Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo il disturbo bipolare influisce sulla memoria?

Il disturbo bipolare è una grave malattia mentale. La condizione tende spesso a subire improvvisi episodi di malattia separati da remissioni. Le fasi sintomatiche coinvolgono mania o depressione.

Può anche influenzare la capacità di pensare, compresa la memoria. Se questo è dovuto al trattamento o la condizione stessa rimane poco chiara.

Effetti sul pensiero

Due immagini di una signora che sembrano sconvolte e dall'aspetto normale.

L’abilità cognitiva si riferisce alla capacità di una persona di pensare e ragionare. La ricerca mostra che le persone con disturbo bipolare affrontano alcune sfide cognitive.

Gli esempi includono difficoltà con:

  • Memoria di lavoro
  • Apprendimento verbale e memoria
  • Richiamo e riconoscimento

La memoria di lavoro è un tipo di memoria a breve termine che ci consente di archiviare le informazioni per un breve periodo mentre svolgiamo un compito mentale. Aiuta con l’apprendimento.

È usato, per esempio, nell’aritmetica mentale. Svolge un ruolo nell’elaborazione di diversi tipi di informazioni, inclusi dati audio, visivi e spaziali. È importante per la concentrazione.

I problemi di memoria a breve termine influenzano il funzionamento quotidiano. Possono essere sottili e possono influenzare la capacità di una persona di acquisire nuove informazioni necessarie per completare compiti complessi. Possono anche rendere l’interazione sociale più difficile.

Mentre il disturbo bipolare è ampiamente compreso in termini di mania e depressione, i suoi effetti sul pensiero possono avere un impatto maggiore sulla vita quotidiana e, in particolare, sulla vita lavorativa.

La scarsa memoria e difficoltà di concentrazione possono rendere difficile per una persona con disturbo bipolare di lavorare e imparare. Questi problemi possono persistere tra gli episodi bipolari.

Fattori che influenzano la memoria

Alcuni dei trattamenti usati per il disturbo bipolare possono influenzare la memoria.

Terapia elettroconvulsiva

Una macchina utilizzata per ECT

Alcune persone hanno la terapia elettroconvulsivante (ECT) come trattamento per il disturbo bipolare. Questo trattamento può portare alla perdita di memoria.

L’ECT può essere usato nei casi di depressione grave che non risponde ad altri trattamenti e per trattare la mania.

Durante l’ECT, una corrente elettrica passa attraverso il cervello. Ciò causa un attacco epilettico o epilettico.

In passato, gli scienziati hanno scoperto che l’ECT ​​può aiutare le persone con epilessia e depressione a sentirsi meno depresse. La ragione di ciò rimane poco chiara.

L’ECT viene somministrato per diverse settimane. Gli individui variano nel numero di trattamenti che richiederanno per sentirsi meglio.

Alcune prove hanno collegato ECT a problemi di memoria.

Alcune persone hanno segnalato la perdita di memoria per un breve periodo immediatamente prima e dopo il trattamento. Alcuni dicono che la loro memoria a lungo termine è influenzata.

Più una persona subisce ECT, più è probabile che abbia problemi di memoria. Non è chiaro se i problemi siano correlati all’ECT, a un altro trattamento o al disturbo bipolare stesso.

Litio

Il litio è un farmaco consolidato per il trattamento del disturbo bipolare. Ha effetti negativi, ma i benefici di solito superano di gran lunga i rischi.

Alcuni rapporti suggeriscono che il litio può influenzare il pensiero e la memoria.

Sembra avere un effetto sottile sulla memoria verbale, rendendo più difficile ricordare e usare le parole. Ciò potrebbe influire sulla capacità di una persona di raccontare storie.

Al contrario, il litio sembra proteggere contro il disturbo della memoria, il morbo di Alzheimer.

Vivere con problemi cognitivi

Alcune ricerche hanno suggerito che le persone che hanno più episodi di malattia hanno probabilmente più problemi cognitivi di altri.

La diagnosi precoce e una buona gestione medica del disturbo bipolare possono aiutare a minimizzare gli effetti sulla memoria e sul pensiero.

Tuttavia, la maggior parte dei trattamenti si concentra sulla stabilizzazione dell’umore piuttosto che sui problemi cognitivi. Ciò significa che alcune persone le cui oscillazioni dell’umore sono trattate possono ancora avere qualche problema con il pensiero.

Comprendere l’effetto che il disturbo ha sul pensare e rendersi conto che il disturbo bipolare non riguarda solo le oscillazioni dell’umore, può rendere più facile per gli individui e le loro famiglie affrontare le sfide.

Panoramica: disturbo bipolare

I disturbi bipolari generalmente durano per la vita. Tendono ad emergere tra l’adolescenza e gli anni ’30.

La condizione comporta depressione e mania. Questi tendono ad alternarsi in cicli. I cicli e i sintomi variano. Una persona può avere più sintomi depressivi, mentre un’altra ha principalmente episodi maniacali.

Quali sono gli episodi maniacali?

Per un episodio di mania da diagnosticare, deve durare almeno una settimana, o più breve se il paziente viene ricoverato e trattato. Coinvolge uno stato d’animo alto o irritabile e un aumento dell’attività mirata.

Ci devono essere anche tre o più altri sintomi tra i seguenti:

  • Alta autostima o sentimenti grandiosi
  • Meno sonno
  • Parlando molto più del solito, con un rapido flusso di parole
  • Corse pensieri
  • Essere facilmente distratti e spostarsi regolarmente da un centro di attenzione a un altro
  • Comportamenti rischiosi come andare in giro a fare baldorie

La mania può anche essere psicotica, nel senso che i pazienti possono avere idee deliranti e talvolta allucinazioni. Possono vedere, ascoltare o annusare cose che non esistono.

L’ipomania coinvolge gli stessi sintomi ma in una forma più lieve. Dura per un tempo più breve.

Quali sono gli episodi depressivi?

Quando una persona con disturbo bipolare è depressa, la depressione assume una forma grave che assomiglia alla depressione maggiore o clinica.

È probabile che la persona manifesti una serie di sintomi depressivi, tra cui umore molto basso per la maggior parte del giorno, perdita di interesse nelle attività e perdita di piacere. L’episodio depressivo deve durare per almeno due settimane.

Cause e fattori di rischio

Non si sa esattamente quale sia la causa del disturbo bipolare, ma si ritiene che un certo numero di fattori svolga un ruolo. Questi includono influenze genetiche, biochimiche e esterne.

Esiste un forte modello di ereditarietà, che suggerisce un elemento genetico ricorrente nelle famiglie.

Può essere coinvolto un disturbo chimico del cervello e possibili fattori scatenanti ambientali, come lo stress. L’uso di droghe, incluso l’alcol, può peggiorare la condizione.

Like this post? Please share to your friends: