Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo il nostro cervello elabora la paura? Studio indaga

Un po ‘di paura ci protegge dal pericolo, ma troppo può causare gravi disagi psicologici e, in alcuni casi, problemi di salute mentale. Una nuova ricerca svela il circuito cerebrale coinvolto nell’elaborazione della paura, che potrebbe alla fine portare a nuove opzioni di trattamento per le persone con disturbi mentali.

[aree del cervello umano]

Da una prospettiva evolutiva, la paura e l’ansia sono abbastanza utili. Queste emozioni profondamente radicate erano utilizzate per proteggere i nostri antenati dai predatori, e ai nostri tempi la risposta “combatti o fuggi” è ancora una reazione salutare a situazioni pericolose.

Quando la paura è proporzionata al pericolo in cui si trova una persona, è una risposta normale e adattiva. Tuttavia, alcuni di noi hanno reazioni esagerate a situazioni stressanti.

Come spiega l’Istituto Nazionale di Salute Mentale, quando la risposta alla paura è sproporzionata o dura molto più a lungo di quanto ci si aspetti normalmente dalla situazione – ad un punto in cui interferisce con il benessere e il funzionamento quotidiano di una persona – è classificata come un disturbo d’ansia.

I disturbi d’ansia comprendono una vasta gamma di condizioni che colpiscono il 18% della popolazione adulta negli Stati Uniti.

Poiché condividiamo parte dell’architettura del cervello con i nostri compagni di mammiferi e abbiamo una risposta simile alla paura, lo studio di modelli animali ha fornito agli scienziati importanti informazioni sulle basi neuroscientifiche per l’elaborazione della paura.

Finora, gli studi sugli animali hanno dimostrato che l’amigdala è un attore chiave nell’elaborazione della paura e che anche l’ippocampo svolge un ruolo significativo nel formare ricordi di eventi emotivi.

Tuttavia, i ricercatori dell’Università della California-Irvine (UCI) ritengono che questo corpo di ricerca non abbia sufficientemente studiato come le due regioni interagiscono in presenza di uno stimolo spaventoso.

Questo è il motivo per cui gli scienziati – guidati dal dottor Jack Lin, un professore di neurologia dell’UCI – si sono proposti di esaminare i percorsi neuronali coinvolti nella elaborazione della paura e dell’ansia negli esseri umani.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Analizzando la risposta alla paura del cervello negli esseri umani

I ricercatori hanno inserito chirurgicamente gli elettrodi nell’amigdala e nell’ippocampo di nove partecipanti, ai quali è stato chiesto di guardare le scene dei film dell’orrore.

L’amigdala è una regione a forma di mandorla nel cervello, situata proprio accanto all’ipotalamo, che funge da centro principale per elaborare emozioni, comportamento emotivo e motivazione.

L’amigdala, insieme all’ipotalamo e all’ippocampo, forma il sistema limbico del cervello, che si occupa della memoria e delle emozioni.

I partecipanti allo studio avevano una forma di epilessia resistente ai farmaci. Il posizionamento degli elettrodi è stato fatto come parte della valutazione clinica della loro attività convulsiva, e gli autori rassicurano i lettori che gli elettrodi sono stati impiantati esclusivamente in base alle esigenze cliniche dei pazienti.

Lin e il team hanno registrato l’attività neurale dei partecipanti. Come spiega Jie Zheng, il primo autore dello studio, “gli elettrodi del cervello profondo catturano i neuroni sparando al millisecondo di millisecondi, rivelando in tempo reale come il cervello partecipa a stimoli paurosi”.

I ricercatori hanno scoperto che l’amigdala e l’ippocampo scambiano direttamente segnali quando un individuo riconosce stimoli emotivi.

Il primo autore Zheng spiega i risultati in modo più dettagliato:

“I neuroni nell’amigdala hanno sparato 120 millisecondi prima dell’ippocampo”, dice l’autore. “È davvero straordinario poter misurare le dinamiche cerebrali con tale precisione.Inoltre, lo schema del traffico tra le due regioni cerebrali è controllato dall’emozione del film, un flusso unidirezionale di informazioni dall’amigdala all’ippocampo si è verificato solo quando le persone stavano guardando film paurosi ma non mentre guardavamo scene pacifiche. “

L’autore principale Lin dice che lo studio fornisce “prove dirette che l’amigdala estrae prima la rilevanza emotiva e quindi invia queste informazioni all’ippocampo per essere elaborate come memoria”.

Lin spiega anche cosa significa per le opzioni di trattamento e come il loro studio potrebbe influenzare lo sviluppo di nuove terapie per i disturbi psichiatrici.

“Questo è il primo studio sugli esseri umani per delineare il meccanismo con cui i nostri processi cerebrali temono a livello di circuiti, con enormi implicazioni per il trattamento dei disturbi neuropsichiatrici.Per esempio, gli attuali farmaci disponibili per trattare il disturbo d’ansia si legano a grandi aree del cervello, La nostra speranza è che un giorno saremo in grado di indirizzare e manipolare il preciso circuito dell’amigdala-ippocampo coinvolto nell’elaborazione di emozioni negative conservando quelle positive. ”

Dr. Jack Lin

“Questo studio apporta un ulteriore passo avanti alla promessa della terapia mirata”, aggiunge Lin.

Scopri come gli scienziati sono in grado di ricondizionare il cervello per combattere la paura.

Like this post? Please share to your friends: