Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Infezione sostitutiva del ginocchio: cosa è necessario sapere

Un’infezione al ginocchio può svilupparsi dopo che una persona ha subito un’operazione per sostituire l’articolazione del ginocchio. Quali sono i sintomi di un’infezione al ginocchio e chi è maggiormente a rischio di ottenerne uno?

L’intervento di sostituzione del ginocchio, noto anche come artroplastica del ginocchio, è uno dei più comuni tipi di chirurgia elettiva. Si stima che entro il 2030 ben 3,48 milioni di protesi di ginocchio avranno luogo negli Stati Uniti.

La chirurgia sostitutiva del ginocchio può essere necessaria se una persona soffre di dolore al ginocchio o gonfiore che influisce sulla capacità di svolgere le attività quotidiane.

La maggior parte delle persone non ha dolore e riacquista la propria mobilità dopo l’intervento. Tuttavia, alcune persone che hanno un intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio possono sviluppare un’infezione.

Questo articolo esplora i segni, le cause, i fattori di rischio e i trattamenti per un’infezione del ginocchio. Considera anche come evitare che si verifichino infezioni sostitutive del ginocchio.

Cos’è un’infezione al ginocchio?

fasciatura sostitutiva del ginocchio Infezione sostitutiva del ginocchio

Un’infezione al ginocchio può svilupparsi nella ferita dopo l’intervento chirurgico. Può anche verificarsi attorno all’impianto artificiale utilizzato per sostituire l’articolazione del ginocchio. I batteri nocivi che entrano nella ferita solitamente causano l’infezione.

Un’infezione del ginocchio può verificarsi in qualsiasi momento dopo l’intervento chirurgico. Per esempio:

  • durante la degenza ospedaliera dopo l’intervento
  • quando una persona torna a casa dopo l’intervento
  • mesi o addirittura anni dopo l’intervento

Secondo l’American Academy of Orthopaedic Surgeons, solo una persona su 100 che ha un sostituto dell’anca o del ginocchio svilupperà un’infezione.

segni e sintomi

I seguenti sono normali dopo l’intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio:

  • lieve gonfiore al ginocchio o alla caviglia
  • un po ‘di rossore attorno all’incisione o al ginocchio
  • calore attorno all’incisione o al ginocchio

Questi sintomi postoperatori non indicano un’infezione e non dovrebbero essere motivo di preoccupazione. Questi sintomi dovrebbero migliorare nel tempo.

Se i sintomi postoperatori peggiorano piuttosto che meglio nel tempo, questo può essere un segno di infezione.

Una persona che manifesta uno o più dei seguenti sintomi può avere un’infezione al ginocchio:

  • incapacità di camminare senza dolore dopo il punto in cui il medico ha detto che camminare dovrebbe essere indolore
  • aumento del dolore e rigidità nell’articolazione artificiale
  • calore, arrossamento e tenerezza attorno all’incisione o all’intero ginocchio
  • liquido grigio che fuoriesce dall’incisione, specialmente se ha un cattivo odore
  • una febbre superiore a 100 ° F (37,8 ° C)
  • brividi o sudorazioni notturne
  • fatica

Le cause

Dopo l’intervento di sostituzione del ginocchio, i batteri potrebbero entrare nel corpo di una persona attraverso la ferita in cui è stata effettuata l’incisione chirurgica. Se i batteri raggiungono la nuova articolazione artificiale del ginocchio di una persona, possono moltiplicarsi e causare un’infezione.

Alcuni batteri sono innocui, come quelli che si trovano naturalmente nello stomaco, mentre altri possono danneggiare una persona e causare un’infezione. Il sistema immunitario di una persona di solito uccide tutti i batteri nocivi che entrano nel flusso sanguigno.

Quando una persona ha una protesi al ginocchio, l’articolazione del ginocchio viene sostituita con un’articolazione artificiale in metallo e plastica. Poiché questi materiali non sono organici, è più difficile per il corpo uccidere i batteri su di loro.

Fattori di rischio

Sigarette in un pacchetto

Chiunque abbia un sostituto del ginocchio può sviluppare un’infezione dopo l’intervento chirurgico, ma alcuni gruppi sono a maggior rischio di infezione. Questi includono persone che:

  • hanno delle difese immunitarie, come l’HIV o il linfoma
  • avere il diabete
  • ha scarsa circolazione nelle mani o nei piedi
  • stanno usando trattamenti che sopprimono il sistema immunitario, come la chemioterapia o i corticosteroidi
  • avere infezioni del tratto urinario frequenti
  • avere un BMI di oltre 50
  • avere problemi dentali
  • avere dermatiti o psoriasi
  • avere l’artrite reumatoide
  • Fumo
  • ha avuto un intervento chirurgico al ginocchio prima
  • hanno avuto un’infezione nel loro ginocchio artificiale prima

Diagnosi

Un medico può essere in grado di diagnosticare un’infezione al ginocchio con un esame visivo.

A volte, il medico potrebbe dover indagare sul tipo di batteri che causa l’infezione utilizzando uno o più dei seguenti test:

  • Esame del sangue: questo può aiutare a misurare l’infiammazione nel corpo, che può indicare un’infezione.
  • Test di imaging: questo può aiutare a determinare se c’è un’infezione nell’articolazione artificiale. Esempi di test di imaging includono radiografie, tomografia computerizzata (TC), risonanza magnetica (MRI) o scansioni ossee.
  • Aspirazione articolare: il liquido viene estratto dal ginocchio e testato per i batteri e i globuli bianchi. Un gran numero di globuli bianchi è un segno che il corpo sta combattendo un’infezione.

Trattamento

Esiste una gamma di trattamenti per l’infezione sostitutiva del ginocchio, comprese le procedure non chirurgiche e chirurgiche.

Trattamento non chirurgico

Alcune infezioni sostitutive del ginocchio sono superficiali, il che significa che l’infezione ha raggiunto la pelle e il tessuto intorno all’articolazione, ma non influisce sull’articolazione artificiale stessa.

Un’infezione superficiale del ginocchio può essere trattata con antibiotici per via orale o endovenosa (IV).

Trattamento chirurgico

Se l’infezione di una protesi al ginocchio è più profonda della cute e del tessuto attorno a un’articolazione, potrebbe essere necessario trattarla chirurgicamente. Le opzioni di trattamento chirurgico includono:

  • Debridement: questo è un washout chirurgico dell’articolazione. Qualsiasi tessuto molle contaminato viene rimosso e l’articolazione artificiale viene pulita. Liner in plastica o distanziatori nel giunto artificiale possono essere sostituiti. Il medico prescriverà gli antibiotici IV da assumere dopo l’intervento chirurgico.
  • Chirurgia in scena: questo comporta una serie di interventi chirurgici per rimuovere e sostituire l’articolazione artificiale. Questo può essere necessario se l’infezione si è sviluppata mesi o anni dopo la sostituzione del ginocchio originale.

Le diverse fasi della chirurgia a fasi comprendono in genere:

  • Rimozione dell’articolazione artificiale: quando l’infezione è profonda e di lunga durata, sarà necessario rimuovere l’articolazione artificiale.
  • Lavaggio delle articolazioni: il lavaggio aiuta a sbarazzarsi dei tessuti molli infetti nell’articolazione.
  • Posizionamento del distanziatore antibiotico: questo aiuta a mantenere lo spazio articolare e mantiene l’articolazione allineata durante il trattamento dell’infezione.
  • Antibiotici IV: questi aiutano a uccidere l’infezione. Il medico può prescrivere un corso che dura fino a 6 settimane.
  • Nuova chirurgia di sostituzione del ginocchio: una volta che l’infezione è stata trattata, può essere eseguita un’altra operazione di sostituzione del ginocchio. Il medico rimuoverà lo spaziatore antibiotico e darà alla persona una nuova articolazione artificiale del ginocchio.

Prevenzione

Pillole antibiotiche

Prima e durante l’intervento di sostituzione del ginocchio, i seguenti passaggi possono aiutare a ridurre il rischio di infezione:

  • Utilizzo di antibiotici profilattici: secondo una revisione del 2013, i medicinali preventivi possono aiutare a ridurre il rischio di infezione sostitutiva del ginocchio.
  • Uso di antibiotici: questi devono essere somministrati immediatamente prima, durante e dopo l’intervento chirurgico per un massimo di 24 ore.
  • Mantenere il tempo di funzionamento breve: un breve tempo di funzionamento riduce il tempo in cui la ferita è aperta e vulnerabile alle infezioni.
  • Ridurre il numero di persone presenti: limitare il numero di persone e limitare il numero di volte che vanno e vengono può ridurre i batteri presenti nella stanza e ridurre il rischio di infezione.
  • Utilizzo di apparecchiature sterili: il teatro, gli strumenti e l’articolazione artificiale dovrebbero essere tutti sterilizzati.
  • Screening per i batteri nel naso: se una persona ha determinati tipi di batteri nocivi nel loro passaggio nasale, possono aumentare il rischio di infezione. Alcuni ospedali controllano questi batteri prima di operare. Se vengono trovati batteri nocivi, alla persona verrà somministrato un unguento antibatterico. Alcuni centri medici decolonizzeranno regolarmente i passaggi nasali con la mupirocina diversi giorni prima dell’intervento chirurgico.
  • Lavaggio con clorexidina: questo può aiutare a ridurre il numero di batteri dannosi sulla pelle prima dell’intervento chirurgico.

Dopo che una persona ha subito un intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio, le seguenti misure possono aiutare a ridurre il rischio di infezione:

  • seguendo il consiglio del medico su come trattare la ferita
  • pulire e coprire tagli, ferite o bruciature non appena si verificano
  • mantenere l’igiene dentale, poiché le infezioni della bocca possono diffondersi nell’articolazione artificiale

prospettiva

Sebbene possano richiedere un intervento chirurgico, le infezioni sostitutive del ginocchio sono curabili. Una volta che una persona ha ricevuto un trattamento adeguato, il dolore e il gonfiore attorno all’articolazione dovrebbero migliorare e riprenderanno il movimento.

Le misure preventive pre e post-chirurgiche ridurranno il rischio di ulteriori infezioni.

Like this post? Please share to your friends: