Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ipersonnolenza: cosa devi sapere

L’ipersonnia è una condizione in cui una persona sperimenta episodi significativi di sonnolenza, anche dopo 7 o più ore di sonno di qualità.

Altri termini usati per descrivere l’ipersonnia includono eccessiva sonnolenza diurna, eccessiva sonnolenza diurna e ipersonnia.

Cos’è l’ipersonnia?

Hypersomnolence.

Molte persone si trovano private del sonno o eccessivamente stanche in vari momenti della loro vita. D’altra parte, una persona con ipersonnia può sentire il bisogno di dormire anche dopo aver dormito bene per il numero di ore raccomandato.

L’ipersonnolenza può essere problematica perché influisce sulle capacità di una persona al lavoro e a scuola. Può anche influenzare la loro sicurezza durante la guida e può essere un indicatore di un disturbo medico di base.

I sintomi dell’ipersonnia iniziano di solito quando le persone hanno dai 17 ai 24 anni. Secondo un articolo della rivista, l’età media di esordio è di 21,8 anni.

Se non trattata, l’ipersonnolenza può influire sulla qualità della vita di una persona.

Sintomi

Lottando per svegliarsi.

Nelle persone con ipersonnia, l’eccessiva sonnolenza non è dovuta ad un altro disturbo o farmaco sottostante.

Il sintomo principale dell’ipersonnia è l’eccessiva sonnolenza, anche se una persona riceve 7 ore di sonno a notte. Altri sintomi includono:

  • addormentarsi più volte durante il giorno
  • fare dei sonnellini per combattere la sonnolenza ma non svegliarsi riposati
  • dormire più di 9 ore ma non sentirsi riposati
  • avere difficoltà a svegliarsi dal sonno
  • sentirsi confuso o combattivo mentre cercava di svegliarsi

Un sonno eccessivo può causare problemi al lavoro, a scuola o per altre attività quotidiane.

L’ipersonnolenza ha tre categorie: acuta, subacuta e persistente.

  • ipersonnia acuta, della durata di 1 mese o meno
  • ipersonnolenza subacuta, della durata da 1 a 3 mesi
  • ipersonnia persistente, che dura più di 3 mesi

L’ipersonnolenza è simile a un altro disturbo del sonno noto come narcolessia in quanto le persone sperimentano episodi di sonnolenza durante il giorno.

Tuttavia, le persone con narcolessia spesso descrivono episodi di sonnolenza come attacchi improvvisi del sonno “. Al contrario, gli episodi di ipersonnia tendono ad aumentare gradualmente.

Le cause

I ricercatori stanno ancora lavorando per identificare quali interazioni nel cervello causano ipersomnolance. È possibile che le persone abbiano un aumento delle sostanze chimiche del cervello che notoriamente causano sonnolenza. Questo aumento può agire molto come un sonnifero.

Sebbene i ricercatori non abbiano ancora identificato la sostanza o molecola specifica che può essere coinvolta nell’ipersonnolenza, credono che interagisca con una sostanza chiamata acido y-aminobutirrico (GABA), che è responsabile della promozione del sonno nel cervello. I farmaci sedativi utilizzati in chirurgia funzionano sulla stessa sostanza GABA per mantenere una persona addormentata durante l’intervento.

I fattori di rischio per una persona che sviluppa ipersomnolenza includono:

  • stress
  • consumo eccessivo di alcol
  • precedente storia di infezione virale
  • precedente storia di trauma cranico
  • storia familiare di ipersonnolenza
  • storia medica di depressione, abuso di sostanze, disturbo bipolare, morbo di Alzheimer o morbo di Parkinson

Mentre questi sono noti fattori di rischio e potenziali contributori alla condizione, alcune persone possono avere ipersonnolenza per nessun motivo noto.

L’ipersonnolenza senza una causa nota è definita ipersonnia idiopatica, che colpisce lo 0,01 allo 0,02 percento della popolazione.

Diagnosi

L’ipersonnolenza è uno dei numerosi disturbi descritti nella categoria “disturbi del sonno-veglia” del. Altre condizioni in questa categoria includono disturbi da incubo, sindrome delle gambe senza riposo e disturbi del sonno legati alla respirazione.

I medici spesso diagnosticano l’ipersonnolenza escludendo innanzitutto altre possibili cause dell’eccessiva sonnolenza.

Un medico farà domande sui sintomi di una persona, che possono includere:

  • Quando li hai notati per la prima volta?
  • Qualcosa li rende peggiori? Qualcosa li rende migliori?
  • Per quali altre condizioni mediche stai attualmente trattando?
  • Quali sono i tuoi schemi di sonno?
  • Com’è il tuo ambiente di sonno?

Un medico esaminerà anche eventuali farmaci che una persona potrebbe assumere per aiutare a identificare se ciò potrebbe causare la sonnolenza durante il giorno.

Un medico può anche raccomandare uno studio del sonno. Ciò comporta un pernottamento in un “laboratorio del sonno” in cui una persona è collegata a vari monitor, tra cui un saturimetro, un elettrocardiogramma e un monitor per le onde cerebrali. Questa apparecchiatura aiuta il medico a decidere se la sonnolenza diurna di una persona potrebbe essere dovuta a un disturbo del sonno, come l’apnea ostruttiva del sonno.

Se non ci sono segni di un disturbo di base o di cause mediche, un medico può diagnosticare una persona con ipersonnia.

Trattamento

Routine del sonno

Gli stimolanti sono più comunemente prescritti per il trattamento dell’ipersonnia. Esempi di questi farmaci includono:

  • anfetamina
  • metilfenidato
  • modafinil

Ulteriori farmaci usati per trattare l’ipersonnolenza includono clonidina, levodopa, bromocriptina, antidepressivi e inibitori delle monoaminossidasi (IMAO).

Oltre ai farmaci, un medico può raccomandare di apportare modifiche all’igiene del sonno di una persona per aiutarli a dormire bene la notte.

Esempi di queste modifiche includono:

  • Evitare sostanze stimolanti prima di coricarsi, come la caffeina e la nicotina.
  • Bere alcolici solo con moderazione. Sebbene l’alcol possa far sentire sonnolenta una persona, berla in eccesso può comportare una qualità del sonno peggiore.
  • Evitare cibi che causano il bruciore di stomaco o la digestione. Gli esempi includono cibi fatti con creme ad alto contenuto di grassi, cibi fritti, cibi piccanti, agrumi e bevande gassate.
  • Usando segnali di illuminazione visiva per distinguere tra giorno e notte.Questo può includere l’esposizione a molta luce esterna durante il giorno e rendere la stanza più scura prima di andare a dormire.
  • Stabilire una routine per andare a dormire che una persona trova rilassante e aiuta a segnalare al proprio corpo che è ora di andare a letto. Gli esempi includono fare una doccia o leggere un libro.
  • Cambiare un ambiente di sonno per renderlo più confortevole. Ciò include il raffreddamento di una stanza a temperature comprese tra i 60 ° F-67 ° F, evitando la luce proveniente da fonti artificiali, compresi telefoni cellulari e computer, e dormendo su un comodo materasso.

prospettiva

Con i cambiamenti dello stile di vita e le medicine, i medici considerano l’ipersonnolenza un disturbo del sonno molto curabile.

Una persona può anche beneficiare di consulenza e terapie cognitivo-comportamentali per cambiare le loro abitudini del sonno e imparare a ridurre lo stress quando possibile.

Like this post? Please share to your friends: