Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Integratori di vitamina D: sono davvero buoni per la nostra salute?

Non c’è dubbio che i nostri corpi hanno bisogno di vitamina D. Aiuta a regolare l’assorbimento di calcio e fosforo nelle nostre ossa, aiuta le nostre cellule a comunicare tra loro e aiuta a rafforzare il nostro sistema immunitario. Ma l’integrazione con vitamina D può davvero offrire ulteriori benefici per la salute?

La ricerca precedente suggerisce che può. Ma altri studi indicano che la supplementazione di vitamina D non fa altro che promuovere la salute delle ossa e del sistema immunitario ed è utile solo per le persone che hanno una carenza di vitamina D.

Analizziamo entrambi i lati dell’argomentazione nel tentativo di determinare se l’integrazione con vitamina D sia davvero un bene per noi.

Come funziona la vitamina D.

La vitamina D è una vitamina liposolubile. Esistono cinque forme di vitamina: D1, D2, D3, D4 e D5.

Tuttavia, le vitamine D2 e ​​D3 sembrano essere le più importanti nel corpo umano.

La luce solare è la principale fonte di vitamina D. per il corpo. Non c’è una quantità di tempo che una persona dovrebbe trascorrere alla luce del sole per ottenere una buona quantità di questa vitamina. Tuttavia, il consiglio della vitamina D afferma che “non è necessario abbronzarsi o bruciare la pelle per ottenere la vitamina D.”

Il National Health Service (NHS) del Regno Unito afferma che brevi scoppi di esposizione al sole durante i mesi estivi dovrebbero essere sufficienti.

L’energia del sole trasforma una sostanza chimica nella pelle nella vitamina D3, che viene poi trasportata nel fegato e nei reni dove viene trasformata in vitamina D. attiva

Alcuni alimenti, come pesci grassi, uova e grassi arricchiti, contengono anche la vitamina, anche se questi sono in quantità molto piccole. Una volta consumato, viene inviato al fegato e processato allo stesso modo.

La funzione principale della vitamina D è quella di aumentare l’assorbimento intestinale del calcio – un processo cruciale per una buona salute delle ossa.

La vitamina D aiuta anche a rafforzare il sistema immunitario e aiuta la comunicazione cellulare-cellulare nel corpo.

Il Consiglio di Vitamina D afferma anche che la vitamina è importante per la funzione muscolare, il sistema respiratorio, la funzione cardiovascolare, lo sviluppo del cervello e ha anche proprietà anti-cancro.

Carenza di vitamina D

La carenza di vitamina D si verifica quando una persona non ha la quantità sufficiente di vitamina nel corpo.

Secondo il Food and Nutrition Board presso l’Institute of Medicine delle National Academies, l’assegno dietetico raccomandato per la vitamina D per le persone di età compresa tra 1 e 70 anni è di 600 UI al giorno e 800 UI per quelli di età superiore ai 70 anni.

I neonati di età compresa tra 0 e 12 anni dovrebbero assumere un quantitativo di 400 UI di vitamina D ogni giorno.

Signora che riposa su una spiaggia tropicale all'ombra di una palma e indossa cappello e occhiali da sole

Il NHS afferma che la maggior parte delle persone dovrebbe essere in grado di ottenere tutta la vitamina D di cui il corpo ha bisogno mangiando una dieta equilibrata e ottenendo la giusta quantità di luce solare.

Ma alcuni gruppi potrebbero essere a rischio di carenza di vitamina D. Questi includono:

  • Persone di 65 anni e più
  • Donne incinte e che allattano
  • Individui che non sono esposti a luce solare sufficiente, come le persone che sono costrette a casa
  • Le persone che hanno la pelle più scura, e
  • Neonati e bambini di età inferiore ai 5 anni.

Secondo la Harvard Medical School, se il corpo non riceve abbastanza vitamina D, può assorbire solo il 10-15% di calcio nella dieta, rispetto al 30-40% con sufficienti livelli di vitamina D.

Questo può avere un impatto negativo sulla salute delle ossa. L’anno scorso, uno studio ha rivelato che la carenza di vitamina D può accelerare l’invecchiamento delle ossa.

Bassi livelli di vitamina D sono stati anche collegati ad altri effetti negativi sulla salute. Uno studio recente ha suggerito che la carenza di vitamina D può causare danni al cervello.

La ricerca ha anche rivelato potenziali implicazioni per la carenza di vitamina D durante la gravidanza. Uno studio ha recentemente suggerito che le donne che hanno bassi livelli di vitamina D nelle prime 26 settimane di gestazione possono avere un aumentato rischio di preeclampsia.

Secondo il Consiglio di vitamina D, i sintomi della carenza di vitamina D possono includere stanchezza e dolori e dolori generali, ma molte persone non hanno alcun sintomo.

Potenziali benefici dell’integrazione di vitamina D

Il consiglio sulla vitamina D afferma che i due modi principali per ottenere una quantità sufficiente di vitamina D nel corpo sono di esporre la pelle nuda alla luce del sole e assumere integratori di vitamina D.

Ma Brant Cebulla, direttore dello sviluppo del Consiglio della vitamina D, ha detto che per molte persone non è possibile una frequente esposizione alla luce solare:

“Con il nostro stile di vita indoor, non esponiamo la pelle al sole tanto quanto eravamo soliti e non adempiamo ai nostri requisiti di vitamina D. I supplementi sono un modo per compensare questo stile di vita.”

La supplementazione di vitamina D è stata collegata a numerosi benefici per la salute.

L’anno scorso, è stato riportato uno studio che suggerisce che gli integratori di vitamina D possono ridurre il dolore e la depressione per le donne con diabete di tipo 2.

Ricerche più recenti hanno suggerito che alti livelli di vitamina D possono prevenire il deterioramento cognitivo in pazienti con malattia di Parkinson, mentre un altro studio ha scoperto che l’assunzione di vitamina D durante la gravidanza può aumentare la forza muscolare della prole.

Benefici per la salute contestati

Tuttavia, alcuni studi hanno messo in discussione i potenziali benefici per la salute dell’integrazione di vitamina D.

Capsule di supplemento

L’anno scorso, uno studio pubblicato in quell’analisi di 290 studi osservazionali prospettici e 172 studi randomizzati di supplementi di vitamina D, non ha trovato prove che l’integrazione di vitamina D produca benefici per la salute.

Inoltre, i ricercatori dello studio hanno suggerito che bassi livelli di vitamina D sono una conseguenza della cattiva salute, non una causa.

Uno studio più recente, pubblicato anche in discussione i benefici per la salute della supplementazione di vitamina D.

Il gruppo di ricerca, guidato dal Dr.Mark Bolland dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda, ha scoperto che è improbabile che l’integrazione di vitamina D riduca l’incidenza di infarto, malattie cardiache, ictus, cancro o fratture ossee.

Parlando con, il dottor Bolland ha detto dei risultati del team:

“Il messaggio principale è che se sei sano e attivo, probabilmente hai abbastanza sole per avere livelli adeguati di vitamina D e non hai bisogno di assumere integratori di vitamina D”.

Tuttavia, Cebulla ha osservato che studi come questi potrebbero non mostrare i veri effetti dell’integrazione di vitamina D:

“Queste meta-analisi hanno tirato un sacco di dati da studi che utilizzavano quantità veramente basse di vitamina D (400 o 800 UI al giorno), quindi è difficile aspettarsi risultati che mostrino dei benefici”.

Ha aggiunto che studi futuri dovrebbero fornire risultati più accurati:

“Ora abbiamo in corso studi di grandi dimensioni di migliore qualità, utilizzando 2.000 UI di vitamina D al giorno o più, ei risultati saranno quelli tra il 2017 e il 2020. Uno di questi è VITAL, che sta arruolando 20.000 americani per prendere 2.000 IU di vitamina D o placebo per 5 anni. Dovremmo ottenere dati veramente buoni da questo, dati che non esistono fino ad oggi. “

Effetti negativi dell’integrazione di vitamina D

Come molte altre vitamine, l’assunzione eccessiva di vitamina D può comportare effetti negativi sulla salute.

Secondo il Medical Center dell’Università del Maryland, gli effetti collaterali possono includere scarso appetito, perdita di peso, stanchezza, mal di occhi, vomito, diarrea e problemi muscolari.

“Se hai livelli estremamente elevati di vitamina D, potresti ottenere una condizione chiamata ipercalcemia, che significa troppo calcio nel sangue”, ha aggiunto Cebulla.

“Questa condizione ti fa sentire nausea, confusa e stanco: se ricevi assistenza medica e diminuisci l’assunzione di vitamina D e diminuisci i livelli di calcio, non ci sono effetti duraturi”.

Il centro medico dell’Università del Maryland afferma che è difficile ottenere troppa vitamina D dalla luce solare e dalle fonti alimentari, pertanto l’assunzione eccessiva di vitamina D è generalmente il risultato dell’assunzione di troppi integratori.

Tuttavia, è difficile dire quanto è troppo perché la maggior parte delle organizzazioni raccomandano differenti quantità massime di vitamina D.

Ad esempio, la Food and Nutrition Board raccomanda che 4.000 UI sia la quantità massima di vitamina D che dovrebbe essere assunta ogni giorno, mentre il Consiglio della Vitamina D raccomanda il massimo di 10.000 UI.

Tuttavia, la nota del Consiglio sulla vitamina D:

“Sebbene queste quantità sembrino molto, tieni presente che il tuo corpo può produrre da 10.000 a 25.000 UI di vitamina D dopo un po ‘di esposizione solare totale. La tossicità della vitamina D, dove la vitamina D può essere dannosa, di solito accade se prendi 40.000 IU al giorno per un paio di mesi o più. “

Maggiore consapevolezza che circonda la vitamina D

Cebulla ha detto che per garantire che le persone ricevano le giuste quantità di vitamina D, i medici dovrebbero discutere l’assunzione di vitamina D con i loro pazienti:

“Gli studi dimostrano che i consigli dietetici tradizionali non migliorano l’assunzione / i livelli di vitamina D. Quindi è importante che i medici si assicurino che comunichino che la vitamina D non è qualcosa che deriva dalla vostra dieta, e un’attenzione supplementare è necessaria per assicurarvi di essere assumendo abbastanza vitamina D. “

Inoltre, Cebulla ha aggiunto che una maggiore consapevolezza riguardo alla vitamina D porterebbe a un migliore apporto di vitamina D sulla popolazione.

“Abbiamo bisogno di una popolazione che capisca che si ottiene la vitamina D dall’esposizione al sole, e se non si ottiene l’esposizione al sole, allora è necessario integrare perché non si ottiene abbastanza vitamina D dalla dieta”, ha detto.

Per ora, le prove suggeriscono che gli integratori di vitamina D possono aiutare a mantenere i livelli di vitamina necessari per promuovere la salute delle ossa, la modulazione della crescita cellulare e la funzione immunitaria.

Resta da vedere se questi supplementi possano promuovere ulteriori benefici per la salute.

Like this post? Please share to your friends: