Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo l’alcol influisce sul rischio di ictus? Studio indaga

Con l’avvicinarsi delle vacanze invernali, i tassi di consumo di alcol stanno per salire. Sebbene alcuni studi abbiano dimostrato effetti benefici sul cuore e sul sistema circolatorio, alcuni studi hanno suggerito che l’assunzione di alcol può aumentare il rischio di alcuni tipi di ictus e non di altri.

[bevendo alcool]

La maggior parte delle persone ha consumato alcol a un certo punto della propria vita. I livelli da bassi a moderati di consumo di alcol hanno dimostrato di essere buoni per la salute, ma un consumo elevato e pesante può avere gravi conseguenze negative.

Ora che il Ringraziamento è qui, è importante ricordare a noi stessi i pericoli del bere alcolico stagionale. L’Istituto nazionale sull’abuso di alcol e l’alcolismo (NIAAA) mette in guardia sui miti legati all’uso di alcol e dà consigli su come bere in modo sicuro durante le vacanze.

Fino a un drink al giorno per le donne e due drink al giorno per gli uomini conta come un consumo moderato. Secondo il NIAAA, bere moderatamente sembra ridurre il rischio di malattie cardiache, ictus ischemico e diabete.

Tuttavia, il consumo di alcol in quantità elevate rimane altamente pericoloso. Un gran numero di americani muoiono di incidenti legati all’alcol ogni anno, rendendo l’alcol la quarta causa prevenibile di morte negli Stati Uniti.

Una nuova ricerca esamina l’impatto dell’alcol sul rischio di sviluppare ictus.

Analizzando il legame tra alcol e ictus

I ricercatori dell’Istituto Karolinska in Svezia e dell’Università di Cambridge nel Regno Unito hanno esaminato le associazioni tra consumo di alcol e diversi tipi di ictus.

Lo studio consisteva in una revisione sistematica e una meta-analisi di studi esistenti. I ricercatori hanno esaminato 25 studi prospettici contenenti dati su ictus ischemico, emorragia intracerebrale e emorragia subaracnoidea.

Gli studi hanno incluso dati da The Cohort of Swedish Men e dalla Swedish Mammography Cohort, per un totale di 18.289 casi di ictus ischemico, 2.299 casi di emorragia intracerebrale e 1.164 casi di emorragia subaracnoidea.

I livelli di consumo di alcol sono stati valutati usando l’auto-segnalazione dei pazienti. I partecipanti hanno risposto a una serie di domande utilizzando un questionario o un colloquio.

Usando misure standardizzate di alcol, il consumo di alcol era diviso in quattro categorie: bere leggero (una bevanda al giorno o meno), bere moderatamente (da una a due bevande al giorno), bere molto (due o quattro bicchieri al giorno) e bere pesantemente ( più di quattro bevande al giorno).

Lo studio aggiustato per variabili come età, sesso, fumo, indice di massa corporea (BMI) e diabete.

I risultati sono stati pubblicati nel giornale ad accesso aperto.

L’alcol può aumentare il rischio di ictus emorragico

La meta-analisi ha esaminato due diversi tipi di ictus: ischemico ed emorragico.

L’ictus ischemico è il tipo più comune di ictus. È causato da un coagulo di sangue che impedisce al flusso di sangue e ossigeno di raggiungere il cervello.

Un ictus emorragico si verifica quando un aneurisma esplode, o una perdita di vasi sanguigni indeboliti. Il risultato è un’emorragia all’interno del cervello, che causa un’emorragia intracerebrale o, meno comunemente, un’emorragia tra il cervello e il tessuto che la ricopre, causando una cosiddetta emorragia subaracnoidea.

Lo studio ha rivelato che il consumo di alcol leggero e moderato sembrava ridurre il rischio di ictus ischemico, ma non ha avuto alcun impatto sul rischio di sviluppare ictus emorragico.

La dott.ssa Susanna Larsson, autrice principale dello studio, spiega perché questo potrebbe essere:

“La ricerca precedente ha trovato un’associazione tra consumo di alcol e bassi livelli di fibrinogeno – una proteina nel corpo che aiuta la formazione di coaguli di sangue.Questo potrebbe spiegare l’associazione tra il consumo di alcol da leggero a moderato e il rischio inferiore di ictus ischemico.”

Tuttavia, bere, infatti, può aumentare il rischio di ictus emorragico. Questo è più evidente quando si guarda alla categoria di alcolici pesanti.

“I nostri risultati hanno mostrato che i bevitori pesanti erano circa 1,6 volte più probabilità di soffrire di emorragia intracerebrale e 1,8 volte più probabilità di soffrire di emorragia subaracnoidea.L’associazione tra il consumo di alcol pesante e questi due tipi di ictus era più forte di quella per l’ictus ischemico.”

Dott.ssa Susanna Larsson

Pertanto, anche se bere moderatamente può avere un effetto benefico abbassando il rischio di ictus ischemico, gli svantaggi potrebbero superare i benefici.

“L’effetto negativo del consumo di alcol sulla pressione sanguigna – un importante fattore di rischio per l’ictus – può aumentare il rischio di ictus emorragico e superare qualsiasi potenziale beneficio”, afferma il dott. Larsson.

Punti di forza e limiti dello studio

Dr. Larsson fa notare che la dimensione del campione di grandi dimensioni inclusi nell’analisi consentito per le associazioni precisi tra una vasta gamma di modelli di consumo di alcol e sottogruppi di pazienti.

“Questo è il primo studio che combina i risultati di tutti gli studi prospettici disponibili sul consumo di alcol e il rischio di sottotipi di ictus emorragico”, afferma il dott. Larsson.

Tuttavia, alcuni degli studi inclusi nella meta-analisi erano piccoli nella dimensione del campione, il che significa che gli effetti positivi del consumo di alcol da leggero a moderato potrebbero essere stati sovrastimati.

Inoltre, la meta-analisi non ha potuto utilizzare le stesse categorie di consumo di alcol in tutti gli studi, in quanto agli autori mancavano i dati dei singoli pazienti.

Infine, poiché questo è uno studio osservazionale, non può mostrare la causalità tra l’uso di alcol e il rischio di sviluppare diversi tipi di ictus.

Scopri come il bere moderato può giovare ai “buoni” livelli di colesterolo.

Like this post? Please share to your friends: