Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Iperalgesia: cosa devi sapere

L’iperalgesia è una condizione in cui una persona sviluppa una maggiore sensibilità al dolore. Ciò che può non danneggiare la maggior parte delle persone può causare dolore significativo in un individuo con iperalgesia.

Sebbene ci siano molte cause potenziali associate all’iperalgesia, si ritiene che la condizione sia il risultato di cambiamenti nei percorsi nervosi, che causano ai nervi di una persona una risposta iperattiva al dolore.

Sono disponibili farmaci per prevenire il peggioramento dei sintomi di una persona.

Fatti veloci su iperalgesia:

  • L’iperalgesia può essere molto difficile da diagnosticare per un medico.
  • Esistono diversi tipi di iperalgesia e i medici hanno una varietà di teorie sul perché le persone provano iperalgesia.
  • I ricercatori stanno anche studiando un potenziale legame genetico con l’iperalgesia
  • La condizione ricorda da vicino sia la tolleranza alla droga che i ritiri di droga.

Le cause

uomo sofferente

Ci sono diversi percorsi nervosi o “dolorosi” nel corpo in cui i segnali possono iniziare a fraintendere l’uno con l’altro, con conseguente iperalgesia.

Alcuni scienziati pensano che l’iperalgesia si manifesti quando le sostanze chimiche note per ridurre il dolore vengono interrotte.

Altri propongono che l’iperalgesia si verifichi quando i “fili incrociati” nel sistema nervoso impediscono ai segnali del dolore di trasmettere con precisione.

Dolore nocicettivo e neuropatico

Nociceptive e neuropathic sono due diversi tipi di dolore. Il dolore nocicettivo è acuto e di solito ha una causa specifica, come una lesione.

Il dolore neuropatico deriva da un danno al sistema nervoso. Può accadere anche in assenza di lesioni o stimoli esterni.

L’iperalgesia è considerata una forma di dolore neuropatico.

tipi

I medici di solito dividono l’iperalgesia in categorie primarie e secondarie. Entrambe queste condizioni sono dovute a traumi e infiammazioni tissutali iniziali.

Iperalgesia primaria

Questo tipo di iperalgesia si verifica quando l’aumento del dolore si verifica nel tessuto in cui si è verificata la lesione. Un esempio potrebbe essere quando una persona ha un intervento chirurgico al gomito e il dolore inizia a peggiorare nel tempo invece di migliorare.

Iperalgesia secondaria

Questo tipo si verifica quando il dolore sembra diffondersi a tessuti o tessuti non danneggiati.

Altri tipi di iperalgesia

Un altro tipo di iperalgesia è l’iperalgesia indotta da oppioidi (OIH). L’OIH si verifica quando una persona sperimenta un peggioramento o un nuovo dolore a causa del consumo di oppioidi, come morfina, idrocodone o fentanil per alleviare il dolore.

Trattamento

oppioidi

Se l’iperalgesia viene indotta da oppioidi, un medico può ridurre il dosaggio. Mentre una persona può sperimentare un iniziale aumento del dolore a causa di questi cambiamenti, questo spesso lascia il posto a una ridotta esperienza del dolore in quelli con iperalgesia.

Un medico può anche provare a prescrivere un farmaco alternativo e non oppiaceo.

Ci sono anche diverse classi di oppioidi che un medico potrebbe prescrivere. Un esempio è il metadone, un farmaco che allevia il dolore, ma ha dimostrato di prevenire o ridurre l’OIH.

Tuttavia, è ancora possibile che una persona possa avere iperalgesia mentre assume il metadone.

Un altro farmaco è la buprenorfina, che può aiutare a ridurre l’incidenza di iperalgesia bloccando i recettori nel cervello e nel midollo spinale.

La ketamina, che blocca anche alcuni recettori, è un’altra opzione. Tutti questi farmaci, così come il metadone, richiedono una stretta supervisione medica.

Un’altra opzione è un blocco muscolare o nervoso, che utilizza un anestetico locale per intorpidire o ritardare gli impulsi nervosi dolorosi. A volte, il trattamento dell’iperalgesia richiede un approccio trial-and-error, con frequenti aggiustamenti ai farmaci fino a quando una persona raggiunge una ridotta esperienza di dolore.

Sintomi

Il principale sintomo dell’iperalgesia è una reazione sempre più estrema agli stimoli dolorosi senza nuove lesioni o peggioramento di una condizione medica. Un esempio potrebbe essere un’incisione chirurgica che diventa più dolorosa nel tempo, tuttavia la ferita non è infetta e una persona non ha subito ulteriori lesioni.

L’iperalgesia è diversa dalla tolleranza ai farmaci sebbene i due processi siano simili.

Se una persona sviluppa una tolleranza verso un particolare farmaco, di solito significa che il suo corpo si è abituato alla presenza del farmaco al dosaggio attuale e il farmaco non funziona più correttamente. Quando una persona ha sviluppato una tolleranza verso un farmaco, aumentare il dosaggio di solito diminuisce il dolore di una persona.

La tolleranza al farmaco è diversa dall’iperalgesia, dove l’aumento del farmaco antidolorifico non riduce la quantità di dolore che una persona prova. A volte, l’aumento del farmaco antidolorifico fa peggiorare il dolore della persona.

Un’altra condizione medica simile è l’allodinia. Questa condizione è dove una persona sviluppa una significativa risposta al dolore agli stimoli non dolorosi. Anche sfiorare la pelle di una persona può causare dolore.

Nell’iperalgesia, una persona ha sperimentato uno stimolo doloroso, come il dolore o il dolore del cancro dopo l’intervento, ma la sua risposta al dolore è maggiore del livello atteso di dolore.

Come fanno i medici a diagnosticare l’iperalgesia?

medico che controlla le note su un tablet

L’iperalgesia può presentare difficoltà per il trattamento di un medico perché una persona può aver sviluppato l’OIH.

Per fare una diagnosi, un medico prenderà una storia medica e rivedrà i farmaci di una persona.

Possono anche porre loro domande sulla natura del loro dolore.

Alcuni dei segni che potrebbero indicare iperalgesia includono:

  • Il dolore si estende oltre l’area in cui una persona ha subito un infortunio iniziale o precedentemente sentito dolore. Gli esempi potrebbero includere mal di testa, dolore al collo, dolore alle gambe o mal di schiena.
  • Alcune persone descrivono il dolore come “diffuso” o diffuso. Alcuni possono riportare dolore e dolori muscolari all-over.
  • La qualità o l’esperienza del dolore è diversa da come era prima. Il dolore può diventare acuto, dolente o lancinante, dove in precedenza la persona percepiva il dolore in modo diverso.

Un medico può aumentare i farmaci antidolorifici di una persona per determinare se l’iperalgesia è la causa. Se il farmaco antidolorifico aggiuntivo causa più dolore, è possibile che la condizione sia iperalgesia.

Attualmente non ci sono test diagnostici definitivi per l’iperalgesia.

Like this post? Please share to your friends: