Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Immaginazione: come e dove si verifica nel cervello?

Ti sei mai chiesto da dove viene l’immaginazione, cosa ci rende creativi, perché pensiamo scientificamente o creiamo arte e inventiamo strumenti? I filosofi hanno discusso per migliaia di anni sull’essenza dell’immaginazione. Gli scienziati del Dartmouth College ritengono che il loro studio ci avvicini alla risposta.

Secondo il ricercatore principale, Alex Schlegel, uno studente laureato nel Dipartimento di Scienze Psicologiche e del Cervello, la risposta sta nello “spazio di lavoro mentale” del cervello umano, una rete neuronale diffusa che coordina l’attività in diverse regioni del cervello e manipola consapevolmente i simboli, immagini, idee e teorie.

Lo studio, che è stato pubblicato nel, mostra come gli esseri umani sono in grado di concentrarsi intensamente e rapidamente per risolvere problemi complessi e pensare nuove idee.

Schlegel ha detto:

“Le nostre scoperte ci avvicinano alla comprensione di come l’organizzazione del nostro cervello ci distingue dalle altre specie e ci fornisce un così ricco spazio di gioco interno per pensare liberamente e creativamente.

Comprendere queste differenze ci consentirà di capire da dove viene la creatività umana e, eventualmente, di consentirci di ricreare quegli stessi processi creativi nelle macchine “.

Dimostrare come avviene l’immaginazione non è facile

I ricercatori hanno a lungo suggerito che l’immaginazione umana esiste grazie a una rete neurale diffusa nel cervello.

Tuttavia, dimostrando chiaramente che un tale “spazio di lavoro mentale” esiste è stato estremamente difficile con le tecniche disponibili che sono riuscite solo ad esaminare l’attività cerebrale in isolamento.

Come manipoliamo le immagini mentali?

Gli scienziati di Dartmouth hanno affrontato la questione ponendo la domanda “In che modo il cervello ci consente di manipolare le immagini mentali?”

Gli autori hanno dato l’esempio degli umani che sono stati invitati a immaginare un calabrone con la testa di un toro. Molti di noi troverebbero il compito facile. Tuttavia, per far apparire l’immagine nella nostra mente, il cervello umano deve costruire un’immagine completamente nuova, apparentemente dal nulla.

A quindici volontari è stato chiesto di evocare nelle loro menti forme visive specifiche e quindi combinarle mentalmente in figure più complicate. Altri hanno dovuto creare immagini complesse nelle loro menti e poi smantellarle mentalmente nelle loro parti separate.

Con l’uso di fMRI (risonanza magnetica funzionale) il team è stato in grado di misurare l’attività cerebrale dei volontari. Qual è la differenza tra fMRI e MRI? – In parole povere, la risonanza magnetica esamina la struttura anatomica, mentre una fMRI vede la funzione metabolica. In altre parole, la risonanza magnetica guarda cosa c’è, mentre l’fMRI ti dice cosa sta succedendo lì.

Schlegal e colleghi si aspettavano che la corteccia visiva – la parte del cervello che elabora le immagini – fosse attivamente coinvolta nella guida della manipolazione mentale. Il loro studio lo confermò, ma scoprirono anche che molte altre regioni sembravano essere coinvolte nella manipolazione di forme immaginarie.

Area di lavoro mentale
Diverse aree del cervello mostrano attività differenziale nello studio utilizzando fMRI
misurare come gli umani manipolano le immagini mentali (Credit: Alex Schlegel)

Lo studio ha confermato ciò che la maggior parte degli studiosi aveva teorizzato: che lo “spazio di lavoro mentale” è responsabile della maggior parte dell’esperienza umana consapevole e delle abilità cognitive flessibili che noi (umani) abbiamo evoluto.

Il team ha aggiunto che sono necessari ulteriori studi per capire meglio come funzionano queste reti neurali.

Questo studio mostra che quando si tratta di comportamenti cognitivi umani complessi, abbiamo bisogno di guardare a come il cervello agisce nel suo complesso, piuttosto che nelle sue parti isolate.

L’immaginazione influenza il modo in cui vediamo e ascoltiamo

Il modo in cui percepiamo il mondo che ci circonda è influenzato dalla nostra immaginazione, in misura molto maggiore di quanto non ci rendiamo conto, hanno spiegato i ricercatori dell’Istituto Karolinska sulla rivista.

I pensieri che emergono “nella nostra testa” possono alterare la nostra percezione effettiva.

L’autore senior, Christopher Berger, ha dichiarato: “Spesso pensiamo alle cose che immaginiamo e alle cose che percepiamo come chiaramente dissociabili, ma ciò che questo studio dimostra è che la nostra immaginazione di un suono o di una forma cambia il modo in cui percepiamo il mondo intorno a noi allo stesso modo, ascoltando quel suono o vedendo quella forma, in particolare, abbiamo scoperto che ciò che immaginiamo di sentire può cambiare ciò che vediamo realmente, e ciò che immaginiamo di vedere può cambiare ciò che sentiamo realmente “.

I ricercatori ritengono che le loro scoperte possano aiutare a capire meglio i meccanismi con cui il cervello umano non riesce a differenziare il pensiero e la realtà nella schizofrenia e in altri disturbi psichiatrici.

Like this post? Please share to your friends: