Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo la vitamina D protegge dall’insufficienza cardiaca

La vitamina D, che è spesso chiamata la “vitamina del sole”, vanta una serie di ruoli fisiologici. Un nuovo studio rivela che, a seguito di un infarto, potrebbe proteggere dal conseguente insufficienza cardiaca.

Tramonto tra le mani e il mare del cuore

Pochi cibi contengono vitamina D. Invece, la stragrande maggioranza viene sintetizzata nella nostra pelle dopo l’esposizione al sole.

Durante uno studio sul rachitismo nei bambini, la vitamina D è stata inizialmente identificata come un attore importante nella salute delle ossa. Ora sappiamo che la vitamina D ha una serie di funzioni nel corpo oltre quella della salute delle ossa.

Ad esempio, si ritiene che la vitamina D abbia un impatto sul funzionamento dei muscoli e dei vasi sanguigni. E, ancora più recentemente, sono state raccolte prove che la vitamina potrebbe avere un effetto protettivo sulla salute del cuore. In particolare, gli studi hanno collegato bassi livelli di vitamina D alla malattia coronarica e insufficienza cardiaca.

Vitamina D e insufficienza cardiaca

L’insufficienza cardiaca è una condizione grave, potenzialmente pericolosa per la vita, in cui il cuore non è in grado di pompare sangue e ossigeno sufficienti a nutrire i tessuti del corpo. Nel 2009, circa 1 decesso su 9 negli Stati Uniti “includeva l’insufficienza cardiaca come causa contribuente”.

E poiché l’insufficienza cardiaca è così comune, capire esattamente ciò che è coinvolto fisiologicamente è importante. A causa delle recenti prove che la vitamina D potrebbe proteggere dall’insufficienza cardiaca, gli scienziati sono desiderosi di ottenere una comprensione più chiara della relazione.

Sebbene i benefici della vitamina D per la salute del cuore siano ben consolidati, i meccanismi in atto non sono compresi. Recentemente, un team di ricercatori del Westmead Institute for Medical Research in Australia ha deciso di dare un’occhiata più da vicino.

“I benefici della vitamina D stanno diventando sempre più noti, ma non comprendiamo ancora come, meccanicamente, possa aiutare nella gestione delle malattie cardiache, volevamo sapere di più su come la vitamina D protegge il cuore dopo un infarto”.

Capo ricercatore Prof. James Chong

Per scavare in questo problema, gli scienziati hanno usato un modello murino e una forma di vitamina D chiamata 1,25-diidrossivitamina D3 (1,25 D), che “interagisce con gli ormoni”. Volevano capire come la 1,25D colpisse un importante insieme di cellule cardiache.

Le cellule di interesse per il gruppo sono conosciute come fibroblasti dell’unità formante colonia cardiaca (cCFU-Fs) e sono responsabili della formazione di tessuto cicatriziale a seguito di un attacco cardiaco.

Ottenere un vantaggio sull’insufficienza cardiaca

Un attacco cardiaco si verifica quando viene interrotta la fornitura di sangue al cuore. E, poiché l’ossigeno non raggiunge le sezioni del tessuto, si danneggiano, provocando l’infiammazione nella regione. Nel tessuto infiammato, cCFU-Fs inizia a sostituire le cellule danneggiate con “tessuto cicatriziale a base di collagene”.

Come spiega Chong, “Questo è un problema perché la cicatrizzazione del tessuto cardiaco può ridurre la capacità del cuore di pompare il sangue in modo efficace, il che può portare allo scompenso cardiaco”.

Il team ha scoperto che la vitamina D era in grado di bloccare l’azione di cCFU-Fs, prevenendo in tal modo l’accumulo di tessuto cicatriziale e potenzialmente impedendo lo sviluppo di un blocco.

I loro risultati sono pubblicati questa settimana sul giornale.

Sull’importanza dei risultati, Chong spiega: “Le malattie cardiovascolari, inclusi attacchi cardiaci e insufficienza cardiaca, sono la principale causa di morte in tutto il mondo”.

“Per cambiare questo, abbiamo bisogno di ricercare le condizioni del cuore da ogni possibile angolazione.Questo studio è il primo a dimostrare il ruolo di 1,25D nella regolazione delle cellule progenitrici cardiache e le scoperte sono incoraggianti.Con ulteriori studi, la vitamina D potrebbe dimostrare di essere un’entusiasmante ed economica aggiunta ai trattamenti attuali, e speriamo di portare questi risultati in sperimentazioni cliniche per gli esseri umani “.

Quindi, anche se la ricerca sulla vitamina D e sui suoi poteri cardioprotettivi è nella sua infanzia, i risultati sono incoraggianti. Trovare un intervento che migliori le possibilità di combattere le malattie cardiache è una buona notizia, e trovarne una prontamente disponibile è un ulteriore vantaggio.

Se sei interessato all’acquisto di integratori di vitamina D, c’è una vasta gamma disponibile online.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: