Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo la depressione colpisce le persone con malattie cardiovascolari?

Due nuovi studi evidenziano l’impatto negativo della depressione sui risultati di salute e sulla qualità della vita correlata alla salute delle persone con malattie cardiovascolari.

donna con cuore di carta

Un numero crescente di studi indica un legame intimo tra depressione e rischio di malattie cardiache.

Uno di questi studi ha riportato all’inizio di quest’anno che la depressione aumenta il rischio di una frequenza cardiaca anormale di quasi un terzo, e altre ricerche hanno evidenziato che avere sia la depressione che le malattie cardiache possono aumentare il rischio di morte prematura di due volte.

Il legame tra depressione e salute cardiaca, sebbene molto forte, è anche complesso; la causalità dietro di essa rimane sconosciuta.

Il Dr. Victor Okunrintemi – l’autore principale dei due nuovi studi e ricercatore presso Baptist Health South Florida a Coral Gables, in Florida – commenta questa complessa dinamica tra le due condizioni.

Dice: “Mentre non sappiamo quale sia il primo caso – depressione o malattia cardiovascolare – il consenso è che la depressione è un marker di rischio per le malattie cardiovascolari, nel senso che se hai una malattia cardiovascolare, c’è una maggiore probabilità che tu possa avere anche depressione , se confrontato con il rischio nella popolazione generale. “

Nel tentativo di far luce su questo fenomeno, il dott. Okunrintemi e colleghi hanno condotto due studi, i cui risultati sono stati presentati all’American Heart Association’s Quality of Care e Outcomes Research Scientific Sessions 2018, ad Arlington, VA.

La depressione non diagnosticata è la più dannosa

I ricercatori hanno esaminato le esperienze sanitarie, i costi sanitari e l’uso di risorse nelle persone con malattie cardiache – a tutti quelli che erano stati diagnosticati con la depressione – e li hanno confrontati con quelli che non avevano ricevuto tale diagnosi.

Il gruppo di non diagnosi è stato diviso ulteriormente in persone ad alto rischio e coloro che erano a basso rischio di depressione, rispettivamente, utilizzando le risposte dei partecipanti a un questionario sulla salute mentale.

Il dott. Okunrintemi riassume i risultati, affermando: “I tubi che non erano depressi e che presentavano un rischio maggiore per la depressione presentavano peggiori esperienze sanitarie, un maggiore uso del pronto soccorso, una percezione più scarsa del loro stato di salute e una salute più bassa -related quality of life di coloro che in realtà hanno avuto depressione “.

“Questo potrebbe essere perché le persone ad alto rischio per la depressione non sono state ancora diagnosticate e trattate per la depressione,” aggiunge il ricercatore capo.

Il paragone ha anche rivelato che le persone con malattie cardiache che erano predisposte alla depressione spendevano, in generale, più denaro in servizi e prodotti correlati all’assistenza sanitaria rispetto ai soggetti a basso rischio.

Le persone ad alto rischio di depressione avevano oltre il doppio delle probabilità di essere ricoverate in ospedale e di usare il pronto soccorso, oltre a cinque volte più probabilità di percepire di avere una cattiva salute rispetto a quelle del gruppo a basso rischio.

Inoltre, quelli ad alto rischio di depressione avevano una qualità della vita più bassa correlata alla salute ed erano molto più propensi a non essere contenti della propria assistenza sanitaria.

È necessario un ‘screening della depressione aggressivo’

Il secondo studio si è concentrato sull’utilizzo delle risorse sanitarie e dei costi sanitari.

La ricerca ha scoperto che coloro che hanno avuto un infarto e una depressione hanno avuto il 54% di probabilità in più di essere ricoverati in ospedale, e hanno il 43% di probabilità in più di usare il pronto soccorso.

In media, questi individui hanno speso quasi $ 4.300 in più per cure sanitarie all’anno rispetto a quelli senza depressione.

I ricercatori sottolineano l’importanza delle loro scoperte per le persone con malattie cardiovascolari.

“La depressione e l’attacco cardiaco spesso coesistono, che è stato associato a peggiori esperienze di salute per questi pazienti […] Come misura di miglioramento della qualità per aumentare l’efficienza sanitaria, raccomandiamo uno screening della depressione più aggressivo nelle visite di follow-up per i pazienti con infarto. “

Dr. Victor Okunrintemi

Like this post? Please share to your friends: