Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo il cancro elude il sistema immunitario? Nuovo meccanismo rivelato

La capacità del cancro di eludere il sistema immunitario del nostro corpo ha a lungo interrogato i ricercatori. L’ultimo studio individua uno dei mantelli protettivi del cancro e indaga un modo per rimuoverlo.

Illustrazione del cancro di immunoterapia

Le cellule tumorali sono cellule che sono andate male; entrambi si moltiplicano deselezionati e funzionano in modo errato. Normalmente, le cellule che sono difettose, morte o morenti vengono eliminate dal sistema immunitario.

I macrofagi – un tipo di globuli bianchi – sono in gran parte responsabili del consumo e della distruzione di invasori stranieri e cellule erranti.

Sebbene i macrofagi eseguano normalmente i loro attacchi con efficienza spietata, alcune cellule tumorali riescono a sfuggire al loro sguardo vagante. In che modo le cellule tumorali volano sotto il radar del sistema immunitario?

Nel 2009, il dott. Irving Weissman, direttore dell’Istituto di Stanford per la biologia delle cellule staminali e la medicina rigenerativa, ha pubblicato una ricerca che va in qualche modo a rispondere a questa domanda. Hanno identificato un segnale “non mangiarmi” sulle cellule tumorali.

Il primo segnale “non mangiami”

Il Dr. Weissman ha dimostrato che cellule tumorali particolarmente aggressive esprimono livelli più elevati di CD47 – una proteina transmembrana – sulla loro superficie cellulare. CD47 si lega a una proteina chiamata SIRPalpha sulla superficie dei macrofagi, riducendo la loro capacità di attaccare e uccidere le cellule tumorali.

Studi condotti su animali hanno dimostrato che il trattamento con un anticorpo anti-CD47 aumenta significativamente la capacità dei macrofagi di uccidere le cellule tumorali. In alcuni modelli murini di cancro, il trattamento ha anche portato a una cura. Sono in corso studi clinici per valutare se questo approccio avrà altrettanto successo negli esseri umani.

Recentemente, la squadra del Dr. Weissman ha pubblicato un altro articolo, delineando ricerche che scoprono un altro segnale “non mangiarmi”. Questa volta, la molecola messa a fuoco è una proteina di superficie cellulare chiamata principale classe di istocompatibilità 1 (MHC classe 1).

I ricercatori hanno scoperto che i tumori con livelli più alti di MHC di classe 1 sulle loro superfici cellulari sono più resistenti al trattamento anti-CD47.

Il ruolo della MHC di classe 1 nel cancro

L’immunità adattativa costituisce la base della memoria immunologica – una volta che il nostro sistema immunitario ha risposto a un agente patogeno specifico, se incontra di nuovo lo stesso intruso, può innescare una risposta rapida e specifica. Le MHC di classe 1 sono una parte importante di questa ala del sistema immunitario.

Le classi MHC 1 si trovano sulle superfici della maggior parte delle celle. Prendono porzioni di proteine ​​cellulari interne e le visualizzano sulla superficie della cellula, fornendo un’istantanea della salute della cellula. Se le proteine ​​della cellula sono anormali, le cellule T la distruggono. Questa interazione tra MHC classe 1 e cellule T è stata ben descritta, ma il modo in cui i macrofagi sono coinvolti non è stato completamente compreso.

L’attuale studio ha rilevato che una proteina – LILRB1 – sulla superficie dei macrofagi si lega a una parte di MHC di classe 1 sulla superficie delle cellule tumorali. Una volta legato, impedisce al macrofago di consumare e uccidere la cella. Questa risposta è stata osservata sia in laboratorio che in topi con tumori umani.

Mediante l’inibizione del pathway CD47-mediato e del pathway LILRB1, interferendo con entrambi i segnali “do not eat me”, la crescita tumorale è stata significativamente rallentata nei topi. I risultati sono pubblicati questa settimana a.

“Il blocco simultaneo di entrambi questi percorsi nei topi ha comportato l’infiltrazione del tumore con molti tipi di cellule immunitarie e una clearance del tumore significativamente promossa, risultando in tumori più piccoli in generale”.

Amira Barkal, studente universitario, autore principale in comune

Barkal continua: “Siamo entusiasti della possibilità di una terapia doppia o forse tripla nell’uomo in cui combiniamo più blocchi per la crescita del cancro.”

Il futuro dell’immunoterapia

L’immunoterapia per il cancro è un campo in rapido sviluppo, ma la storia è complessa. Tumori diversi hanno impronte immunologiche diverse; per esempio, alcune cellule tumorali umane riducono i livelli di MHC di classe 1 sulla loro superficie cellulare, aiutandoli a eludere le cellule T.

Gli individui con questi tumori potrebbero non rispondere particolarmente bene alle terapie progettate per migliorare l’attività delle cellule T. Tuttavia, questi tumori potrebbero essere più vulnerabili a un approccio anti-CD47. Questo funziona anche al contrario, i tumori con abbondante MHC di classe 1 potrebbero essere meno influenzati dal trattamento anti-CD47.

Scoprire come le cellule cancerose evitino la morte cellulare e capire come questi percorsi potrebbero essere capovolti è un’impresa difficile ma critica. Questo studio segna un altro passo verso l’insegnamento del nostro sistema immunitario su come rallentare la marcia del cancro.

Like this post? Please share to your friends: