Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Immunoterapia per il cancro ai polmoni: cosa devi sapere

L’immunoterapia, nota anche come terapia biologica, può giovare alla gente che combatte alcuni tipi di cancro ai polmoni.

Questa opzione di trattamento utilizza farmaci per stimolare il sistema immunitario del corpo in modo che possa combattere le cellule tumorali in modo più efficace.

L’immunoterapia ha cambiato il modo in cui i medici trattano molti tipi di cancro, incluso il cancro del polmone.

In questo articolo, guardiamo a come funziona l’immunoterapia, come potrebbe aiutare le persone con cancro ai polmoni e quali potrebbero essere gli effetti collaterali.

Cos’è l’immunoterapia per il cancro del polmone?

pillole in una pentola

L’immunoterapia è un’opzione di trattamento relativamente nuova per una varietà di tumori, compreso il cancro del polmone. L’immunoterapia aiuta il sistema immunitario esistente del corpo a riconoscere e attaccare le cellule tumorali.

Esistono diversi tipi di immunoterapia per combattere il cancro del polmone. Questi includono:

  • inibitori del checkpoint immunitario
  • terapia delle cellule T adottive
  • vaccini terapeutici

I diversi tipi di terapie offrono modi alternativi per il corpo di attaccare le cellule tumorali.

C’è ancora bisogno di ulteriori ricerche sull’efficacia di questi trattamenti, che beneficiano maggiormente del loro uso e della loro sicurezza generale.

Come funziona l’immunoterapia?

I diversi tipi di immunoterapia funzionano in vari modi.

Inibitori di checkpoint immuni

Il sistema immunitario di una persona funziona monitorando costantemente il corpo per oggetti estranei, come batteri, funghi e virus.

Le cellule immunitarie portano certe molecole che impediscono al sistema immunitario di attaccare cellule e tessuti normali. Le cellule normali o regolari usano queste molecole come un checkpoint. Tuttavia, le cellule tumorali usano questi stessi checkpoint per evitare il rilevamento dal sistema immunitario.

Gli inibitori del checkpoint immunitario impediscono alle cellule tumorali di utilizzare questi checkpoint contro il sistema immunitario. Quando le cellule tumorali non possono più utilizzare i checkpoint, il sistema immunitario bersaglia e attacca le cellule tumorali.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato alcune varietà di inibitori del checkpoint immunitario per il trattamento del cancro del polmone. Questi farmaci si dividono in due categorie: inibitori PD1 o PD-L1 e inibitori CTLA-4.

Gli inibitori della PD1 o della PD-L1 bloccano la capacità del cancro ai polmoni di utilizzare i checkpoint trovati sulle cellule T. Le cellule T pattugliano il corpo, alla ricerca di minacce. Impedire alle cellule tumorali di utilizzare questi checkpoint permette alle cellule T di colpire e attaccare le cellule tumorali.

Esempi di inibitori PD1 o PD-L1 includono:

  • nivoluma
  • durvalumab
  • atezolizumab
  • pembrozulimab
  • avelumab

Gli inibitori CTLA-4 funzionano in modo leggermente diverso rispetto ai tipi PD1 o PD-L1. Gli inibitori del CTLA-4 fanno lavorare le cellule T, facendole attivamente cercare e distruggere le cellule tumorali.

Al momento non ci sono molte opzioni CTLA-4 disponibili. Infatti, solo un tipo, ipilimumab, è stato approvato e viene usato con successo per trattare i tumori del melanoma. La ricerca è ancora in corso negli inibitori CTLA-4 per il trattamento del cancro del polmone.

Terapia delle cellule T adottiva

La terapia con le cellule T adottiva prevede la rimozione delle cellule T dal corpo di una persona. Una volta rimossi, i linfociti T vengono riprogrammati per cercare e distruggere le cellule tumorali e quindi rimetterli nel corpo della persona.

Finora, la terapia delle cellule T adottiva mostra alcuni risultati promettenti nel trattamento dei tumori.

Sono necessarie ulteriori ricerche prima che la terapia con cellule T adottive venga ampiamente utilizzata per il trattamento del cancro del polmone, tuttavia.

Vaccini terapeutici

I vaccini terapeutici funzionano prendendo di mira le caratteristiche delle cellule tumorali conosciute come antigeni che dicono al corpo che le cellule non sono ricercate.

I vaccini colpiscono gli antigeni che si trovano tipicamente nelle persone con cancro ai polmoni. Questi antigeni comprendono MAGE-3 e NY-SEO-1, ma gli scienziati stanno attualmente testando vaccini contro altri antigeni per curare il cancro del polmone.

Molti vaccini sono attualmente in fase di sperimentazione per testare come funzioneranno con i vari tipi di cancro ai polmoni.

Chi ha bisogno di immunoterapia?

chemioterapia per un paziente maschio

Le persone che hanno determinati tipi di carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) sono i tipici destinatari dell’immunoterapia.

Spesso l’immunoterapia viene somministrata a persone il cui tumore è tornato dopo il trattamento. A volte, tuttavia, l’immunoterapia è un trattamento primario ed è spesso associata alla chemioterapia.

Sfortunatamente, i medici non sono ancora in grado di prevedere quali persone trarranno beneficio dall’immunoterapia.

Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare il motivo per cui alcune persone rispondono molto bene mentre altre non rispondono affatto.

Benefici, rischi ed effetti collaterali

Le persone che rispondono bene alle immunoterapie sperimenteranno meno effetti collaterali rispetto al trattamento di chemioterapia tradizionale.

Quando l’immunoterapia funziona, può anche efficacemente eliminare e fermare le recidive del cancro.

Alcuni degli effetti collaterali più lievi includono:

  • dolori articolari
  • fatica
  • tosse
  • perdita di appetito
  • diarrea
  • nausea
  • pizzicore
  • eruzione cutanea
  • stipsi

Sfortunatamente, alcune persone che usano l’immunoterapia sono a rischio di un eccesso di attivazione del loro sistema immunitario. In questi casi più estremi, il sistema immunitario inizia ad attaccare i tessuti sani e gli organi nel corpo della persona.

Se ciò accade, le persone dovrebbero interrompere il trattamento immunoterapico e assumere steroidi per rallentare il sistema immunitario.

alternative

Ci sono una varietà di alternative all’immunoterapia. Molte di queste opzioni sono in uso da alcuni anni.

Alcune alternative basate sull’evidenza includono:

  • intervento chirurgico per rimuovere parzialmente il polmone e alcuni linfonodi
  • chemioterapia
  • radiazione
  • terapia mirata

Alcune di queste alternative possono anche essere combinate per il trattamento del cancro del polmone.

Ricerca e futuro

ricercatori che lavorano in un laboratorio

I ricercatori sono molto ottimisti per il futuro delle immunoterapie, ma riconoscono anche che c’è ancora molto da imparare.

La quantità di ricerche sull’efficacia e sulla sicurezza dell’immunoterapia per le persone con cancro ai polmoni è limitata ma in crescita.

Gli studi precoci e continuati offrono la speranza che il trattamento immunoterapico possa essere un modo importante per combattere il cancro del polmone e altre forme di cancro.

Alcuni ricercatori stanno attualmente esaminando il motivo per cui l’immunoterapia non è un trattamento per il cancro efficace per tutte le persone. La ricerca si sta inoltre concentrando sulla “medicina personalizzata”, che comporta la previsione o la determinazione di chi trarrebbe maggior beneficio dall’immunoterapia.

Secondo i ricercatori della Translational Lung Cancer Research, sono necessarie ulteriori ricerche per identificare quali persone trarranno maggior beneficio dai trattamenti di immunoterapia.

prospettiva

L’immunoterapia per il trattamento di persone con tumori al polmone sia precoci che avanzati ha un futuro promettente.

La ricerca attuale ha dimostrato che vari tipi di immunoterapia hanno avuto risultati eccellenti nel trattamento del cancro ai polmoni o di altri tipi di cancro, come il cancro della pelle.

Molti ricercatori indicano che l’immunoterapia è il futuro del trattamento del cancro. Nei prossimi decenni, è probabile che si svolgeranno molte ricerche e l’immunoterapia continuerà a ricevere molta attenzione.

Like this post? Please share to your friends: