Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il trauma può portare ad un aumento di peso nelle donne

Un nuovo studio fornisce un’ulteriore prova del legame tra lo stress psicologico e l’aumento di peso, dopo aver scoperto che il rischio di obesità di una donna può essere aumentato da brutte esperienze di vita.

una donna stressata su una panchina

I ricercatori hanno scoperto che le donne che hanno vissuto eventi traumatici durante la loro vita o eventi di vita negativi negli ultimi 5 anni avevano maggiori probabilità di diventare obese, rispetto alle donne che non avevano vissuto tali eventi.

L’autrice senior Michelle A. Albert, del Centro per lo studio delle avversità e delle malattie cardiovascolari all’Università della California, San Francisco, e colleghi hanno recentemente presentato i loro risultati alle Scientific Sessions 2017 della American Heart Association, tenutesi ad Anaheim, in California. .

L’obesità rimane uno dei maggiori oneri di salute pubblica negli Stati Uniti, colpisce più di un terzo degli adulti e li mette a rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiache, ictus e alcuni tipi di cancro.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che lo stress psicologico può influenzare le nostre abitudini alimentari.

Il Dr. Albert dice: “Sappiamo che lo stress influisce sul comportamento, compreso il fatto che le persone siano sotto o in eccesso, così come l’attività neuro-ormonale, aumentando in parte la produzione di cortisolo, che è correlata all’aumento di peso”.

Tuttavia, i ricercatori osservano che si sa poco su come le esperienze di vita negative o gli eventi traumatici possano influenzare la probabilità dell’obesità. Questo è ciò che il dott. Albert e colleghi hanno cercato di scoprire con il loro nuovo studio.

Il rischio di obesità è aumentato del 36%

I ricercatori hanno analizzato i dati di 21.904 donne di mezza età e anziane che facevano parte dello studio sulla salute delle donne 2012-2013.

Il team ha esaminato il numero di eventi traumatici auto-riportati (come la morte di un bambino, un attacco fisico o una malattia potenzialmente letale) tra le donne, così come il numero di eventi negativi della vita (come la disoccupazione per almeno 3 mesi o essere stati svaligiati) negli ultimi 5 anni.

Hanno quindi esaminato se questi eventi erano associati o meno all’indice di massa corporea (BMI).

I ricercatori hanno definito l’obesità con un BMI di 30 chilogrammi per metro quadrato o superiore e il 23 percento dei partecipanti allo studio ha soddisfatto questa definizione.

Lo studio ha rivelato che le donne che hanno vissuto almeno un evento traumatico nel corso della loro vita avevano l’11% di probabilità in più di diventare obese rispetto alle donne che non avevano avuto eventi traumatici.

Il rischio di diventare obesi era del 36% più alto per le donne che avevano avuto almeno quattro eventi di vita negativi negli ultimi 5 anni, rispetto alle donne che non avevano avuto eventi di vita negativi. Più gli eventi di vita negativi sono durati, maggiore è il rischio di obesità.

È interessante notare che queste associazioni sono risultate essere le più forti tra le donne che si sono impegnate in livelli più alti di attività fisica, anche se la squadra non è in grado di spiegare perché questo è.

Lo stress è un “fattore di rischio per i cambiamenti di peso”

Il dott. Albert ei suoi colleghi ritengono che i loro risultati indicano che eventi traumatici o stressanti possono aumentare il rischio di obesità e che tali eventi dovrebbero essere presi in considerazione quando si tratta di intraprendere interventi di gestione del peso.

“I nostri risultati suggeriscono che lo stress psicologico sotto forma di eventi di vita negativi e traumatici potrebbe rappresentare un importante fattore di rischio per i cambiamenti di peso e, pertanto, dovremmo considerare di includere la valutazione e il trattamento dello stress psicosociale negli approcci alla gestione del peso.”

Dr. Michelle A. Albert

Il team nota che il suo studio è stato solo in grado di valutare come eventi della vita traumatici e negativi sono stati associati con il peso in un determinato momento. Dicono che studi futuri dovrebbero vedere come tali eventi influenzano l’aumento di peso nel tempo.

Like this post? Please share to your friends: