Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Infezione da oxytoca Klebsiella: cosa dovresti sapere

è un tipo di batteri. Una persona ha diversi batteri presenti nel loro tratto intestinale, bocca e naso.

Mentre (KO) rimane all’interno dell’intestino di una persona, è considerato sano e normale. Se lascia il tratto intestinale, tuttavia, può causare gravi infezioni.

La maggior parte delle infezioni da KO si verificano nelle strutture sanitarie, come ospedali, case di cura e unità di terapia intensiva (ICU).

In questo articolo, esaminiamo le cause e i sintomi delle infezioni KO, nonché il modo in cui vengono trattate.

Sintomi

Uomo con infezione da ossitoca Klebsiella a letto con febbre, brividi, tosse.

I sintomi di un’infezione da KO variano da persona a persona e dipendono dalla posizione dell’infezione.

KO può causare diversi tipi di infezione, alcuni dei quali hanno gravi effetti collaterali, tra cui la polmonite. Può anche causare infezioni del tratto urinario (UTI).

I sintomi comuni di un’infezione da KO includono:

  • la febbre
  • brividi
  • brividi, dolori muscolari e altri sintomi simil-influenzali
  • difficoltà a prendere fiato o respiro superficiale
  • una tosse piena di muco

I sintomi meno comuni di un’infezione da KO includono:

  • scarico da una ferita
  • grave infiammazione intorno a una ferita
  • dolore quando passa l’urina (da una UTI)
  • dolore nell’addome inferiore
  • vomito

Le cause

Le infezioni KO possono verificarsi quando un tipo di batterio è presente al di fuori dell’intestino. L’infezione di solito si verifica in ambiente sanitario, come ad esempio:

  • case di cura
  • ospedali
  • unità di terapia intensiva (ICU)

Altri fattori di rischio per lo sviluppo di un’infezione includono:

  • uso di antibiotici per un periodo prolungato
  • utilizzando determinati dispositivi medici, come un ventilatore
  • avere un catetere IV
  • avere tubi catetere a permanenza (per raccogliere l’urina)
  • avere il diabete
  • essere dipendente dall’alcol

complicazioni

Catetere urinario.

Le persone che si trovano in un buono stato di salute prima dell’infezione devono riprendersi rapidamente e senza complicazioni.

Tuttavia, le persone con gravi condizioni mediche o il cui sistema immunitario è già stato compromesso possono faticare a riprendersi.

Quelli con infezioni aggiuntive, come un’infezione del sangue, possono anche trovare più difficile eliminare un’infezione da KO.

Per trattare entrambe le infezioni allo stesso tempo, una persona avrà bisogno di una dose maggiore di antibiotici, che può causare effetti collaterali.

Le complicanze a lungo termine delle infezioni da KO sono rare. Tuttavia, è possibile che le persone con un’infezione polmonare sviluppino danni ai polmoni se non ricevono rapidamente un trattamento per l’infezione.

In rari casi, un’infezione da KO può essere pericolosa per la vita se una persona sviluppa una sepsi. La sepsi è quando la risposta del corpo a un’infezione inizia a danneggiare i suoi organi e tessuti.

I cateteri sono siti di infezione comuni per un’infezione da KO. I cateteri sono spesso usati in un ospedale per aiutare le persone che non sono in grado di andare in bagno.

Avere un catetere aumenta il rischio di una persona di ottenere una UTI. I sintomi di un UTI sono:

  • dolore e crampi nell’addome inferiore
  • dolore durante la minzione
  • frequente voglia di urinare
  • sangue nelle urine
  • la febbre
  • brividi
  • mal di schiena

Trattamento

Per fare una diagnosi, un medico preleverà un campione di sangue, urina o muco o una combinazione di questi.

Questi campioni saranno inviati ad un laboratorio ed esaminati al microscopio per determinare se il KO è presente.

Se una persona sviluppa un’infezione polmonare o ha una polmonite, potrebbe richiedere una radiografia o una TAC. Questi test possono aiutare a determinare la gravità dell’infezione e il corso del trattamento.

I medici possono effettuare ulteriori test per scoprire dove i batteri sono entrati nel corpo. I medici fanno questo perché identificare il punto di ingresso li aiuta a individuare altri sintomi di infezione e ad aiutare a prevenire la diffusione dell’infezione.

Ferite, cateteri e ventilatori sono tutti punti di accesso comuni in un ambiente ospedaliero.

farmaci

Un medico di solito prescrive antibiotici per curare un’infezione da KO. Tuttavia, alcuni ceppi resistono agli antibiotici più comuni. Se questo è il caso, possono essere utilizzati test di laboratorio specializzati per aiutare a trovare antibiotici alternativi per trattare l’infezione.

Le persone dovrebbero assumere gli antibiotici secondo le istruzioni del medico e completare l’intero corso anche se i sintomi si chiariscono prima. Non riuscendo a farlo aumenta il rischio di reinfezione o non eliminare l’infezione iniziale.

Lavarsi le mani regolarmente e accuratamente è il modo migliore per prevenire la diffusione di germi e quindi ridurre le possibilità di infezione.

Se una persona richiede un trattamento in ospedale per un’infezione da KO, deve chiedere ai visitatori di indossare camici e guanti, assicurarsi che tutti i professionisti medici utilizzino il gel antibatterico sulle mani quando entrano nella stanza e si lavino le mani il più spesso possibile.

Trattamento naturale

Persona che tiene la bottiglia di acqua calda a stomaco mentre in pigiama sotto la coperta.

Le infezioni KO devono essere trattate con antibiotici. Alcune complicazioni delle infezioni KO, tuttavia, possono essere aiutate con trattamenti naturali.

Alcune UTI con sintomi lievi possono rispondere a trattamenti naturali e rimedi casalinghi. Una persona con una UTI potrebbe provare:

  • prendendo paracetamolo
  • mettendo una bottiglia di acqua calda sulla pancia, indietro o tra le cosce
  • riposo
  • bere molti liquidi
  • evitare il sesso se si sente a disagio

Altri rimedi casalinghi includono mangiare yogurt e bere succo di mirtillo, ma non ci sono prove scientifiche per dimostrarne l’efficacia.

Riposarsi in abbondanza, evitare alcol e fumare e seguire una dieta salutare può anche aiutare a ridurre i sintomi simil-influenzali.

È contagioso?

Le persone possono infettarsi a vicenda attraverso il contatto fisico o un ambiente contaminato. KO non può diffondersi nell’aria.

Il rischio di infezione in una persona sana è basso. Tuttavia, le persone che hanno un sistema immunitario più debole sono più vulnerabili a un’infezione KO.

Il ricovero in ospedale aumenta anche il rischio di una persona di sviluppare un’infezione da KO, specialmente se ha una ferita aperta, usa un ventilatore o ha un catetere endovenoso (IV).

Porta via

Il trattamento per un’infezione da KO è di solito semplice. Tuttavia, l’efficacia del trattamento e le prospettive per alcune complicazioni dipendono dal sito di infezione e dalla salute generale dell’individuo.

Se l’infezione KO non è resistente ai farmaci, può essere efficacemente trattata con un ciclo di antibiotici. La maggior parte delle persone si riprenderà in 2 o 4 settimane.

Se l’infezione è resistente ai farmaci, saranno necessari ulteriori test per trovare un farmaco in grado di eliminare i batteri. Le persone con un sistema immunitario più debole possono anche avere un recupero più lungo e più difficile.

Buone pratiche igieniche, come il lavaggio a mano regolare e l’allontanamento da persone malate, contribuiranno ad accelerare il recupero e ridurre le possibilità di infezione in primo luogo.

L’assunzione di farmaci in base alle indicazioni e la certezza di completare l’intero ciclo del farmaco aumentano anche la possibilità di una persona di un recupero completo.

Like this post? Please share to your friends: