Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Influenza suina: le prime 20 domande e risposte

Le voci sono diffuse mentre il tema dell’influenza suina si evolve. Qui ci sono venti domande a cui hanno risposto Charles Charles MD, Prof. Medicina Interna, Direttore di Medicina dei Viaggi, Scuola Medica dell’Università del Texas, Robert Emery DrPH, VP Sicurezza, salute, ambiente e gestione dei rischi, UT Health Science Center e Associate Prof. presso la Scuola di salute pubblica UT.

Poiché sono arrivati ​​nuovi rapporti, alcune parti di questo testo sono state modificate e aggiornate il 16 luglio 2009 da Christian Nordqvist, Editor, Medical News Today.

Leggi questo rapporto più recente sul virus dell’influenza suina A (H1N1):
“Lo studio suggerisce il virus H1N1 più pericoloso del sospetto”

1. I sintomi dell’influenza suina sono diversi dalla normale influenza umana?

Notizie aggiornate sul virus dell’influenza suina A (H1N1)

Centri di eccellenza, autorità sanitarie, organizzazioni sanitarie internazionali, ospedali e medici eminenti di tutto il mondo ci mandano ogni giorno le loro ultime scoperte sull’influenza suina.

Controlla regolarmente il nostro canale di notizie su Swine Flu.

Aggiungi questo feed di notizie su Swine Flu rss al tuo lettore di rss. Sono simili. L’influenza suina è più probabile che includa la diarrea e il vomito, così come i sintomi respiratori che accompagnano l’influenza umana stagionale tipica. Rapporti recenti indicano che il virus dell’influenza suina A (H1N1) infetta più a fondo nei polmoni rispetto alla tipica influenza umana stagionale. I sintomi dell’influenza suina includono:

  • Brividi
  • Tosse
  • Fatica
  • Diarrea
  • Febbre (superiore a 100 ° F o 37,8 ° C)
  • Mal di testa e dolori muscolari
  • Gola infiammata
  • Naso tappato

Per informazioni su ciò che l’influenza suina è, per favore vedi la nostra cosa è l’influenza suina? articolo.

2. Come faccio a sapere che ho avuto l’influenza suina se ho avuto qualche sintomo?

Non lo faresti, e nemmeno il tuo dottore. Un campione respiratorio dovrebbe essere assunto entro i primi quattro-cinque giorni. L’esemplare sarebbe stato inviato a un laboratorio, che negli Stati Uniti sarebbe stato un laboratorio di CDC.

Le autorità e gli esperti ancora non sanno perché i sintomi erano inizialmente peggiori in Messico che negli Stati Uniti, in Canada e in altri paesi. Tuttavia, di recente sono arrivate notizie di sintomi più gravi in ​​tutto il mondo.

Il punto importante è chiamare il medico se pensi di avere l’influenza. Farmaci anti-virali da prescrizione come TamiFlu o Relenza possono essere chiamati dal medico. A meno che tu non sia:

  • eccezionalmente malato con sintomi simil-influenzali
  • malato cronico
  • immuno-soppressione
  • abbastanza anziano
  • o avere un bambino molto piccolo, sotto i 2 anni

È meglio non riportare in ospedale, poiché potresti rischiare di diffondere la malattia. Chiama il tuo medico e fai ciò che ti dice.

3. Per quanto tempo le persone contagiate sono contagiose?

Un adulto è solitamente contagioso finché ha sintomi – di solito fino a sette giorni dopo l’inizio della malattia. Lo “stadio di eliminazione” del virus è durante i primi 4-5 giorni di malattia. I bambini possono essere considerati contagiosi più a lungo, fino a 10 giorni. Il periodo di incubazione iniziale è di 24-48 ore.

4. Quali farmaci ci sono?

C’è Tamiflu o Relenza – entrambi hanno dimostrato di essere efficaci contro questi ceppi di influenza suina recentemente segnalati. Ci sono quattro farmaci anti-virali del tutto che sono comunemente usati per trattare vari ceppi di influenza.

5. Questi medicinali mi impediscono di prendere l’influenza suina?

Questo non è al momento consigliato. La terapia preventiva potrebbe essere consigliabile in circostanze molto particolari in cui una persona doveva esporsi a persone potenzialmente malate durante un’epidemia (che non abbiamo ancora qui). Tali persone potrebbero includere lavoratori delle ER. Un focolaio in una casa di cura, ad esempio, potrebbe portare a proteggere tutti gli altri residenti con un farmaco come TamiFlu.

Poiché il tempo di copertura è limitato, l’uso preventivo di farmaci antivirali non è consigliato al grande pubblico.

Non confondere i preparati per il raffreddore e l’influenza OTC (over the counter) per i farmaci anti-influenzali che si possono ottenere solo con una prescrizione.

6. I bambini e gli adulti hanno gli stessi sintomi?

I sintomi sono simili. Tuttavia, i segni di complicanze potenzialmente letali non lo sono. Diversi paesi stanno ora segnalando che i giovani adulti e i bambini hanno maggiori probabilità di avere sintomi e complicanze più gravi. Il CDC consiglia a coloro che hanno questi sintomi di cercare immediatamente assistenza di emergenza:

  • Essere estremamente irritabile
  • Colore della pelle bluastra
  • Respirazione rapida o problemi di respirazione
  • Febbre con un’eruzione cutanea
  • Non bere abbastanza liquidi
  • Non svegliare o interagire

I segnali di allarme di emergenza negli adulti sono:

  • Confusione
  • Difficoltà a respirare o mancanza di respiro
  • Dolore o pressione nel torace o nell’addome
  • Vomito grave o persistente
  • Vertigini improvvisi

7. Ci sono vaccini contro l’influenza suina?

Non attualmente, ma siamo sul punto di ottenere un po ‘. Le autorità, come il CDC negli Stati Uniti, stanno prendendo in considerazione l’ipotesi di aggiungere l’attuale influenza dell’influenza suina al vaccino del prossimo anno. Il Regno Unito ha ordinato 60 milioni di vaccini e si aspetta di riceverne molti entro la fine dell’anno.

8. Se prendessi il vaccino contro l’influenza suina nello spavento dell’influenza suina durante gli anni ’70, mi proteggerebbe ora? La vaccinazione antinfluenzale di quest’anno mi offrirà una protezione aggiuntiva?

Nessuno sa se la protezione può essere completa, parziale o non del tutto. L’attuale ceppo dell’influenza suina ha anche componenti dell’influenza aviaria. La componente dell’influenza aviaria non deriva dal mortale ceppo dell’influenza aviaria.

9. Posso prenderlo dai maiali?

No, puoi prendere questo ceppo solo da altri umani. È un virus maiale mutato.

10. Posso prenderlo dal mangiare carne di maiale e prodotti a base di carne di maiale?

No. L’influenza suina non viene trasmessa dal cibo che consuma, non è una malattia a trasmissione alimentare. Tutti i prodotti alimentari a base di maiale sono sicuri da consumare, a condizione che siano preparati correttamente. Il virus muore a 160 gradi Fahrenheit.

L’influenza suina viene trasmessa nello stesso modo in cui l’influenza normale è – attraverso le goccioline trasportate dall’aria si forma la tosse o lo starnuto di una persona malata

11. Come si passa da un maiale a un essere umano?

Il virus dei suini muta in modo tale da poter infettare gli esseri umani e diffondersi negli esseri umani.

12. Può uccidermi?

Inizialmente, nell’aprile 2009, quando iniziò l’epidemia, i sintomi sembravano più miti fuori dal Messico. Tuttavia, questo non è più il caso. Diversi paesi segnalano più casi di sintomi gravi. I numeri sono preoccupanti, ma non allarmanti. Le autorità sanitarie di tutti i paesi del Nord esprimono preoccupazione per ciò che potrebbe accadere durante il prossimo inverno, quando il numero di casi di influenza aumenterà.

13. Perché la grande preoccupazione se l’influenza regolare uccide 35.000 persone all’anno, motivo per cui siamo tutti incoraggiati a vaccinarsi contro l’influenza?

Questa è una nuova influenza che i nostri corpi non hanno mai visto prima. Le tensioni influenzali che il CDC crea un vaccino per ogni anno hanno tutte le potenzialità per causare gravi danni, specialmente nei pazienti anziani, pediatrici e cronici. Questa particolare influenza ha colpito giovani adulti apparentemente sani, con alcuni che hanno causato la morte in un numero crescente di paesi. Sembra anche abbastanza contagioso. Ne sapremo di più su questo ceppo nei prossimi mesi.

14. In che modo è diverso dall’influenza aviaria?

L’influenza aviaria finora ha avuto difficoltà a infettare gli esseri umani a meno che non siano esposti intensamente agli uccelli, perché il virus non è mutato in un modo che lo rende trasmissibile dall’uomo ad altri umani. Questo virus ha origini genetiche sia da maiali che da uccelli e la grande differenza dall’influenza aviaria è che questo virus suino può essere facilmente trasmesso da uomo a uomo.

15. Questo è solo un altro spavento che andrà via come l’influenza aviaria?

Inizialmente non eravamo sicuri se questo virus dell’influenza suina A (H1N1) sarebbe diventato una pandemia globale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) l’ha dichiarata una pandemia nel giugno 2009. Il numero di persone infette in tutto il mondo sta crescendo rapidamente. Non è ancora chiaro quante morti possa causare durante i prossimi mesi invernali, quando si verificano tipicamente epidemie di influenza. Ovviamente non sta svanendo.

16. Devo cancellare la mia vacanza in Messico?

Poiché le persone stanno diventando infette in gran numero in tutto il mondo e le infezioni si verificano principalmente tra persone nel proprio paese, la cancellazione di qualsiasi vacanza in qualsiasi paese a causa di questo virus è inutile.

17. Cosa succede se sono su un aereo? Dovrei indossare una maschera?

Non necessario. L’aria su un piano viene filtrata. La trasmissione potrebbe verificarsi se qualcuno seduto vicino a te tossisce o starnutisce su di te. I nuovi disegni del flusso d’aria degli aerei mantengono l’aria in un flusso dall’alto verso il basso, non l’aria forzata dalla parte anteriore a quella posteriore. Tuttavia, se hai una malattia respiratoria, potrebbe essere meglio non viaggiare.

18. Per quanto tempo il germe vive sulle superfici, come sulla mia scrivania se qualcuno starnutisce nel mio ufficio?

Il virus dell’influenza sopravvive solo per pochi minuti su oggetti o mani inanimati, quindi questi sono modi molto inefficienti per diffondere la malattia. L’influenza si diffonde più facilmente con le goccioline che vengono a contatto con le nostre membrane mucose come quando qualcuno tossisce o starnutisce in faccia. Se stringiamo la mano a una persona infetta che si è appena asciugata il naso e poi ci sfregiamo il naso o gli occhi con la nostra stessa mano, allora potremmo prendere l’influenza. Quindi, un buon lavaggio delle mani ha un ruolo nel diminuire la diffusione della malattia.

19. A parte il lavaggio delle mani e la copertura della bocca se starnutisco o tossisco, cosa posso fare per prendermi cura di me stesso e degli altri?

Se sei malato, rimani a casa. Controlla i tuoi starnuti e la tua tosse. Se tossisci nella tua mano, ricorda che il virus potrebbe essere vivo sulla tua mano almeno per pochi minuti, quindi lavati le mani prima di toccare qualcun altro. Se manifesta sintomi che suggeriscono l’influenza, chiamare il medico, che può richiedere una prescrizione medica per il trattamento dell’influenza. Resistere all’ospedale o all’ospedale ER per i sintomi dell’influenza, a meno che non si sia seriamente malati. Non vuoi diffondere la malattia agli altri.

20. Cos’altro posso fare?

Resta in contatto con i messaggi CDC più recenti attraverso i seguenti link:
http://www.cdc.gov/swineflu/investigation.htm
http://www.cdc.gov/swineflu/general_info.htm
http://www.cdc.gov/swineflu/whatsnew.htm

Vai alle fonti di informazioni verificabili come WHO (World Health Organization) o CDC.

Più importante, stai attento, non farti prendere dal panico.

“C’è un’enorme differenza tra preparazione e paranoia”, afferma il dott. Robert Emery, esperto di salute sul lavoro presso la Scuola di sanità pubblica dell’UT di Houston. “Anche se abbiamo a che fare con un nuovo ceppo influenzale, esiste una serie di misure preventive universalmente applicabili che possono essere impiegate immediatamente da tutti per contribuire a fermare la diffusione di questa malattia”

Corretta igiene delle mani:

C’è un modo giusto e un modo inutile per lavarsi le mani e lavare via i microrganismi. L’obiettivo è quello di abbattere le membrane protettive dei germi, rimuoverle dalle mani e lasciarle andare in malora. Il sapone naturale nelle mani giuste è roba forte.

  • Bagnare bene con una saponetta o spruzzare una moneta di sapone liquido nel palmo della mano.
  • Strofina vigorosamente le mani insieme, sapone tra le dita, e i polsi, davanti e dietro per 15 secondi. Canta il primo coro di qualsiasi canzone che conosci e che ti porterà attraverso i 15 secondi.
  • Risciacquare con acqua calda CORSA. Ricorda, l’oggetto è di rimuovere i germi. La forza dell’acqua è la chiave.
  • Asciugare accuratamente le mani con un asciugamano monouso o sotto il soffiatore, ancora una volta, sfregando le mani.
  • Scartare l’asciugamano.

Se stai usando gel a base alcolica come detergenti per le mani:

Metti un importo in un centesimo in una mano:

  • Strofina vigorosamente le mani e tra le dita finché il GEL NON È ASCIUTTO per circa 30 secondi.
  • NON toccarti la faccia!

Una volta che le tue mani sono pulite, non toccarti il ​​viso, il naso, gli occhi o le labbra.

Strofinare gli occhi e il naso fornisce una superstrada per i microrganismi e un buon terreno di coltura una volta arrivati.

Copri la tua tosse

Se devi tossire o starnutire, copri la bocca con un fazzoletto di carta o con l’interno del gomito (non con la mano in quanto potresti contaminare le superfici quando le tocchi). Getta via il tessuto in un cesto di rifiuti. Non lasciare i tessuti scartati sulla scrivania o su altre superfici.

Quindi, lavarsi accuratamente le mani.

La parte da buttare via è essenziale.

I microrganismi hanno una durata che va da pochi secondi a giorni su superfici inanimate come scrivanie, piani d’appoggio, rubinetti … tessuti. Se i tuoi tessuti sono sparpagliati sul tuo tavolino, sono in contatto con le superfici della comunità. Sia i tessuti che la superficie su cui poggia possono diffondere i germi alla persona che tocca il tavolino da caffè.

Se inizi a sentirti male: febbricitante, dolorante, tosse secca e dolorosa, mal di gola, vai a casa da scuola o dal lavoro e chiama il tuo medico per ulteriori istruzioni.

Se ti senti male con sintomi simil-influenzali e ti preoccupi per i più piccoli o gli anziani o i malati cronici, informa il tuo medico quando chiami il loro ufficio.

Altri articoli correlati

  • Cos’è l’influenza suina?
  • Mappe di focolai H1N1

Fonte: Centro di scienza sanitaria dell’Università del Texas a Houston

Articolo a cura di Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: