle a causa di scottature.

Quando le persone utilizzano con attenzione la luce del sole, è uno strumento utile per il trattamento della psoriasi. È fondamentale iniziare lentamente, tuttavia, per ridurre la possibilità di danni alla pelle.

I dermatologi raccomandano di limitare la quantità di tempo che una persona trascorre al sole ogni giorno.

Anche 10 minuti di esposizione al sole per tutto il corpo consentono al corpo di assorbire la luce solare riducendo il rischio di danni del sole.

Se il corpo lo tollera e il sole non aggrava i sintomi della psoriasi, l’esposizione può essere aumentata di 30 secondi ogni giorno, fino a 30 minuti.

Lavorando direttamente con un dermatologo o un medico, molte persone possono trovare una quantità di tempo sufficiente per ottenere i benefici del sole senza danneggiare la loro pelle.

rischi

Se usato in modo sicuro, la luce solare è ottima per la psoriasi; tuttavia, troppa luce solare può causare ulteriori danni alla pelle.

La psoriasi è più comune nelle persone dalla pelle chiara che hanno già un rischio più elevato di scottature dovute a bassi livelli di melanina nella loro pelle. Il rischio di tumori cutanei pericolosi è anche maggiore nelle persone di pelle chiara, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Le persone con psoriasi dovrebbero evitare la sovraesposizione alla luce solare e proteggersi contro le scottature. Sovraesposizione e scottature portano a danni alle cellule, che possono causare ulteriori riacutizzazioni della psoriasi.

Lettini abbronzanti

La National Psoriasis Foundation non raccomanda l’uso di lettini abbronzanti per i sintomi della psoriasi.

A differenza delle unità di fototerapia, le lunghezze d’onda dei lettini abbronzanti possono danneggiare la pelle e aumentare il rischio di sviluppare un cancro della pelle. I lettini abbronzanti usano più luce UVA che luce UVB, rendendoli meno efficaci nel ridurre i sintomi della psoriasi.

Precauzioni da prendere

È sempre importante prendere ulteriori precauzioni quando si espone la pelle al sole. Ci sono alcune cose per le persone con psoriasi da considerare prima di avventurarsi al sole.

Protezione solare

Lozione solare spremuta dalla bottiglia nel palmo della mano.

Trovare una buona protezione solare è una parte cruciale dell’esposizione al sole di qualsiasi tipo. Una protezione solare ad ampio spettro può essere molto utile, poiché protegge dai raggi UVA e UVB.

Un dermatologo può raccomandare di scegliere una crema solare con fattore di protezione solare (SPF) di almeno 30. Numeri più alti forniranno maggiore protezione dalle scottature causate dai raggi UVB.

Alcune persone guardano anche a filtri solari resistenti all’acqua per aiutare a proteggere la loro pelle mentre nuotano o sudano sotto il sole caldo.

Per le persone con psoriasi, ci sono creme solari ipoallergeniche o creme solari per la pelle sensibile. Alcuni prodotti chimici in generici filtri solari possono irritare la pelle o causare riacutizzazioni della psoriasi.

farmaci

Alcuni farmaci, in particolare creme e unguenti per uso topico, possono rendere la pelle più sensibile alla luce.Ciò potrebbe aumentare il rischio di scottature e danni alla pelle.

È importante chiedere a un operatore sanitario qualsiasi rischio associato a farmaci o trattamenti specifici.

Altre precauzioni

Indossare camicie, cappelli e pantaloni a maniche lunghe può anche aiutare a ridurre l’esposizione quando si trascorre molto tempo al sole. Può anche aiutare a indossare occhiali da sole, poiché la pelle sensibile intorno agli occhi potrebbe essere più soggetta a danni causati dal sole.

Cercare l’ombra quando il sole è più forte può anche aiutare a evitare la sovraesposizione. Ombra da un albero, un ombrello o una tenda può aiutare a bloccare alcuni raggi del sole. La luce solare può anche riflettere la neve o l’acqua e aumentare l’esposizione della pelle.

Porta via

Attualmente non esiste una cura per la psoriasi, quindi il trattamento si concentra sulla riduzione e gestione dei sintomi. I raggi UV forniti dal sole e dalla vitamina D che il corpo assorbe da quei raggi possono essere utili per le persone con psoriasi quando hanno una riacutizzazione.

Prendere precauzioni quando si espone la pelle colpita alla luce solare può aiutare a migliorare i sintomi nel tempo o impedire che peggiorino.

Lavorando direttamente con un dermatologo, molte persone possono trovare sollievo dai loro sintomi usando la luce del sole o la fototerapia.

Like this post? Please share to your friends: