Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Insufficienza renale: la rete in nanofibra è un’alternativa economica e indossabile alla dialisi

Il ruolo principale del rene è quello di filtrare i prodotti di scarto dal sangue prima di convertirli in urina. Ma questo processo cessa per le persone che hanno insufficienza renale, causando l’accumulo di rifiuti nel loro sangue. Ora, i ricercatori hanno creato una rete in nanofibre che, a loro dire, potrebbe essere un’alternativa portabile e meno costosa alla dialisi renale.

Questo è secondo uno studio pubblicato sulla rivista.

La dialisi renale è il trattamento più comune per i pazienti con insufficienza renale. Implica l’uso di macchine, a casa o in ospedale, che aiutano a filtrare le tossine del prodotto di scarto dal sangue di un paziente, in sostituzione della normale funzione renale.

Ma il gruppo di ricerca – dell’International Center for Materials Nanoarchitectonics (MANA) dell’Istituto Nazionale per la Scienza dei Materiali in Giappone – afferma che poiché queste macchine richiedono elettricità e un’attenta manutenzione, non sono ampiamente disponibili nei paesi più poveri.

Inoltre, osservano che a seguito di calamità naturali in questi paesi – come il terremoto e lo tsunami giapponesi del 2011 – molti pazienti che necessitano di dialisi devono spesso rinunciare al trattamento fino al ripristino dei normali servizi ospedalieri.

Con questo in mente, gli investigatori hanno cercato di sviluppare un modo più economico di rimuovere le tossine nel sangue dei pazienti con insufficienza renale. Ciò ha portato alla creazione di una rete in nanofibre.

Un ‘alternativa compatta ed economica alla dialisi’

Macchina per dialisiPer la loro creazione, i ricercatori hanno prima combinato un polimero primario compatibile con il sangue ottenuto da polietilen-co-vinil alcol (EVOH) e una varietà di zeoliti – minerali alluminosilicati costituiti da alluminio, silicio e ossigeno.

Le zeoliti hanno strutture microporose in grado di assorbire i prodotti di scarto dal sangue.

Il team ha utilizzato l’elettrofilatura – un metodo a basso costo che utilizza una carica elettrica per estrarre le fibre da un liquido – per sviluppare la mesh.

Dopo aver testato la mesh sulla sua capacità di assorbire la creatinina – un prodotto di scarto – dal sangue, i ricercatori hanno scoperto che è richiesto uno specifico rapporto di silicio e alluminio all’interno delle zeoliti.

Hanno scoperto che la zeolite di tipo beta 940-HOA assorbe la più alta quantità di creatinina dal sangue.

Commentando i risultati, i ricercatori dicono:

“Le fibre composte proposte possono essere utilizzate come un nuovo approccio per la rimozione di prodotti di scarto azotati dal flusso sanguigno senza il bisogno di attrezzature specializzate”.

Gli investigatori dicono che il mesh è ancora nelle sue fasi iniziali e che è necessario molto più sviluppo prima che sia pronto per la produzione.

Ma dicono che è possibile che la rete possa essere trasformata in un prodotto per la purificazione del sangue che sarebbe abbastanza piccolo da poter essere indossato dal paziente sul braccio, il che farebbe risparmiare tempo e denaro ai pazienti.

Credono fortemente che questa creazione sia fattibile e dicono che potrebbe essere un’alternativa compatta ed economica alla dialisi per i pazienti con insufficienza renale in tutto il mondo.

Ci sono altre opzioni di trattamento che vengono esplorate per aiutare i pazienti con insufficienza renale. L’anno scorso, ha riportato uno studio che descrive la creazione di un rene artificiale in grado di estrarre i rifiuti dal corpo proprio come un normale rene sano.

In altre ricerche, gli investigatori hanno osservato l’uso dei reni di maiale come “scaffold” su cui costruire reni umani iniettandoli con cellule staminali. Le cellule staminali avrebbero assunto il rene del maiale, rendendolo disponibile per il trapianto negli esseri umani.

Like this post? Please share to your friends: