Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il vaccino personalizzato combatte il cancro nella sperimentazione clinica

Nell’ultima incursione nella medicina personalizzata, gli scienziati progettano vaccini tumorali specifici per il tumore di ciascun paziente. Anche se la tecnologia è agli inizi e il processo è su piccola scala, i risultati sono incredibilmente promettenti.

Scienziato in un laboratorio

Negli ultimi anni, ci sono stati vari tentativi di produrre vaccini contro il cancro.

La maggior parte di questi sforzi si è concentrata sulla progettazione di un vaccino che riconosce un bersaglio generico su un tumore.

Questo metodo ha assicurato che il vaccino sarebbe stato in grado di attaccare la maggior parte dei tumori, ma significava anche che mancava specificità – ogni tumore è diverso.

Recentemente, i ricercatori hanno iniziato a progettare un vaccino molto più specifico per il paziente. Hanno tentato di personalizzare un vaccino per adattarsi specificamente alla malattia individuale del paziente.

La ricerca si è svolta in una serie di istituzioni, tra cui l’Università della Pennsylvania a Filadelfia e la filiale di Losanna dell’Istituto Ludwig per la ricerca sul cancro in Svizzera.

Il team si è concentrato su persone con un tumore ovarico avanzato, un cancro particolarmente difficile da gestire; il trattamento prevede normalmente un intervento chirurgico seguito da chemioterapia e, sebbene inizialmente vi sia una buona risposta, i pazienti tendono a ricadere e diventano resistenti al trattamento.

Sebbene lo studio si sia limitato a determinare se un tale trattamento personalizzato fosse possibile e sicuro, i risultati sono stati positivi e gli autori ritengono che la tecnologia abbia un potenziale enorme.

Creazione di un vaccino tumorale personalizzato

Ogni tumore ha il suo insieme di mutazioni, rendendolo unico. Il vaccino progettato dal team era un cosiddetto vaccino contro il tumore intero. Ciò significa che, anziché mirare a una sola regione del tumore, attacca centinaia o persino migliaia di siti.

L’autore dello studio principale Dr. Janos L. Tanyi spiega: “L’idea è di mobilitare una risposta immunitaria che possa colpire il tumore in modo molto ampio, colpendo una varietà di marcatori, inclusi alcuni che potrebbero essere trovati solo su quel particolare tumore”.

Naturalmente, le cellule T innalzano una risposta immunitaria contro i tumori, ma questo vaccino aumenta il loro attacco e li aiuta a superare le robuste difese del cancro. I risultati della squadra sono stati pubblicati questa settimana sul giornale.

Per creare questi vaccini, il dottor Tanyi e il team hanno esaminato attentamente le cellule immunitarie presenti nel sangue dei pazienti. Erano alla ricerca di cellule precursori che potevano estrarre e crescere in laboratorio. Da questi, hanno sviluppato una popolazione di cellule dendritiche.

Le cellule dendritiche sono messaggeri, in quanto consumano materiale antigenico (in questo caso parti di un tumore) e lo presentano alle cellule T per stimolare una risposta.

Le cellule dendritiche sono state prelevate dal sangue dei pazienti e quindi introdotte negli estratti dei loro tumori e attivate con l’interferone gamma, che è una sostanza chimica che è fondamentale nella risposta immunitaria. Infine, sono stati iniettati nei linfonodi dei pazienti.

Questa procedura è stata eseguita su 25 pazienti. Ogni partecipante ha ricevuto una dose delle cellule dendritiche accuratamente raccolte ogni 3 settimane. Alcuni partecipanti hanno continuato questo regime per 2 anni.

Risultati promettenti giustificano ulteriori lavori

Circa la metà dei pazienti che potrebbero essere valutati ha sperimentato un aumento significativo del numero di cellule T reattive al materiale tumorale. Questi “responder” tendevano a sopravvivere più a lungo senza progressione del tumore, rispetto ai non responder.

“Il tasso di sopravvivenza globale a 2 anni di questi pazienti responder era del 100%, mentre il tasso per i non responder era solo del 25%.”

Dr. Janos L. Tanyi

Un partecipante – un bambino di 46 anni – aveva già ricevuto cinque cicli di chemioterapia per il cancro ovarico prima dell’inizio dello studio pilota. All’inizio del processo, il suo tumore è stato classificato come stadio 4. Il tumore ovarico è notoriamente difficile da trattare, e nella fase 4, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è solo del 17%.

In questo studio, il paziente ha ricevuto 28 dosi di vaccino personalizzato, distribuite su 24 mesi. È rimasta senza cancro per 5 anni.

I risultati sono impressionanti, dato il tipo e la gravità del cancro trattato, ma è importante ricordare che si tratta di uno studio pilota e saranno necessarie molte più ricerche.

“Questo vaccino”, spiega il dott. Tanyi, “sembra essere sicuro per i pazienti e provoca un’ampia immunità anti-tumorale – riteniamo che meriti ulteriori test in studi clinici più ampi”.

C’è una grande quantità di ricerche in corso che sta esaminando la risposta immunitaria del corpo al cancro e come potrebbe essere migliorata. Ad oggi, tuttavia, questi sforzi hanno avuto risultati contrastanti perché i tumori hanno una serie impressionante di tecniche difensive.

Il Dr. Tanyi ritiene che questo vaccino potrebbe avere un particolare successo se è abbinato ad altri farmaci che indeboliscono la capacità del tumore di combattere il sistema immunitario.

Like this post? Please share to your friends: