Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il trattamento di precisione per NF1 si avvicina con indizi di mutazione

Un nuovo studio genetico suggerisce che mutazioni variabili nel gene NF1 possono determinare quali particolari sintomi di malattia insorgono nella sindrome da cancro neurofibromatosi di tipo 1. La scoperta apre la porta alla scoperta di modi per aiutare i medici a decidere il trattamento migliore per i pazienti nati con la malattia.

Filamenti di DNA blu

Lo studio, della Washington University School of Medicine di St. Louis, MO, è pubblicato sulla rivista.

I bambini nati con neurofibromatosi tipo 1 (NF1) di solito sviluppano tumori cerebrali e nervosi, oltre ad altri problemi medici, inclusi difetti della pelle e delle ossa, autismo ed epilessia.

NF1 è tra i più comuni disturbi genetici del mondo, che si verificano in circa 1 ogni 3.000 nascite. Sebbene sia causato da una mutazione del gene che porta il suo nome, i sintomi che ne derivano variano molto, rendendo difficile determinare il miglior corso di trattamento.

Esistono migliaia di diverse mutazioni che possono influenzare la funzione del gene NF1. Studiando l’effetto di una particolare mutazione nei topi, il nuovo studio suggerisce che mutazioni specifiche possono dare origine a caratteristiche cliniche specifiche.

La scoperta avvicina il giorno in cui i dottori saranno in grado di prevedere quali specifici sintomi NF1 possano insorgere nei loro pazienti identificando particolari mutazioni nei loro geni NF1.

Suggerisce che potrebbe essere possibile utilizzare topi geneticamente modificati con mutazioni del gene NF1 specifiche del paziente per predire quali mutazioni sono collegate a quali sintomi della malattia.

L’autore senior David H. Gutmann, professore di neurologia, afferma:

“Questi risultati della fase iniziale ci avvicinano di un passo alla possibilità di personalizzare individualmente il modo in cui monitoriamo e trattiamo le persone con NF1.”

Aumento del rischio di sviluppare iomi ottici

Per il loro studio, il team ha studiato le mutazioni che possono aumentare il rischio di sviluppare gliomi ottici, uno dei tumori cerebrali più comuni che si presentano nei bambini con NF1 e una causa nota di perdita della vista in questi pazienti.

Fatti veloci su NF

  • La neurofibromatosi (NF) si verifica in tutto il mondo in uomini e donne di tutte le razze e gruppi etnici
  • La metà dei casi deriva da mutazioni spontanee nel gene NF
  • La maggior parte delle persone con NF di tipo 1 presenta sintomi all’età di 10 anni.

Ulteriori informazioni su NF

I ricercatori hanno dimostrato che un gruppo di topi portatori di una specifica mutazione del gene NF1 da un paziente umano ha sviluppato gliomi, mentre un secondo gruppo di topi con un’altra mutazione del gene NF1 umano non lo ha fatto. I topi che hanno sviluppato i gliomi hanno anche sviluppato problemi di visione.

Su ulteriori indagini, il team ha scoperto che le mutazioni sembravano influenzare la funzione della microglia – un tipo di cellula immunitaria nel sistema nervoso centrale che fa parte della prima linea di difesa.

Ulteriori esperimenti hanno rivelato che le due mutazioni avevano effetti diversi sul numero e sull’attività della microglia. Il primo gruppo di topi aveva più microglia nel cervello e sviluppavano tumori più grandi e più danni al nervo ottico. Nessun risultato di questo tipo è emerso nel secondo gruppo di topi.

Il team sta ora studiando il meccanismo sottostante attraverso il quale la microglia può aiutare la crescita del glioma ottico e portare alla perdita della vista.

Il prof. Gutmann dice che lui ed i suoi colleghi sono molto entusiasti delle loro scoperte. Egli osserva che possono “ora immaginare di utilizzare una mini-clinica di topi con diverse mutazioni del gene NF1” che potrebbero offrire una “valida rappresentazione dello spettro della variabilità clinica in questo disturbo molto eterogeneo” e aggiunge:

“Inoltre, se mutazioni genetiche specifiche svolgono un ruolo importante nel determinare lo sviluppo del tumore al cervello, le famiglie potrebbero essere meglio informate sul rischio che i loro bambini possano sviluppare tali tumori”.

I ricercatori stanno ora includendo i topi nelle valutazioni delle droghe per lo sviluppo di trattamenti di precisione per bambini e adulti con NF1.

Nel mese di settembre 2014, sono venuti a conoscenza di uno studio che ha rilevato che i difetti di apprendimento e di memoria nella neurofibromatosi sono reversibili in un modello di zebrafish della malattia genetica.

Like this post? Please share to your friends: