Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ipertensione: la dieta potrebbe sostituire i farmaci?

Quando si tratta di abbassare la pressione sanguigna, una dieta salutare a basso contenuto di sale può essere efficace quanto i farmaci. Questa è la conclusione di un nuovo studio recentemente pubblicato nel.

una donna che taglia le verdure a pezzi

I ricercatori suggeriscono che le persone con pressione alta o ipertensione possono vedere una riduzione simile o maggiore della pressione arteriosa sistolica dopo aver seguito un approccio dietetico per fermare l’ipertensione (DASH) e una dieta a basso contenuto di sale come persone che assumono farmaci antipertensivi.

Il coautore dello studio Stephen Juraschek – che lavora nel Beth Israel Deaconess Medical Center presso la Harvard Medical School di Boston, MA, e la Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, MD – e colleghi dicono che i loro risultati suggeriscono che un cambiamento nella dieta dovrebbe essere il primo punto di riferimento per gli adulti a maggior rischio di ipertensione.

La pressione sanguigna è la forza del sangue che spinge contro le pareti delle arterie. Viene misurato in millimetri di mercurio (mm Hg) e viene valutato utilizzando due numeri: sistolico (il numero superiore) e diastolico (il numero inferiore).

La pressione sistolica si riferisce alla forza del sangue che spinge contro le pareti delle arterie quando il cuore batte, mentre la pressione diastolica si riferisce alla pressione sanguigna tra i battiti del cuore.

L’alta pressione sanguigna si verifica quando questa forza diventa troppo alta. Se incontrollato, può aumentare il rischio di malattie cardiache, infarto e ictus.

I cambiamenti dello stile di vita, come l’aumento dell’esercizio fisico e l’adozione di una dieta salutare, sono considerati fondamentali per l’abbassamento della pressione sanguigna, ma alcuni individui possono anche essere prescritti farmaci antipertensivi.

Il nuovo studio, tuttavia, suggerisce che la dieta DASH – in combinazione con un basso apporto di sale – potrebbe eliminare la necessità di farmaci per alcuni adulti con ipertensione.

Pressione sanguigna sistolica e dieta

Lo studio ha incluso 412 adulti di età compresa tra 23 e 76 anni. Al basale dello studio, tutti i partecipanti avevano una pressione arteriosa sistolica di 120-159 mm Hg e una pressione arteriosa diastolica di 80-95 mm Hg. Nessuno dei soggetti stava usando farmaci antipertensivi.

In base alla pressione sistolica, i soggetti sono stati assegnati a uno dei quattro gruppi. Questi erano: 120-129 mm Hg, 130-139 mm Hg, 140-149 mm Hg e 150 mm Hg o superiore.

Secondo le nuove linee guida pubblicate all’inizio di questo mese, una pressione arteriosa sistolica di 120-129 mm Hg e una pressione arteriosa diastolica inferiore a 80 mm Hg è classificata come ipertensione “elevata”.

Una pressione arteriosa sistolica di 130-139 mm Hg o una pressione arteriosa diastolica di 80-89 mm Hg è classificata come ipertensione di stadio 1, mentre una pressione arteriosa sistolica di 140 mm Hg o superiore o una pressione arteriosa diastolica di 90 mm Hg o superiore è classificato come ipertensione di stadio 2.

Per un totale di 12 settimane, tutti i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale alla dieta DASH oa una dieta di controllo, che era paragonabile a una dieta occidentale standard.

La dieta DASH – supportata dall’Istituto Nazionale Cuore, Polmone e Sangue – è un piano alimentare composto da frutta, verdura, cereali integrali, noci, fagioli, pesce, pollame e latticini senza grassi e grassi. La dieta limita gli alimenti ricchi di grassi saturi e zuccheri.

Durante i periodi di 4 settimane dello studio, i soggetti sono stati assegnati in modo casuale a tre diversi livelli di assunzione di sodio: 50 millimoli al giorno (basso), 100 millimoli al giorno (medio) o 150 millimoli al giorno (alto).

Per il contesto, 100 millimoli di sodio al giorno equivalgono a 2.300 milligrammi di sodio, o poco meno di un cucchiaino di sale. Questa è l’assunzione giornaliera massima di sodio raccomandata dalle Linee guida dietetiche 2015-2020 per gli americani.

Risultati “eccezionali”

Il team ha scoperto che le persone con una pressione arteriosa sistolica al basale di 150 mm Hg o superiore hanno visto la loro pressione sistolica scendere di una media di 11 mm Hg dopo 4 settimane di dieta DASH, rispetto a quelle della dieta di controllo.

I partecipanti con una pressione arteriosa sistolica al basale inferiore a 130 mm Hg hanno sperimentato una riduzione di 4 mm di Hg nella pressione arteriosa sistolica con 4 settimane di dieta DASH.

La combinazione della dieta DASH con un basso apporto di sodio, tuttavia, sembrava produrre risultati migliori.

Gli individui che avevano una pressione arteriosa sistolica al basale inferiore a 130 mm Hg hanno visto una riduzione di 5 mm di Hg nella pressione sistolica dopo aver seguito la dieta DASH e un basso apporto di sodio per 4 settimane, rispetto a quelli nella dieta di controllo che assunzione di sodio.

Gli adulti la cui pressione arteriosa sistolica era 130-139 mm Hg al basale dello studio hanno avuto una riduzione media di 7 mm Hg nella pressione sistolica con la dieta a basso contenuto di sodio DASH.

Per i soggetti con una pressione arteriosa sistolica al basale di 140-149 mm Hg, la pressione arteriosa sistolica è scesa in media di 10 mm Hg dopo 4 settimane di dieta DASH combinata e piano a basso contenuto di sale.

Tuttavia, il risultato più sorprendente è stato riscontrato per gli adulti la cui pressione arteriosa sistolica al basale era di 150 mm Hg o superiore. Hanno sperimentato una riduzione della pressione arteriosa sistolica media di 21 mm Hg con la dieta a basso contenuto di sodio, DASH, rispetto a quelli che seguono la dieta a elevato contenuto di sodio.

Juraschek considera questo risultato “eccezionale”; indica che le persone a maggior rischio di ipertensione grave hanno ottenuto la più grande ricompensa da una dieta DASH combinata con un basso contenuto di sodio.

I ricercatori osservano che sono necessari ulteriori studi per determinare se un tale piano alimentare può contribuire ad abbassare la pressione sanguigna per le persone con una pressione arteriosa sistolica di 160 mm Hg o superiore, in quanto non sono stati inclusi in questa ricerca.

Ancora, Juraschek crede che i loro “risultati aggiungano la prova che gli interventi dietetici sono altrettanto efficaci – o più efficaci di – farmaci antipertensivi in ​​quelli a più alto rischio di ipertensione e dovrebbero essere un’opzione di trattamento di prima linea per tali individui “.

“Quello che stiamo osservando dall’intervento dietetico combinato è una riduzione della pressione arteriosa sistolica tanto alta quanto, se non superiore a quella raggiunta con i farmaci da prescrizione, è un messaggio importante per i pazienti che possono ottenere molto chilometraggio senza aderire a una dieta sana e povera di sodio. “

Autore dello studio senior Dr. Lawrence Appel, Johns Hopkins University School of Medicine

Like this post? Please share to your friends: