Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo il bisfenolo A influisce sulla salute?

Il bisfenolo A, o BPA, è una sostanza chimica presente in molte plastiche dure che usiamo ogni giorno. Dosi più elevate sono state collegate alla sterilità e ad altri problemi di salute.

I prodotti che contengono BPA comprendono bottiglie d’acqua, biberon, otturazioni e sigillanti dentali, dispositivi dentali, dispositivi medici, lenti per occhiali, DVD e CD, articoli elettronici domestici e attrezzature sportive.

Può anche essere trovato in resine epossidiche che vengono utilizzate per rivestire l’interno di lattine di alimenti e bevande.

Grandi quantità di BPA vengono prodotte ogni anno. Leaching in cibo e acqua, e gli esseri umani sono ampiamente esposti ad esso.

Curiosità sul bisfenolo A o BPA

Ecco alcuni punti chiave sul BPA. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Il BPA è presente tutto intorno a noi nell’ambiente e nei prodotti fabbricati.
  • La ricerca ha collegato l’esposizione a problemi di fertilità, impotenza maschile, malattie cardiache e altre condizioni.
  • Alcuni rapporti dicono che gli attuali livelli di BPA sono bassi e non rappresentano un pericolo per gli esseri umani.
  • I suggerimenti per evitare l’esposizione includono neonati che allattano e non comprano cibo in imballaggi di plastica.

pericoli

Donna che beve dalla bottiglia di plastica dura.

Il BPA è un distruttore endocrino.

Può imitare gli ormoni del corpo e può interferire con la produzione, la secrezione, il trasporto, l’azione, la funzione e l’eliminazione degli ormoni naturali.

Il BPA può comportarsi in modo simile agli estrogeni e ad altri ormoni nel corpo umano.

Si dice che i neonati e i bambini piccoli siano particolarmente sensibili agli effetti del BPA.

La ricerca suggerisce che può avere un impatto sulla salute umana in vari modi.

Disturbi riproduttivi

Nel 2013, gli scienziati del Brigham and Women’s Hospital hanno pubblicato risultati che dimostrano che l’esposizione al BPA può influenzare la maturazione delle uova negli esseri umani.

Una revisione di studi precedenti, pubblicata nel 2015, ha trovato prove che il BPA può interferire con la funzione endocrina che coinvolge l’ipotalamo e la ghiandola pituitaria.

I ricercatori hanno suggerito che questo tipo di azione può influenzare la pubertà e l’ovulazione e che può portare alla sterilità.

Gli autori aggiungono: “Gli effetti dannosi sulla riproduzione possono essere permanenti e transgenerazionali”.

L’impotenza maschile può essere influenzata, secondo uno studio che ha esaminato l’effetto dell’esposizione degli uomini al BPA al lavoro. I risultati hanno indicato che l’esposizione ad alto livello può aumentare il rischio di disfunzione erettile e problemi con il desiderio sessuale e l’eiaculazione.

Malattia del cuore

La ricerca ha collegato anche l’esposizione al BPA a basso dosaggio a problemi cardiovascolari, tra cui cardiopatia ischemica, angina, infarto, ipertensione e malattia delle arterie periferiche.

I risultati suggeriscono che questo tipo di esposizione potrebbe causare aritmie, aterosclerosi e alterazioni della pressione arteriosa.

Diabete di tipo 2 e peso corporeo

Esistono prove del fatto che un’esposizione a basso livello al BPA potrebbe contribuire all’insulino resistenza e quindi al diabete di tipo 2. Prove meno affidabili indicano che potrebbe anche avere un impatto sul peso corporeo.

Sviluppo del cervello fetale

L’esposizione ambientale al BPA ha il potenziale di influenzare il cervello in via di sviluppo durante la gestazione, secondo la ricerca.

L’impatto include cambiamenti nello sviluppo strutturale, interferenze con la regolazione degli estrogeni, modifiche del DNA. Ciò potrebbe avere effetti sul comportamento sociale e sull’ansia dopo la nascita.

Cancro al seno e alla prostata

Gli scienziati ritengono che il BPA, con il suo comportamento simile a quello degli estrogeni, potrebbe aumentare il rischio di cancro al seno, alla prostata e ad altri tumori nelle persone che ne sono state esposte nell’utero.

Nel 2015, un gruppo di ricercatori ha concluso che “l’esposizione fetale al BPA potrebbe portare a effetti” duraturi “sulla carcinogenesi di alcuni organi,” potenzialmente portando allo sviluppo di tumori correlati agli ormoni.

Gli scienziati hanno anche scoperto che il BPA potrebbe interferire con l’efficacia della chemioterapia nel trattamento del cancro al seno.

Asma

Una revisione sistematica pubblicata nel 2016 ha rilevato che l’esposizione al BPA prima della nascita aumenta il rischio di sibili e asma, specialmente se si è verificato durante il secondo trimestre.

fonti

Le autorità pubbliche stabiliscono i livelli di sicurezza del BPA, ma permangono preoccupazioni riguardo ai gradi di esposizione.

[Sigillante dentale bisfenolo A]

Uno studio del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha trovato BPA in quasi tutti i campioni di urina umana, suggerendo che l’esposizione è diffusa negli Stati Uniti (Stati Uniti).

Il CDC nota che le persone sono comunemente esposte a bassi livelli di BPA quando consumano cibo o acqua che sono stati conservati in contenitori realizzati con la sostanza chimica.

I bambini possono anche essere esposti toccando oggetti che sono fatti con BPA e poi mettendosi le mani in bocca o mettendo la bocca sull’oggetto.

Altri mezzi di esposizione includono:

  • avere sigillanti dentali che contengono BPA
  • lavorando in luoghi che producono prodotti con BPA in loro
  • usare detergenti aggressivi, liquidi per alte temperature o prodotti contenenti liquidi acidi per pulire i contenitori

La carta termica e la carta autocopiante possono anche contenere diversi livelli di BPA, che si depositano sulle mani e sulle dita. La carta termica è comunemente usata nei biglietti e nelle etichette dei cinema.

Il BPA entra probabilmente nel sistema quando le dita vengono posizionate nella bocca, piuttosto che attraverso la pelle.

Uno studio di 77 studenti dell’università di Harvard ha rilevato che una settimana di acqua potabile da bottiglie di policarbonato ha aumentato i livelli di BPA di due terzi. Ciò suggerisce che il consumo regolare di acqua da tali bottiglie aumenta significativamente l’esposizione al BPA.

Il BPA viene usato nei biberon del bambino, quindi l’allattamento al seno può ridurre i livelli di esposizione al BPA.

Quanto è grave il rischio?

Nell’agosto 2010, un rapporto del Programma nazionale di tossicologia ha concluso che i livelli attuali di aumento del BPA:

  • una certa preoccupazione per l’effetto sul cervello, sul comportamento e sulla ghiandola prostatica nei feti, nei neonati e nei bambini
  • preoccupazione minima per l’effetto sulla ghiandola mammaria e la pubertà precoce
  • preoccupazione trascurabile che l’esposizione al BPA porterà ad anomalie fetali, basso peso alla nascita e problemi riproduttivi

Mentre queste fonti di esposizione potenziale sono riconosciute, un rapporto sui pericoli del BPA per l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sottolinea che i tassi di esposizione nelle indagini tendono ad essere più alti di quelli che si stima esistano nella maggior parte degli ambienti.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti (USA) continua a sostenere l’uso del BPA negli attuali imballaggi alimentari, perché la quantità che si riversa nel cibo è piccola.

Evitare l’esposizione

È difficile evitare il BPA perché è così diffuso nell’ambiente, ma alcuni suggerimenti possono aiutare a minimizzare l’esposizione:

  • verificare l’assenza di un’etichetta BPA sugli alimenti e sugli imballaggi
  • comprare e conservare alimenti in barattoli di vetro, non di plastica
  • utilizzare prodotti freschi, congelati o essiccati, non in scatola
  • evitare di cuocere al microonde cibi in contenitori di plastica
  • non lavare i contenitori di plastica in lavastoviglie o usare detergenti aggressivi su di essi
  • scegli giocattoli di legno invece di plastica
  • allattare al seno i bambini il più a lungo possibile, invece di nutrire i biberon

Uno studio ha suggerito che, dopo soli 3 giorni di assunzione di una dieta alimentare fresca senza prodotti presi da una lattina o da imballaggi di plastica, i livelli di BPA nei corpi dei partecipanti sono diminuiti in modo significativo.

Like this post? Please share to your friends: