Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’acido folico aumenta l’agilità mentale negli anziani

L’assunzione di integratori di acido folico può migliorare significativamente la funzione cognitiva negli uomini e nelle donne più anziani.

Questa è la conclusione di uno studio olandese che sarà pubblicato su Lancet.

Lo studio è stato condotto da Jane Durga dell’Università Wageningen nei Paesi Bassi.

Diminshing funzioni cognitive come il deterioramento nella memoria, ridotta capacità di elaborare le informazioni rapidamente e ridotta fluidità verbale sono state collegate al rischio di demenza in età avanzata.

Dr Durga e colleghi hanno seguito un gruppo di 818 over-50 per tre anni. Ad alcuni sono stati somministrati 800 microgrammi di una forma sintetica di acido folico al giorno, quindi è stato assunto un placebo. È stata utilizzata una versione sintetica della vitamina perché la forma naturale si degrada più facilmente, ad esempio con lo stoccaggio e la cottura, e ciò renderebbe i risultati meno affidabili.

Gli scienziati hanno scoperto che il gruppo che ha assunto l’acido folico è migliorato su tutti gli aspetti del funzionamento cognitivo rispetto al gruppo che ha assunto il placebo.

L’acido folico è una vitamina B idrosolubile e si trova nell’estratto di lievito, nelle verdure a foglia verde, ad esempio negli spinaci, nei fagioli secchi e piselli, in alcuni organi come fegato, cereali fortificati, alcuni frutti e verdure e alcuni semi, ad esempio girasole semi. Svolge un ruolo importante nella produzione di nuove cellule, in particolare nel midollo spinale, un embrione, motivo per cui è importante che le donne in gravidanza abbiano la loro dose giornaliera di riferimento (RDI).

Gli adulti e i bambini hanno bisogno di acido folico per generare globuli rossi e DNA, e un apporto giornaliero insufficiente può causare anemia. La vitamina aiuta anche a digerire le proteine ​​e fa un uso efficace degli amminoacidi che ne derivano, e anche a produrre proteine ​​che il corpo potrebbe non avere. Svolge anche un ruolo nella regolazione dell’appetito.

A causa della scoperta del legame tra i difetti del tubo neurale (NTD, come quello che si verifica nei bambini nati con spina bifida), e gli insufficienti controlli dell’acido folico hanno gradualmente introdotto norme che richiedono che alcuni cibi siano fortificati con acido folico, come i cereali, e in alcuni paesi anche pane e farina.

Paesi diversi raccomandano diversi importi RDI, che vanno da 400 microgrammi al giorno negli Stati Uniti a 200 in Giappone.

Alcuni studi hanno collegato l’assunzione di acido folico con la riduzione di varie disabilità legate all’età come perdita dell’udito e morbo di Alzheimer. Altri non sono così chiari, ma sembra esserci consenso sul fatto che aiuti a migliorare la funzione cognitiva nelle persone anziane con alte concentrazioni dell’amminoacido omocisteina nel loro sangue, che potrebbe indicare un aumento del rischio di ictus, malattie cardiache e morbo di Alzheimer.

Sono state espresse preoccupazioni per il fatto che l’acido folico interagisce con la vitamina B12 e se ne assume troppa può causare problemi, come mascherare una deficienza in B12. Questo è particolarmente rilevante per le persone anziane (oltre 50), che dovrebbero chiedere al loro medico di controllare i loro livelli di vitamina B12 se considerano l’assunzione di supplementi di acido folico.

Clicca qui per un articolo completo su Folic Acid, Aging, Depression and Dementia (BMJ, 2002)

Scritto da: Catharine Paddock
Scrittore: Notizie mediche oggi

Like this post? Please share to your friends: