Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’acufene potrebbe essere aggravato dall’uso di antidepressivi

Le persone con acufene possono sperimentare un peggioramento della condizione se vengono trattate con inibitori del reuptake della serotonina selettiva, una classe comune di antidepressivi.

una donna con acufene

Questa è la conclusione di un nuovo studio recentemente pubblicato sulla rivista.

L’acufene è la sensazione intermittente o costante dei suoni uditivi quando non sono presenti tali suoni. Anche se l’acufene viene spesso definito come “ronzio nelle orecchie”, le persone con questa condizione possono sperimentare una varietà di suoni, inclusi fischi, ronzii e sibili.

Secondo l’American Tinnitus Association, oltre 45 milioni di persone negli Stati Uniti sono affette da acufene. Per circa 2 milioni di questi individui, la condizione è grave e talvolta può interferire con le attività quotidiane.

Precedenti studi hanno suggerito che le persone con acufene sono ad aumentato rischio di depressione, rispetto a persone senza la condizione.

Alcuni di questi individui possono essere trattati con inibitori selettivi della serotonina (SSRI), che agiscono aumentando i livelli cerebrali dell’ormone dell’umore serotonina.

Il nuovo studio, tuttavia, suggerisce che tale trattamento potrebbe essere un’arma a doppio taglio; mentre si lavora per alleviare i sintomi della depressione, gli SSRI possono effettivamente peggiorare l’acufene.

La serotonina aumenta l’attività neuronale nel DCN

L’autrice senior dello studio Laurence Trussell, Ph.D., della School of Medicine dell’Oregon Health & Science University (OHSU) di Portland, e colleghi hanno scoperto i loro risultati analizzando il tessuto cerebrale dei modelli di tinnito del topo in risposta alla serotonina.

In particolare, i ricercatori si sono concentrati sulla risposta dei neuroni nel nucleo cocleare dorsale (DCN) dei topi, che è la regione del cervello coinvolta nell’elaborazione sensoriale e che è interessata dall’acufene.

Il team ha scoperto che quando i topi venivano esposti alla serotonina, le cellule fusiformi nel DCN dei topi diventavano iperattive e ipersensibili al suono. “Abbiamo visto che l’attività di quei neuroni è passata attraverso il tetto”, afferma il dott. Trussell.

L’autore dello studio principale Zheng-Quan Tang, Ph.D., anche della School of Medicine di OHSU, osserva che precedenti ricerche hanno riportato che molti pazienti hanno un peggioramento dell’acufene subito dopo aver iniziato l’uso dell’SSRI.

Sulla base dei loro risultati e di quelli degli studi precedenti, i ricercatori ipotizzano che l’aumento della serotonina che si verifica con l’uso di SSRI potrebbe esacerbare l’acufene.

“Se sei un medico che cura un paziente affetto da depressione che ha anche la perdita dell’udito o l’acufene, potresti voler stare attento a prescrivere un farmaco che combini i loro sentimenti di ansia.L’SSRI potrebbe migliorare la cosa che stai cercando di risolvere “.

Laurence Trussell, Ph.D.

In una ricerca futura, il team vorrebbe vedere se è in grado di inibire un canale ionico specifico nel DCN attivato dalla serotonina, in quanto ciò potrebbe consentire agli SSRI di facilitare la depressione senza peggiorare l’acufene.

Like this post? Please share to your friends: