Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo l’alcol e la caffeina influenzano la fibbia?

Alcune persone con fibrillazione atriale dicono che sembra che il loro cuore potrebbe cadere dal petto. Altri si sentono come se stessero per svenire. E ancora gli altri non sentono nulla.

La fibrillazione atriale (A-fib) è la forma più comune di aritmia cardiaca, o battito cardiaco irregolare, che colpisce 2,7-6,1 milioni di persone negli Stati Uniti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Sebbene i disturbi A-fib possano apparire con una varietà di sintomi, hanno tutti la stessa causa: battito irregolare e rapido delle camere superiori del cuore.

Gli episodi di A-fib possono essere inquietanti e scomodi, ma generalmente non mettono in pericolo la vita. Tuttavia, se non trattato, A-fib può portare a condizioni di salute pericolose.

Le persone con A-fib sono circa cinque volte più probabilità di avere un ictus rispetto alle persone senza la condizione, e ictus può portare a invalidità permanente o morte.

A-fib può indebolire il muscolo cardiaco nel tempo, che triplica il rischio di insufficienza cardiaca. Anche il rischio di demenza raddoppia.

Caffeina e alcol: effetti su A-fib e il cuore

diverse bottiglie di alcol

L’impatto generale dell’alcol sul cuore è oggetto di discussioni in corso nella comunità medica.

I ricercatori hanno scoperto che può avere impatti sia positivi che negativi sul cuore.

Gli effetti positivi dell’alcol, associati solo al bere moderato, includono:

  • innalzamento dei livelli di colesterolo “buono”, HDL
  • impedire alle piastrine di formare coaguli di sangue
  • riducendo l’accumulo di placca nel sistema circolatorio

I seguenti effetti negativi dell’alcol sul cuore sono solitamente associati al consumo eccessivo di alcol:

  • alta pressione sanguigna
  • insufficienza cardiaca
  • aumento di peso, che porta alla pressione alta
  • cuore allargato

Secondo l’American Heart Association, anche se la caffeina ha molti effetti sul corpo umano, al momento non sono stati confermati collegamenti tra l’assunzione di caffeina e le malattie cardiache.

Inoltre, gli studi non hanno trovato un legame tra caffeina e aritmia. Tuttavia, i rapporti indicano che bere più di 5 tazze di caffè al giorno può aumentare la pressione sanguigna.

I trigger di alcool e caffeina che possono causare A-fib?

Molti esperti di salute ritengono che vi sia un legame tra caffeina, alcol e A-fib e che entrambe le sostanze possano scatenare un attacco. Tuttavia, i ricercatori stanno ancora studiando le cause specifiche.

Molti fattori identificati come possibili fattori scatenanti per A-fib possono funzionare da soli o insieme per causare la condizione. Ciò rende difficile stabilire quale sia o non sia un trigger.

Di conseguenza, è anche difficile capire quanto caffè o alcol potrebbe innescare un episodio di A-fib.

L’alcol è un fattore scatenante noto per una forma specifica di fibrillazione atriale nota come sindrome cardiaca natalizia (HHS). HHS è l’improvvisa comparsa di A-fib in individui che sono altrimenti sani, ma che recentemente hanno preso parte al binge drinking. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) definiscono il binge drinking come più di cinque bevande per gli uomini e quattro bevande per le donne in un periodo di 2 ore.

I ricercatori hanno notato che questi casi sono più frequenti dopo i fine settimana e le festività legate al maggiore consumo di alcol, che è il modo in cui HHS ha preso il nome.

Inoltre, alcuni studi hanno trovato una connessione tra il rischio di A-fib e l’uso cronico di alcol. Non è stata trovata una connessione per i bevitori moderati.

Uno studio del 2005 sull’esplorazione della caffeina in Scandinavia non ha trovato alcun collegamento tra l’A-fib e l’uso di caffeina.

L’alcol e la caffeina sono sicuri con A-fib?

La comunità scientifica è divisa sul fatto che le persone con A-fib possano o meno consumare alcol o caffeina in modo sicuro.

L’American Heart Association consiglia agli individui con A-fib di evitare quantità eccessive di alcool e caffeina.

Tuttavia, un rapporto pubblicato nel trovato che anche l’uso moderato di alcol aumentava il rischio di fibrillazione atriale. Il rischio è aumentato di circa l’8% con ogni bevanda aggiuntiva al giorno.

Un terzo studio ha rilevato che due drink al giorno per le donne non aumentavano il rischio di A-fib, ma tre o più. Un altro studio ha rilevato che il rischio non aumenta per gli uomini fino a quando non hanno più di cinque bicchieri al giorno.

C’è una certa preoccupazione tra gli esperti in materia di bevande energetiche. Ciò è dovuto all’alto livello di caffeina in essi contenuto e all’aumento osservato del tasso di contrazione del cuore. Giovani adulti in buona salute potrebbero tollerare questo aumento, ma potrebbe essere un problema per i bambini e quelli con condizioni cardiache preesistenti.

Suggerimenti e linee guida

coppia godendo di caffè e alcol

Anche con i potenziali benefici per la salute del cuore di bere moderatamente, le autorità mediche generalmente non consigliano a nessuno di iniziare a bere alcolici unicamente per proteggere i loro cuori.

Per coloro che bevono alcolici, il legame tra l’A-fib e l’uso di alcol sembra più evidente con il bere cronico pesante e il binge drinking, e non con un consumo moderato. Il problema sta nel definire il bere “moderato”.

StopAfib.org consiglia di seguire le linee guida generali sulla salute del cuore, che stabiliscono i limiti di un drink al giorno per le donne e due drink al giorno per gli uomini.

Secondo l’American Heart Association, una bevanda è di 12 once di birra, 4 once di vino o 1,5 once di superalcolici.

Il limite superiore di uso quotidiano sicuro di caffeina, raccomandato dalla Food and Drug Administration (FDA), è compreso tra quattro e cinque tazze di caffè, o 400 milligrammi (mg) di caffeina. Bere tra una e due tazze di caffè al giorno sembra essere sicuro, secondo l’American Heart Association.

Altri fattori di rischio per A-fib

È interessante notare che le persone con A-fib riferiscono che le stesse attività, come andare a fare una passeggiata, potrebbero provocare un attacco un giorno e non il successivo.

Inoltre, le malattie cardiache sono un noto fattore di rischio per A-fib, così come l’età, l’obesità e la genetica, l’ipertiroidismo, il diabete, la malattia renale cronica e l’ascendenza europea.

Tuttavia, vi è una connessione più stretta tra apnea ostruttiva del sonno e A-fib rispetto a qualsiasi altro fattore di rischio.

Un elenco di ulteriori potenziali cause A-fib include:

  • alcune procedure mediche
  • stress emotivo
  • stress fisico
  • disidratazione
  • dormire
  • ormoni
  • esercizio

Alcuni più fattori dietetici da considerare

Seguire una dieta sana per il cuore può aiutare le persone con A-fib. L’alcol può farne parte, se usato con moderazione, così come la caffeina.

alimenti salutari

Gli elementi di base di una dieta sana per il cuore includono:

  • mangiare una varietà di frutta, verdura e cereali integrali
  • varie fonti proteiche mangiando legumi e semplicemente preparato pesce e pollame
  • aumentare l’assunzione di acidi grassi omega-3 mangiando pesce come salmone, aringa o trota
  • ridurre l’uso di sodio a 2.400 mg al giorno, o meno
  • evitando i grassi saturi e gli alimenti che li contengono
  • limitando l’olio in generale, selezionando oli più sani come l’olio d’oliva quando li si usa e evitando gli olii tropicali
  • evitare bevande con zuccheri aggiunti
  • non fumare ed evitare il fumo passivo

Esercitare regolarmente è essenziale per sostenere una funzione cardiaca sana. Un livello molto basilare di attività per la salute del cuore, come raccomandato dall’American Heart Association, è:

  • 30 minuti di esercizio aerobico moderato 5 giorni a settimana
  • attività di rafforzamento muscolare almeno due volte a settimana

Le persone sono incoraggiate a lavorare con i loro fornitori di assistenza sanitaria per sviluppare un piano di esercizi appropriato.

Like this post? Please share to your friends: