Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il tuo caffè contiene micotossine?

Quella prima tazza di caffè è pura felicità per quelle persone che hanno bisogno della loro soluzione di caffeina mattutina, sia che sia preparata con latte, zucchero o semplicemente nero. Ma che ne dici di una spruzzata di micotossine? Un nuovo studio conferma la presenza di questi metaboliti tossici prodotti dai funghi in campioni di caffè commerciali, portando a preoccupazioni su potenziali rischi per la salute pubblica.

caffè

Lo studio – condotto dal Dr. Emilia Ferrer dell’Università di Valencia in Spagna – è pubblicato sulla rivista.

Lei e i suoi colleghi spiegano che le micotossine sono composti prodotti da funghi filamentosi – come o – che causano problemi di salute e malattia. Questi composti possono essere cancerogeni e possono influenzare il sistema ormonale e immunitario.

Le micotossicosi sono l’effetto tossico delle micotossine sulla salute umana e animale. L’esposizione a questi composti è tipicamente dovuta all’ingestione, ma può anche avvenire attraverso la pelle o attraverso l’inalazione.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’interesse generale per le micotossine si è verificato nel 1960, quando la malattia del tacchino X – una forma di micotossicosi correlata all’alimentazione animale – sorse in animali da fattoria in Inghilterra.

Da ciò è emerso che queste tossine sono epatocarcinogeni – agenti che causano il cancro al fegato – e hanno quindi iniziato ricerche più approfondite sulle micotossine.

La presenza di queste tossine su cereali, noci e altri prodotti suscettibili alle muffe è determinata da fattori ambientali, tra cui temperatura, umidità e quantità di pioggia durante i cicli di raccolta.

Poiché la presenza di micotossine negli alimenti e nei mangimi non è del tutto evitabile, i regolamenti consentono a questi prodotti di contenere una piccola quantità di queste tossine.

In questo ultimo studio, i ricercatori hanno effettuato la loro analisi utilizzando una metodologia chiamata cromatografia liquida-spettrometria di massa tandem (LC-MS / MS), che prevede l’accoppiamento di una tecnica di separazione molecolare con un’altra tecnica per identificare accuratamente le molecole in base al loro peso.

Cinque campioni superano i livelli consentiti

Il dott. Ferrer e colleghi hanno analizzato 100 campioni di caffè venduti nei supermercati in Spagna per confermare la presenza di micotossine.

In dettaglio, hanno trovato la presenza di fumonisine, aflatossine, tricoteceni e micotossine emergenti in concentrazioni comprese tra 0,10-3,570 μg / kg. Hanno anche scoperto che cinque dei campioni contenevano ocratossina A in quantità che superano gli attuali livelli massimi consentiti.

“L’unica micotossina legiferata è l’ocratossina A”, afferma il dott. Ferrer. “Abbiamo rilevato basse concentrazioni di questa micotossina nei campioni di caffè, sebbene cinque dei campioni abbiano superato i livelli consentiti.”

L’ocratossina A è stata precedentemente associata a nefropatia e tumori dell’urotelia nell’uomo e, come tale, la legislazione europea ha fissato un livello massimo consentito di 5 μg / kg per caffè torrefatto o caffè macinato e 10 μg / kg per caffè solubile o istantaneo .

I ricercatori spiegano che i cinque campioni che superavano questo limite consistevano in due campioni di caffè decaffeinato (6,20 e 9,30 μg / kg), due campioni di capsule di caffè contenenti caffeina (6,91 e 11,43 μg / kg) e una capsula di caffè decaffeinato (32,40 ug / kg).

‘Il controllo rigoroso del cibo è di notevole importanza’

Sebbene la capsula di caffè decaffeinato abbia superato il limite di sei volte, i ricercatori dicono che i loro risultati non sono “allarmanti”. Tuttavia, raccomandano una valutazione del rischio per la salute della popolazione che l’esposizione alle micotossine dai caffè presenti.

Commentando i loro risultati, il Dr. Ferrer dice:

“Una mancanza di legislazione sul caffè riguardante il resto delle micotossine che sono state rilevate, i loro effetti tossici e i valori di concentrazione ottenuti stanno rendendo necessario prestare particolare attenzione a questi contaminanti che sono presenti in un prodotto che viene consumato così tanto. “

I ricercatori stanno attualmente esaminando la possibile riduzione o interazione di micotossine con componenti di caffè e altri prodotti alimentari, poiché non tutti funzionano allo stesso modo. Questa ricerca sta anche esaminando gli effetti delle diverse tecnologie di trattamento del caffè, inclusi il tempo e la temperatura.

L’OMS afferma che, dati gli attuali modelli commerciali, le micotossicosi che derivano da alimenti contaminati – coltivati ​​localmente o importati – potrebbero verificarsi sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli sviluppati.

“Il rigoroso controllo di alimenti e mangimi e misure appropriate di sanità pubblica sono quindi di notevole importanza nel ridurre i rischi per la salute umana e animale”, aggiunge l’organizzazione.

Nonostante questi rischi per la salute associati alle micotossine nel caffè, sono stati condotti numerosi studi che pubblicizzano i benefici per la salute del caffè, tra cui una migliore sopravvivenza per i pazienti con cancro del colon e un ridotto rischio di melanoma.

Like this post? Please share to your friends: