Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il tanezumab allevia l’osteoartrite, così bene che alcuni pazienti abusano delle loro articolazioni patologiche

Dopo aver interrotto gli studi sul tanezumab, un farmaco che è estremamente efficace nell’alleviare il dolore e migliorare la funzione nei pazienti con artrosi da moderata a grave, un piccolo studio clinico di fase II ha riportato solo alcuni lievi effetti collaterali e un notevole miglioramento delle condizioni dei pazienti. Dettagli del processo di 16 settimane sono stati pubblicati nel New England Journal of Medicine. Precedenti studi più duraturi hanno rivelato che il tanezumab può accelerare la progressione dell’osteoartrosi – lo studio è stato successivamente sospeso fino a quando la FDA (Food and Drug Administration) potrebbe verificare i dati della sperimentazione e decidere in merito alla sua sicurezza. I ricercatori ritengono che ciò sia avvenuto perché il farmaco ha funzionato troppo bene – alcuni pazienti potrebbero aver abusato delle loro articolazioni perché il dolore era scomparso e li ha danneggiati di più.

I FANS (inibitori antinfiammatori non steroidei) sono comunemente usati per trattare i sintomi dell’osteoartrite, tuttavia quando usati a lungo termine possono causare gravi problemi, come infarti, ictus, sanguinamento gastrointestinale, disfunzione renale e ulcere. Esempi di tali farmaci includono, inibitori di aspirina, naproxene, ibuprofene e COX-2 come Celebrex e Vioxx.

Nancy E. Lane, professore di medicina interna e direttore del UC Davis Center for Healthy Aging, investigatore principale e co-autore, ha dichiarato:

La necessità di trovare nuovi farmaci per il trattamento dell’osteoartrosi è fondamentale. Non abbiamo davvero nulla che rallenti il ​​suo corso e la maggior parte delle persone con una malattia grave finiscono per dipendere dagli analgesici narcotici mentre aspettano di sostituire un’articolazione.

In che modo il Tanezumab riduce il dolore?

  • Il fattore di crescita nervoso è una piccola proteina, è vitale per il mantenimento, la crescita e la sopravvivenza dei neuroni simpatici e sensoriali.
  • Nei pazienti con osteoartrite i cui tessuti sono infiammati, i livelli dei fattori di crescita tendono ad essere molto più alti del normale.
  • Il tanezumab, un anticorpo monoclonale umanizzato, lega e inibisce il fattore di crescita del nervo.
  • Gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che quando il fattore di crescita è inibito, i segni del dolore si riducono.
  • Di conseguenza, gli scienziati hanno sviluppato un nuovo farmaco per bloccare il fattore di crescita nervosa.

Co-autore, Thomas Schnitzer, un reumatologo e professore di medicina fisica e riabilitazione, ha dichiarato:

La linea di fondo è questo è un farmaco molto efficace per alleviare il dolore. Sfortunatamente, sembra che alcune persone continuino a far progredire la loro osteoartrite più rapidamente. La sicurezza a lungo termine di tanezumab deve essere meglio compresa.
In uno studio di Fase II, un nuovo composto (farmaco) viene provato su centinaia di pazienti. L’obiettivo è verificare l’efficacia e la sicurezza – quanto bene funziona e quanto è sicuro da usare. Prima di entrare nel mercato, il composto verrà poi provato in uno studio di Fase III con alcune migliaia di pazienti – il composto viene confrontato con il miglior farmaco che viene utilizzato in quel momento per la malattia / condizione di destinazione.

Alcuni studi di Fase III erano in corso quando arrivarono segnalazioni di un piccolo numero di pazienti che sviluppavano un’artrosi accelerata nelle spalle e nei fianchi. Pfizer, i creatori di tanezumab sono stati invitati dalla FDA a sospendere gli studi clinici in corso nel giugno 2010.

Lane ha detto:

Credo che l’apparente peggioramento delle condizioni di alcuni pazienti possa essere dovuto al fatto che il tanezumab funziona così bene. Le persone si sentono molto meglio che diventano più attive, mettendo più stress sulle loro articolazioni già malate.
Lane ha aggiunto che i candidati di tanezumab appropriati dovranno essere identificati attentamente, in modo che possano usare il farmaco in modo sicuro e appropriato.

Lane ha detto:

Dare tanezumab a persone con la malattia più grave non è probabilmente una scelta saggia. Aumentare il livello di attività di un paziente che ha già bisogno di una sostituzione dell’articolazione potrebbe non essere nel loro migliore interesse.
In questo ultimo studio, 450 pazienti con osteoartrite che hanno avuto dolore al ginocchio dopo / durante la deambulazione hanno ricevuto dosaggi diversi di tanezumab o di un placebo. Hanno ricevuto un’iniezione il primo giorno e un’altra dopo otto settimane.

A loro è stato chiesto di valutare il loro dolore e il loro funzionamento fisico su una scala da 1 a 100.

I ricercatori hanno scoperto che:

  • Oltre 16 settimane, il dolore al ginocchio a piedi è sceso dal basale fino al 62% tra i pazienti di tanezumab
  • Oltre 16 settimane, il dolore al ginocchio a piedi è sceso dal basale fino al 22% tra i pazienti trattati con placebo
  • I pazienti di tanezumab hanno sperimentato più sollievo dalla rigidità rispetto ai pazienti trattati con placebo
  • I pazienti di tanezumab hanno avuto una migliore funzione fisica rispetto ai pazienti trattati con placebo
  • Nel complesso, i pazienti di tanezunab hanno trovato più facile vivere con la malattia degenerativa delle articolazioni

Lane ha detto:

Gli effetti del tanezumab erano notevoli. Le persone che assumevano la droga passavano dall’avere un’attività molto limitata a essere praticamente sulla pista da ballo. Nessun farmaco disponibile oggi ha risultati così drammatici.
Il 55% di quelli trattati con un placebo ha riportato effetti collaterali, rispetto al 68% del tanezumab. I ricercatori riportano anche che quelli con dosaggi di tanezumab più alti avevano più probabilità di manifestare effetti collaterali. Gli effetti indesiderati più comuni, che erano temporanei e ritenuti “minori”, erano:

  • Mal di testa – 9%
  • Sintomi simili al freddo – 7%
  • Parestesie – 7% (formicolio, prurito, intorpidimento o ipersensibilità)
  • I medici hanno scoperto che alcuni pazienti avevano diminuito i riflessi tendinei quando toccavano le ginocchia o le caviglie con un martello medico

Circa 20 milioni di persone negli Stati Uniti sono affette da osteoartrite, gli autori informano. Quando la cartilagine delle articolazioni si rompe e alla fine si secca, il paziente avverte i sintomi caratteristici del dolore ai fianchi, alla colonna vertebrale, ai piedi, alle mani e alle ginocchia.All’inizio, i sofferenti di solito sentono solo dolore al movimento; in alcuni casi gravi, tuttavia, il dolore è persistente, anche a riposo.

Lane aggiunto:

Questo è lo sviluppo del farmaco. Come con qualsiasi nuovo farmaco potenzialmente grande, ti aspetti delle sfide, ma l’importante è condurre le indagini in modo responsabile e aperto.
Fonte: UC Davis Health System

“Tanezumab per il trattamento del dolore da osteoartrosi del ginocchio”
Nancy E. Lane, MD, Thomas J. Schnitzer, MD, Ph.D., Charles A. Birbara, MD, Masoud Mokhtarani, MD, David L. Shelton, Ph.D., Mike D. Smith, Ph.D. e Mark T. Brown, MD
NEJM, 29 settembre 2010 (10.1056 / NEJMoa0901510)

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: