Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Ipertensione legata agli antidolorifici

Ricercatori americani hanno dimostrato che gli uomini che fanno uso di antidolorifici spesso rischiano una pressione sanguigna più alta rispetto a quelli che non lo fanno.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Archives of Internal Medicine.

Il team che ha effettuato la ricerca è stato da Brigham and Women’s Hospital, dalla Harvard Medical School e dalla Harvard School of Public Health di Boston.

I ricercatori hanno reclutato 16.031 professionisti sanitari di sesso maschile di età media 65 anni senza storia di ipertensione (ipertensione) e li hanno seguiti nell’arco di un anno.

Hanno misurato il loro uso di antidolorifici o analgesici, prendendo informazioni dettagliate all’inizio e due anni nello studio.

Gli analgesici studiati erano acetaminofene (paracetomolo); antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’ibuprofene e l’aspirina (che è anche un tipo di FANS). Questi sono noti come analgesici non narcotici, i farmaci più comunemente usati negli Stati Uniti.

Alla fine del periodo di 4 anni hanno identificato che 1.968 uomini (12%) avevano sviluppato ipertensione e quindi hanno elaborato il rischio relativo di ipertensione in relazione all’uso analgesico utilizzando test statistici basati su regressione.

Il rischio relativo per gli uomini che assumevano i FANS da 6 a 7 giorni alla settimana era del 38%: erano il 38% in più di probabilità di sviluppare la pressione alta rispetto ai pazienti che non assumevano affatto antidolorifici. Il rischio relativo di sviluppare ipertensione negli uomini che hanno assunto acetaminofene (paracetomolo) era del 34% e aspirina del 26%.

I risultati erano molto simili quando il numero di pillole a settimana veniva usato come misura di frequenza invece di giorni a settimana.

Hanno concluso che l’uso di analgesici non narcotici come l’ibuprofene, l’aspirina e il paracetomolo (paracetomolo) è indipendentemente associato ad un aumento moderato della pressione sanguigna. Questa scoperta ha importanti implicazioni per la salute pubblica poiché questo tipo di farmaci è ampiamente utilizzato in America.

L’ipertensione arteriosa è associata ad un aumentato rischio di infarto, insufficienza cardiaca, ictus, aneurisma arterioso e insufficienza renale. The American HeartAssociation lo definisce il “killer silenzioso”.

72 milioni di americani di età superiore ai 20 anni hanno la pressione alta (circa un adulto su tre) e oltre 50.000 di loro vengono uccisi ogni anno. La maggior parte delle persone che soffrono di ipertensione non sono consapevoli delle loro condizioni.

Acetaminofene (o paracetomolo) è comunemente noto come Tylenol e Panadol ed è disponibile al banco. Ha effetti analgesici (antidolorifici) ed antipiretici (che riducono la febbre) ma non è efficace come antinfiammatorio. Un fatto poco noto è che è altamente tossico per i gatti.

I FANS come l’ibuprofene e l’aspirina sono disponibili anche al banco e sono efficaci come antidolorifici, riduttori di febbre e antinfiammatori.

Esistono centinaia di FANS diversi, con proprietà sostanzialmente simili, le principali differenze sono nel modo in cui vengono prese, la tolleranza da parte dei pazienti e quanto durano nel corpo prima di essere eliminati.

Secondo la Mayo Clinic, la pressione del sangue è normale se è inferiore a 120 su 80 ma dicono che molti studi suggeriscono che 115 su 75 è uno standard migliore.

I ricercatori hanno voluto sottolineare che questa ricerca non riguardava il rischio di antidolorifici per le persone che li assumevano sotto consiglio medico per ridurre il rischio di ictus e infarto. Ad esempio, l’aspirina viene spesso utilizzata in questo modo. Se sei un tale paziente dovresti continuare a seguire il consiglio del tuo medico, hanno detto.

“Frequenza di uso analgesico e rischio di ipertensione tra gli uomini.”
John P. Forman, Eric B. Rimm, Gary C. Curhan.
Arch Intern Med. 2007; 167: 394-399.
Vol. 167 n. 4, 26 febbraio 2007

Clicca qui per Abstract.

Clicca qui per l’American Heart Association.

Scritto da: Catharine Paddock
Scrittore: Notizie mediche oggi

Like this post? Please share to your friends: