Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il tè freddo può causare calcoli renali

L’estate è alta stagione per bere il tè freddo. Tuttavia, un urologo John Miller, Loyla University Medical Center avverte che il tè freddo può contribuire a calcoli renali dolorosi a causa della sua elevata concentrazione di ossalato, una delle sostanze chimiche chiave che portano alla formazione di calcoli renali.

Circa il 10% delle persone negli Stati Uniti soffre di calcoli renali, un disturbo comune delle vie urinarie.

Il Dr. John Milner, assistente professore presso il Dipartimento di Urologia della Loyola University, Chicago Stritch School of Medicine, spiega: “Per le persone che hanno la tendenza a formare il tipo più comune di calcoli renali, il tè freddo è una delle peggiori cose da bere. “

Bere una quantità insufficiente di liquidi è la causa più comune di calcoli renali, e durante l’estate, quando le persone possono diventare disidratate dalla sudorazione, l’effetto combinato della disidratazione insieme a bere molto tè freddo può aumentare la possibilità di sviluppare calcoli renali, particolare in quelli già a rischio.

Milner ha detto:

“In estate si dice che dovrebbero bere più liquidi, molte persone scelgono di bere più tè freddo, perché ha poche calorie e un sapore migliore dell’acqua, ma in termini di calcoli renali potrebbero fare da soli un disservizio. “
Anche se il tè caldo contiene ossalato, Milner ha detto che è difficile bere quantità sufficienti per causare calcoli renali e le figure della Tea Association degli Stati Uniti rivelano che circa l’85% del tè consumato negli Stati Uniti è ghiacciato.

Rispetto alle donne, gli uomini hanno quattro volte più probabilità di sviluppare calcoli renali, e il rischio aumenta drammaticamente per quelli di 40 anni o più. Anche le donne con bassi livelli di estrogeni, come le donne in postmenopausa e quelle con le ovaie rimosse, sono a rischio più elevato.

I calcoli renali sono piccoli minerali e cristalli di sale che sono tipicamente depositati nelle urine nei reni o negli ureteri, i piccoli tubi che trasportano l’urina dal rene alla vescica. Solitamente i calcoli renali sono così piccoli che vengono espulsi nelle urine senza causare alcun danno. Tuttavia, a volte le pietre crescono abbastanza per essere depositate negli ureteri, causando dolore e disagio.

Milner raccomanda acqua potabile o vera limonata, non la versione in polvere per dissetare e adeguatamente idratare come l’opzione migliore, dicendo: “I limoni sono ricchi di citrati, che inibiscono la crescita dei calcoli renali”.

Raccomanda anche a coloro che sono a rischio di calcoli renali di ridurre determinati alimenti che contengono alte concentrazioni di ossalati, inclusi spinaci, cioccolato, rabarbaro e noci e di consumare meno sale e carne, bere diversi bicchieri d’acqua al giorno e mangiare cibi che forniscono quantità adeguate di calcio in quanto riduce la quantità di ossalato che il corpo assorbe.

Per coloro che bevono tè freddo, che già soffre di calcoli renali, Milner consiglia di consultare uno specialista per vedere se la bevanda potrebbe essere un fattore che contribuisce, in quanto è abbastanza semplice controllare una sovrapproduzione di ossalati.

Milner consiglia: “Come molte persone, mi piace bere tè freddo in estate, ma non esagerare: come con tante cose che comportano uno stile di vita sano, la moderazione è la chiave”.

Scritto da Petra Rattue

Like this post? Please share to your friends: