Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

In che modo le diete vegetariane influenzano i livelli di colesterolo?

Una nuova revisione di quasi 50 studi relativi alla nutrizione suggerisce che le diete a base vegetale sono associate a livelli di colesterolo totale più bassi. Gli autori ritengono che questi risultati avranno un impatto sull’assistenza preventiva per le malattie cardiovascolari.

verdure in padella

Recentemente, i ricercatori di tre istituzioni hanno messo insieme una revisione completa e una meta-analisi degli effetti che il consumo di una dieta a base di piante ha a livello dei lipidi plasmatici, o dei lipidi, del colesterolo e dei trigliceridi, presenti nel sangue.

Alti livelli di colesterolo a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL), noto anche come “colesterolo cattivo”, sono stati associati ad un aumentato rischio di sviluppare malattia coronarica (CHD).

Anche i livelli di colesterolo totale e il livello dei trigliceridi sono stati associati ad un aumentato rischio di CHD, sebbene il colesterolo HDL (high-density lipoprotein), noto anche come “colesterolo buono”, sia ritenuto un ruolo protettivo nel sistema.

Il team suggerisce che l’iperlipidemia, o colesterolo alto, può spesso non diagnosticata e non trattata, il che è uno dei motivi per cui può diventare un pericoloso fattore di salute. Tuttavia, i livelli di colesterolo possono essere tenuti sotto controllo attraverso una dieta appropriata e l’esercizio fisico.

La revisione è stata condotta dal dott. Yoko Yokoyama, della Keio University di Fujisawa, in Giappone, in collaborazione con Susan Levin, che è direttore dell’educazione alimentare presso il Comitato dei medici per la medicina responsabile a Washington, DC, e il dott. Neal Barnard, dal Scuola di Medicina e Sanità della George Washington University, anche a Washington, DC

I risultati degli scienziati sono stati pubblicati ieri sulla rivista.

Le diete vegetariane riducono il colesterolo

Il dott. Yokoyama e il team dicono che la loro iniziativa è stata scatenata dalla mancanza di recensioni che hanno come obiettivo “l’associazione tra diete vegetariane e effetti a lungo termine sui lipidi plasmatici”. Una metanalisi esistente, dicono, aveva suggerito che una dieta vegetariana potesse ridurre i lipidi plasmatici, ma non si è soffermata sul potenziale a lungo termine di questo effetto.

I ricercatori hanno esaminato 30 studi osservazionali e 19 studi clinici incentrati sulla relazione tra diete vegetariane e lipidi plasmatici. Gli studi e gli studi inclusi nella meta-analisi dovevano concentrarsi su diete vegetariane, semi-vegetariane e vegane. Nel contesto della revisione, il termine “diete vegetariane” si riferisce a diete che includono solo prodotti a base di carne meno di una volta al mese.

Il termine “diete semi-vegetariane” si riferisce a diete che includono prodotti a base di carne “più di una volta al mese ma meno di una volta a settimana”, mentre le “diete vegane” escludono il consumo di prodotti animali. Alcune diete di tipo vegetariano potrebbero includere uova, latticini o pesce.

I ricercatori hanno scoperto che le diete vegetariane, in generale, erano associate a livelli significativamente più bassi di colesterolo totale.

Studi osservazionali hanno suggerito che le diete vegetariane erano associate a una concentrazione media di colesterolo totale che era inferiore di 29,2 milligrammi per decilitro. Allo stesso modo, gli studi clinici hanno dimostrato che seguendo una dieta vegetariana si otteneva una concentrazione media di colesterolo totale che era inferiore di 12,5 milligrammi per decilitro.

Sono state osservate alcune alterazioni nei livelli dei trigliceridi a seguito di una dieta a base vegetale, ma non sono state considerate significative.

Levin ha spiegato che “i livelli di trigliceridi […] erano 5,8 mg / dL [milligrammi per decilitro] più alti negli studi di ricerca clinica e 6,5 mg / dL inferiori negli studi osservazionali. Lo vediamo spesso da quando ci sono nuovi cambiamenti nella dieta, come una dieta vegana naturalmente più ricca di carboidrati, aumenta i livelli di lipidi e si stabilizza nel tempo “.

Tutti i risultati sono stati registrati rispetto ad una dieta onnivora o carnivora.

Questi risultati, spiegano i ricercatori, sono coerenti con quelli riportati dalle recensioni precedenti. Gli autori ipotizzano che le diete vegetariane abbiano un impatto sul peso corporeo, oltre che sulla salute generale, che può contribuire a regolare i lipidi plasmatici.

“Quelli [individui] che hanno seguito schemi alimentari vegetariani per periodi più lunghi possono avere composizioni corporee più sane e una migliore aderenza a una dieta vegetariana, che possono avere entrambi un effetto sui lipidi nel sangue”.

“Inizia a cambiare presto la dieta”

Gli autori ammettono che “gli studi osservazionali presentano un rischio maggiore di parzialità, rispetto agli studi clinici”, ma sottolineano il fatto che gli studi osservazionali sono più efficaci nel mostrare effetti a lungo termine. “Una meta-analisi fornisce una rapida visione dei benefici a lungo termine dell’adozione di un’azione specifica, come l’adozione di una nuova dieta”, ha detto Levin.

Sebbene fossero in grado di controllare le variabili di età e sesso, ha aggiunto Levin, non tutti gli studi hanno offerto informazioni sull’indice di massa corporea (BMI) dei partecipanti o sui loro modelli di attività fisica.

“La debolezza”, ci ha detto, “è che potrebbero esserci delle differenze in persone che sono già magra o tra persone che mantengono uno stile di vita attivo”.

Tuttavia, il punto di forza di questa recensione, ci ha spiegato l’autore, fornisce importanti informazioni sull’impatto della dieta sulla salute sia per gli operatori sanitari che per le persone a cui si prendono cura.

“I benefici immediati di una dieta a base vegetale, come la perdita di peso, la pressione sanguigna più bassa e il colesterolo migliorato, sono ben documentati negli studi controllati”, dice Levin. Si riferisce anche alle ricerche precedenti condotte dal suo team, suggerendo che le diete vegetariane possono regolare il metabolismo e prevenire il rischio di malattie cardiovascolari.

Levin ei suoi colleghi incoraggiano le persone a lavorare a stretto contatto con dietologi per cercare di orientarsi verso diete basate su piante. Il ricercatore ci ha detto che incoraggia le persone a iniziare a essere più consapevoli della loro alimentazione il prima possibile nella loro vita.

“Come dietista, il mio messaggio da portare a casa è quello di incoraggiare chiunque a iniziare a fare cambiamenti dietetici nella fase iniziale della sua vita: è più facile mantenere una salute ottimale piuttosto che cambiare la dieta a 60 o 75 anni, anche se, per essere chiaro, non è mai troppo tardi per cambiare la vita in modo sano. “

Susan Levin

Ha anche detto che il passo successivo da questa meta-analisi potrebbe essere quello di “continuare a misurare [i] cambiamenti metabolici netti dell’utilizzo di una dieta vegana a base di cibi integrali, nelle persone che vanno attraverso i primi stadi della malattia cardiaca.

Lei ei suoi colleghi vorrebbero non solo testare ulteriormente l’efficacia di una dieta a base di piante nel trattamento delle malattie cardiache, ma anche “misurare l’impatto economico di avere più medici e specialisti di cure primarie che parlano ai loro pazienti di nutrizione”.

“Vedere i benefici per la salute e cifre tangibili di risparmio sui costi possono incentivare i fornitori e gli assicuratori a integrare la terapia nutrizionale nell’assistenza primaria”, ha concluso Levin.

Like this post? Please share to your friends: