Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo i broccoli aiutano a prevenire il cancro? Lo studio fa luce

Ricerche precedenti hanno suggerito che il sulforafano, un composto presente nei broccoli e in altre verdure crocifere, può aiutare a prevenire il cancro o rallentarne la progressione. Un nuovo studio potrebbe aver scoperto come.

[Una ciotola di broccoli]

I ricercatori dell’Oregon State University (OSU) hanno scoperto che il sulforafano ha ridotto l’espressione di lunghi RNA non codificanti (lncRNA) nelle cellule del cancro alla prostata, che ha interrotto la capacità delle cellule di formare colonie – una caratteristica del cancro metastatico.

Precedentemente ritenuti “DNA spazzatura” senza funzioni significative, gli lncRNA sono sempre più emersi come attori chiave nello sviluppo di numerosi tumori, tra cui tumori della prostata, della mammella, dello stomaco e del polmone.

Gli studi hanno suggerito che gli lncRNA possono regolare l’espressione genica – il processo mediante il quale i geni vengono attivati ​​o disattivati ​​per svolgere il loro lavoro. Quando gli lncRNA diventano disregolati, si ritiene che possano alimentare lo sviluppo della malattia.

Non solo il nuovo studio fornisce ulteriori prove del ruolo degli lncRNA nel cancro, ma supporta la ricerca precedente che ha accennato agli effetti antitumorali del sulforafano.

“È ovviamente interessante che questo composto dietetico, che si trova in alcuni dei suoi più alti livelli di broccoli, possa influenzare gli lncRNA”, afferma la ricercatrice principale dello studio Emily Ho, del Moore Family Center per alimenti integrali, nutrizione e salute preventiva presso l’OSU.

“Questo potrebbe aprire la porta a tutta una serie di nuove strategie alimentari, alimenti o farmaci che potrebbero svolgere un ruolo nella soppressione del cancro o nel controllo terapeutico”, aggiunge.

Ho e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati in.

Sulforaphane ha portato a una riduzione quadrupla della formazione di colonie

Per raggiungere i loro risultati, i ricercatori hanno condotto il sequenziamento dell’intero genoma su normali cellule della prostata epiteliale umana e cellule di cancro alla prostata.

Hanno scoperto che le cellule del cancro alla prostata mostravano alta espressione di lncRNA, in particolare uno chiamato LINC01116.

Tuttavia, quando il team ha somministrato sulforafano alle cellule tumorali della prostata, i livelli di LINC01116 sono stati ridotti, portando a una riduzione quadrupla della capacità delle cellule di formare colonie.

Secondo i ricercatori, le loro scoperte supportano l’idea degli IncRNA come bersaglio per la prevenzione del cancro e suggeriscono che l’assunzione di sulforaphane può essere un modo fattibile per colpire queste molecole.

L’autrice principale dello studio, Laura Beaver, del Linus Pauling Institute e del College of Public Health e Human Sciences dell’OSU, afferma che i loro risultati possono avere non solo implicazioni per la prevenzione del cancro, ma anche per il trattamento del cancro.

“Sarebbe di grande valore se potessimo sviluppare metodi per rallentare notevolmente il progresso del cancro, [e] aiutarlo a evitare che diventi invasivo”, osserva.

Mentre sono necessari ulteriori studi per capire meglio come il sulforafano possa prevenire e rallentare il cancro, i ricercatori ritengono che le loro scoperte contribuiscano a far luce.

Gli autori concludono:

“Queste scoperte dimostrano che gli lncRNA possono svolgere un ruolo importante nello sviluppo del cancro e possono essere utili bersagli per la prevenzione, l’individuazione e il trattamento del cancro”.

Scopri come i broccoli possono aiutare a proteggere dal cancro del fegato.

Like this post? Please share to your friends: