Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo l’esercizio fisico può migliorare l’immagine del corpo?

Molte donne negli Stati Uniti sono insoddisfatte di come appare il loro corpo. Ma una nuova ricerca suggerisce che un singolo attacco di esercizio fisico può farci sentire più forti, più magri e più felici in generale con i nostri corpi.

corridore allacciate le scarpe

Uno studio su Gender e Body Image del 2013 riporta che solo l’11% delle donne statunitensi di età superiore a 45 anni sono soddisfatti dell’aspetto del proprio corpo. L’insoddisfazione per l’immagine corporea è un importante fattore di rischio per i disturbi alimentari e altri tipi di comportamento non salutare.

Si ritiene che l’insoddisfazione delle immagini del corpo riguardi principalmente le donne, ma alcuni studi hanno dimostrato che il “malcontento normativo” – cioè l’idea che le persone non sono contente di come i loro corpi appaiono come risultato delle norme di bellezza della società – influisce sia sull’uomo che sulla donna una misura comparabile.

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università della British Columbia (UBC) di Okanagan, in Canada, esamina il potenziale dell’attività fisica per migliorare l’immagine corporea.

In particolare, Kathleen Martin Ginis, professore della Scuola di salute ed esercizio fisico di UBC Okanagan, insieme alla sua studentessa Lauren Salci, ha cercato di indagare l’effetto di un singolo esercizio di 30 minuti sull’auto-percezione corporea delle donne.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista.

“Le donne, in generale, hanno la tendenza a sentirsi negativamente nei loro corpi”, dice il Prof. Ginis. “Questa è una preoccupazione perché la cattiva immagine del corpo può avere implicazioni dannose per la salute psicologica e fisica di una donna, compreso un aumento del rischio di bassa autostima, depressione e disturbi alimentari”.

Gli effetti positivi post-esercizio possono essere immediati e duraturi

Il Prof. Ginis e Salci hanno confrontato le auto-percezioni fisiche e le immagini corporee delle donne che si esercitavano moderatamente per 30 minuti, con coloro che si sedevano e leggevano.

Hanno reclutato 60 giovani donne in età universitaria (19 anni in media) che avevano già problemi di immagine corporea e che praticavano regolarmente attività fisica.

Queste donne sono state assegnate casualmente a 30 minuti di esercizio “moderato-vigoroso”, o si impegnano in una lettura tranquilla mentre sono seduti.

I ricercatori hanno valutato l’immagine del corpo di stato delle donne, che è come ci si sente sul proprio corpo in un momento specifico nel tempo.

Hanno inoltre valutato l’autoefficacia fisica delle donne, intendendo come si sentivano riguardo alla loro forma fisica generale, al loro funzionamento fisico e alla loro capacità di eseguire compiti specifici. Infine, i ricercatori hanno valutato l’auto percezione e l’affettività fisica dei partecipanti.

Le donne che hanno lavorato hanno migliorato significativamente la propria immagine corporea, rispetto a quelle che non hanno esercitato. L’effetto era quasi immediato e durava per un minimo di 20 minuti dopo l’esercizio.

L’affetto e l’auto-efficacia fisica non sono cambiati in modo significativo – invece, sono state le auto-percezioni del grasso corporeo e della forza a migliorare notevolmente dopo l’esercizio.

In altre parole, l’effetto positivo non sembra dipendere da un cambiamento di umore; piuttosto, era dovuto alle donne che si vedevano come “più forti e più magre”.

Gli autori sottolineano che il loro studio ha importanti implicazioni pratiche, poiché il Prof. Ginis sottolinea il fatto che gli interventi fisici sono un modo efficace per aumentare il benessere psicologico.

“Tutti noi abbiamo quei giorni in cui non ci sentiamo molto bene nei nostri corpi.Questo studio […] mostra che un modo per sentirsi meglio è andare avanti ed esercitare. Gli effetti possono essere immediati.”

Prof. Kathleen Martin Ginis

Conclude, “Pensiamo che le sensazioni di forza e di empowerment delle donne raggiungano l’esercizio post, stimolino un migliore dialogo interiore, che a sua volta dovrebbe generare pensieri e sentimenti positivi sui loro corpi che potrebbero sostituire quelli troppo comuni negativi”.

Scopri come un’ora di allenamento alla resistenza a settimana può ridurre il rischio di sindrome metabolica.

Like this post? Please share to your friends: