Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Infezioni correlate a calcoli renali Due volte più comuni nelle femmine

Sebbene i calcoli renali e altre ostruzioni nel tratto urinario siano più comuni negli uomini, le donne hanno il doppio delle probabilità di sviluppare infezioni correlate alla condizione.

La ricerca del 2011 ha mostrato un drammatico aumento del numero di donne che sviluppano calcoli renali, a causa di un aumento delle cattive abitudini, tra cui fumare e bere. Un altro rapporto ha suggerito che bere tè freddo può portare a calcoli renali dolorosi a causa della sua alta concentrazione di ossalato, una delle sostanze chimiche chiave che portano alla formazione di calcoli renali.

L’attuale studio, condotto da un team di esperti dell’Henry Ford Hospital, ha anche riscontrato percentuali notevolmente superiori di complicazioni a seguito di uno dei due trattamenti critici per gli effetti della urolitiasi (calcoli nei reni e nelle vie urinarie).

Pubblicato nella rivista European Urology, i risultati hanno mostrato che le femmine sono molto più vulnerabili alle infezioni quando si ammalano di urolitiasi. Ha anche mostrato la prevalenza dell’infezione, tra cui la sepsi (un gonfiore potenzialmente fatale in tutto il corpo che è iniziato come un’infezione), è in aumento.

D’altra parte, la percentuale di morti associate rimane fissa. Gli scienziati ritengono che ciò sia dovuto a “un ampio miglioramento nella gestione della sepsi e dei malati critici”.

Jesse Sammon, DO, principale autore e residente di urologia presso l’Istituto di Urologia Vattikuti di Henry Ford, ha spiegato:

“Lo studio di ricerca è stato condotto perché il tasso di infezione correlato alla urolitiasi non era noto e le prove non erano chiare sul metodo migliore per trattarlo.”
I dati di circa 400.000 pazienti adulti ricoverati per urolitiasi infetti dal 1999 al 2009 sono stati raccolti e successivamente analizzati dal campione ospedaliero nazionale, il più grande database di assistenza ospedaliera on-payer negli Stati Uniti. Il team ha identificato la frequenza con cui i soggetti sono stati trattati con uno dei due i due metodi:

  • cateterizzazione uretrale retrograda (RUC) – drena l’urina bloccata e riduce la pressione sul rene, inserendo un catetere attraverso l’uretere
  • nefrostomia percutanea (PCN): la schiena e il rene del paziente vengono perforati con uno strumento chirurgico

Dopo 10 anni di analisi, hanno riscontrato un aumento della prevalenza di urolitiasi infettiva nelle femmine da 15,5 a 100.000, a 27,6, e negli uomini, l’aumento è stato di 7,7 per 100.000, a 12,1.

La sepsi correlata è aumentata dal 6,9% dei pazienti trattati con urolitiasi all’8,5% e la sepsi grave è passata dall’1,7% al 3,2%.

Sebbene l’aumento dei tassi di sepsi, sepsi grave e soggiorni ospedalieri prolungati siano stati trovati correlati al PCN, il team ha osservato che non sono ancora state esaminate le variabili importanti necessarie per il confronto.

Le presunzioni che potrebbero guidare le future strategie di trattamento sarebbero speculative, hanno spiegato i ricercatori, “dimostrando la pressante necessità di ulteriori studi”.

Scritto da Sarah Glynn

Like this post? Please share to your friends: