Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ipertensione: il sodio potrebbe non essere il colpevole

Il sale è stato a lungo diffamato come precursore dell’ipertensione. Tuttavia, poiché la ricerca sulla condizione ha approfondito ulteriormente, sta diventando chiaro che la storia è più complessa. L’ultimo studio in questa arena va in qualche modo verso l’assenza di sodio.

[teschio di sale e ossa incrociate]

Seguendo una serie di studi su larga scala che dimostrano che un’elevata assunzione di sale porta all’ipertensione, le linee guida dietetiche per gli americani stabiliscono l’assunzione raccomandata di sodio a 2.300 milligrammi al giorno.

Tuttavia, una nuova serie di studi sta mettendo in discussione questa linea guida e ora i ricercatori stanno chiedendo se la relazione tra ipertensione e sale sia così netta.

L’ultima ricerca per sondare il ruolo del sodio nell’ipertensione viene presentata oggi alla riunione di Experimental Biology 2017, che si terrà a Chicago, Illinois.

La ricercatrice Lynn L. Moore, professore associato di medicina alla Boston University School of Medicine in Massachusetts, ha completato lo studio con il suo team.

Un nuovo sguardo al sodio e alla pressione sanguigna

Moore e il suo team hanno preso dati da 2.632 uomini e donne di età compresa tra i 30 ei 64 anni, che facevano parte dello studio Framingham Offspring – una propaggine del Framingham Heart Study. Tutti i partecipanti avevano una pressione arteriosa normale all’inizio dello studio.

Durante il periodo di follow-up di 16 anni, i ricercatori hanno osservato che i partecipanti che hanno consumato meno di 2.500 milligrammi di sodio al giorno avevano una pressione sanguigna più alta rispetto a quelli che consumavano maggiori quantità di sodio.

I risultati sembrano controintuitivi. Come scrivono gli autori: “Mentre ci aspettavamo che l’assunzione di sodio nella dieta fosse positivamente associata sia a SBP [pressione sistolica] che a DBP [diastolica pressione arteriosa], è stato trovato il contrario.”

Sebbene i risultati sembrino prendere a calci lo status quo, sono in linea con altri studi recenti che fanno domande simili. La ricerca ha dimostrato che esiste una “relazione a forma di J” tra rischio cardiovascolare e sodio. Ciò significa che le diete a basso contenuto di sodio e le diete a elevato contenuto di sodio comportano un rischio più elevato di malattie cardiache.

Molte persone negli Stati Uniti siedono nel mezzo di questa curva, dove il rischio cardiovascolare è al minimo.

“Non abbiamo riscontrato alcuna evidenza che una dieta a basso contenuto di sodio avesse effetti benefici a lungo termine sulla pressione sanguigna.Le nostre scoperte aggiungono alla crescente evidenza che le attuali raccomandazioni per l’assunzione di sodio possono essere fuorvianti”.

Lynn L. Moore

Potassio importante quanto il sodio

L’importanza del potassio nella dieta è anche sottolineata in questo studio. Il team ha scoperto che gli individui con la pressione sanguigna più bassa erano quelli che avevano il più alto apporto di sodio e potassio. Al contrario, quelli con la pressione sanguigna più alta avevano il più basso apporto di sodio e potassio.

Moore afferma: “Questo studio e altri sottolineano l’importanza di un maggior apporto di potassio, in particolare, della pressione sanguigna e probabilmente anche degli esiti cardiovascolari”.

Effetti simili sono stati osservati anche quando sono state analizzate le assunzioni di magnesio e calcio; i livelli più alti erano legati all’abbassamento della pressione sanguigna e viceversa.

Gli autori concludono che:

“Questi dati a lungo termine dello studio Framingham non forniscono supporto per la riduzione dell’apporto di sodio tra gli adulti sani a meno di 2,3 grammi al giorno come raccomandato.Questo studio supporta il ritrovamento di una chiara associazione inversa tra potassio, magnesio e calcio e pressione sanguigna cambiare nel corso del tempo.”

Moore vuole che il suo studio svolga un ruolo nel cambiare le decisioni alimentari negli Stati Uniti. Dice: “Spero che questa ricerca possa contribuire a ridefinire le attuali linee guida dietetiche per gli americani sull’importanza di aumentare l’assunzione di alimenti ricchi di potassio, calcio e magnesio per lo scopo di mantenere una pressione sanguigna sana. “

Moore inoltre chiarisce che potrebbero esserci alcune persone particolarmente sensibili al sodio e che potrebbero quindi trarre beneficio dalla riduzione del sale nella loro dieta. Forse in futuro, i metodi di screening per la sensibilità al sale potrebbero aiutare a stabilire quali individui devono essere più attenti.

Poiché più studi concludono che il ruolo del sodio nell’ipertensione è meno importante di quanto si pensasse una volta, le raccomandazioni dietetiche cambiano sicuramente in linea con i risultati. Questo campo in evoluzione della scienza della nutrizione è uno da guardare.

Scopri perché il potassio è importante quanto il sodio per la pressione sanguigna sana.

Like this post? Please share to your friends: