Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Insufficienza renale cronica segno indipendente per rischio di morte e ERSD

Anche in pazienti senza diabete o pressione alta, l’esistenza di una malattia cronica da sola può essere un potente segno del rischio di morte e malattia renale allo stadio terminale (ESRD).

I risultati, pubblicati su The Lancet, provengono da due recenti studi della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e del Chronic Kidney Disease Prognosis Consortium.

Secondo una precedente ricerca sul Journal of American Medical Association (JAMA), la prevalenza della malattia renale cronica è aumentata, in quanto c’è stato un aumento del numero di persone con diabete e ipertensione.

La malattia renale cronica è la lenta perdita della funzione renale nel tempo, la principale funzione dei reni è quella di rimuovere i rifiuti e l’acqua in eccesso dai nostri corpi. Colpisce dal 10% al 16% di tutti gli adulti negli Stati Uniti, in Asia, in Europa e in Australia. Frequenti condizioni della malattia sono l’ipertensione e il diabete, con l’ipertensione più diffusa.

Un rapporto del 2011 ha rivelato che la salute dei pazienti con malattie renali croniche può essere migliorata con una regolare attività fisica. Ad esempio, possono trarre beneficio da una migliore forma fisica, una pressione sanguigna più sana, una frequenza cardiaca più sana e una migliore qualità della vita correlata alla salute.

Stimando la velocità di filtrazione glomerulare (GFR) – la portata del fluido filtrato che passa attraverso i minuscoli filtri nei reni, chiamati glomeruli, ogni minuto – la funzione dei reni può essere misurata. I risultati a partire da 60 o più indicano il normale funzionamento, mentre un numero basso può implicare una malattia renale. L’albumina, la principale proteina nelle urine standardizzata per la concentrazione di urina, può essere misurata per quantificare il danno renale.

È stata trovata un’associazione tra bassa funzionalità renale e alta proteina urinaria con mortalità per tutte le cause e cardiovascolare e ESRD (la quinta fase della malattia renale cronica che significa insufficienza renale cronica) in entrambi i partecipanti con ipertensione e in quelli senza, nella metanalisi dell’ipertensione .

I risultati hanno mostrato che le associazioni di funzionalità renale e di proteine ​​urinarie con esiti di mortalità erano più significative nelle persone senza ipertensione rispetto a quelle con la condizione. Al contrario, le associazioni tra funzione renale e proteina urinaria con ESRD non hanno mostrato differenze se l’ipertensione esistesse o meno.

Il rapporto dell’analisi del diabete implicava che i soggetti con diabete presentavano un aumentato rischio di mortalità cardiovascolare e ESRD per tutte le cause, rispetto a quelli senza diabete in tutti i range di funzionalità renale e proteine ​​urinarie.

D’altra parte, le probabilità comparative di questi risultati per funzione renale e proteine ​​urinarie sono molto simili indipendentemente dall’esistenza del diabete.

Bakhtawar K. Mahmoodi, MD, PhD, autore principale delle analisi dell’ipertensione, ha spiegato: “La nefropatia cronica dovrebbe essere considerata almeno un fattore di rischio altrettanto rilevante per la mortalità e l’ESRD in individui senza ipertensione come nei pazienti ipertesi”.

Josef Coresh, MD, PhD, MHS, il principale investigatore del Consorzio e professore nel Dipartimento di Epidemiologia della Scuola Bloomberg, ha concluso:

“Questi dati forniscono supporto per le linee guida di pratica clinica che mettono in atto malattia renale cronica basata sulla funzione renale e sulle proteine ​​urinarie attraverso tutte le cause di malattia renale.Le conclusioni sono rafforzate dai risultati di importanti studi e dalla partecipazione di investigatori provenienti da 40 paesi e una dettagliata analisi di oltre 1 milione di partecipanti. “
Scritto da Sarah Glynn

Like this post? Please share to your friends: