Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’ADHD è improbabile che sia una disfunzione della dopamina

Un nuovo studio dell’Università di Cambridge nel Regno Unito mette in dubbio l’opinione diffusa che la disfunzione nella dopamina – una sostanza chimica che controlla la ricompensa e i piaceri del cervello – è la causa principale dell’ADHD, una condizione caratterizzata da disattenzione, iperattività e impulsività.

Scrivendo nell’ultimo numero della rivista, i ricercatori del Medical Research Council (MRC) dell’Università / Wellcome Trust Behavioral e Clinical NeuroscienceInstitute (BCNI) suggeriscono invece che la causa principale del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) si trova in structuraldifferences nella materia grigia del cervello.

Sperano che le loro scoperte miglioreranno in modo significativo la nostra comprensione della causa dell’ADHD e aiuteranno a migliorare i trattamenti futuri.

La dopamina è una sostanza chimica prodotta naturalmente nel cervello che è importante per concentrazione o attenzione, memoria di lavoro e motivazione. Aiuta a trasportare segnali tra le cellule cerebrali attaccando i recettori delle cellule della dopamina – speciali punti di ingresso nelle membrane cellulari che possono essere aperti solo da quella particolare molecola.

Il Ritalin – un farmaco approvato per il trattamento dell’ADHD – agisce aumentando i livelli di dopamina, causando più legamenti alle cellule e quindi aumentando la comunicazione tra di loro.

Nel loro studio di riferimento, i ricercatori hanno usato una combinazione di tomografia a emissione di positroni (PET) e risonanza magnetica (MRI) per misurare i recettori della materia grigia e della dopamina e determinare come il metilfenidato (Ritalin) del farmaco ha influenzato la dopamina in pazienti con ADHD e persone sane senza la condizione .

Entrambi i gruppi di partecipanti hanno ricevuto una dose di Ritalin o un placebo. Lo studio era in doppio cieco, il che significa che né i partecipanti né i medici che hanno somministrato la terapia a tema sapevano se stavano usando il Ritalin o il placebo.

Prima e dopo aver preso la dose data, i partecipanti hanno completato i compiti che hanno messo alla prova la capacità di concentrarsi e prestare attenzione per un periodo di tempo.

ADHD o no, il Ritalin migliora l’attenzione

Il team ha scoperto che sia i pazienti con ADHD che i controlli a cui è stato somministrato il Ritalin hanno mostrato aumenti simili di dopamina nel cervello. Hanno anche mostrato livelli di miglioramento equivalenti nei compiti di attenzione e concentrazione.

I ricercatori hanno anche scoperto che, sebbene i partecipanti con ADHD come gruppo avessero una sostanza grigia nel cervello significativamente più significativa, e che nei test di attenzione avessero prestazioni molto peggiori rispetto ai controlli sani, avevano livelli simili di recettori della dopamina in un’area del cervello chiamata thestriatum e Ritalin aumento della dopamina in questa zona nella stessa misura.

Questo importante risultato suggerisce che non vi era alcuna disfunzione di fondo nella dopamina.

I ricercatori erano interessati a vedere che il Ritalin aumentava anche l’insome delle prestazioni sostenute dei controlli sani, suggerendo che la capacità complessiva del farmaco di aumentare l’attenzione nell’ADHD e nei partecipanti al controllo era correlata all’aumento della dopamina causata dallo striato.

La direttrice dello studio, la prof.ssa Barbara Sahakian, afferma che i risultati sono importanti perché mostrano che il Ritalin migliora l’attenzione e la concentrazione indipendentemente dal fatto che le persone abbiano o meno l’ADHD:

“Questi nuovi risultati dimostrano che gli operatori poveri, compresi i volontari sani, sono stati aiutati dal trattamento e questo miglioramento era correlato all’aumento della dopamina nel cervello”.

Il co-autore Professor Trevor Robbins, direttore della BCNI, dice:

“Questi risultati mettono in dubbio l’opinione precedentemente accettata che le principali anomalie della funzione dopamina sono la causa principale dell’ADHD nei pazienti adulti, mentre i risultati mostrano che il Ritalin ha un effetto” terapeutico “per migliorare le prestazioni, non sembra essere correlato a menomazioni fondamentali il sistema dopaminico nell’ADHD. “

Lo studio è stato finanziato dal MRC.

Secondo uno studio pubblicato nel 2011, la risposta ai farmaci per bambini con ADHD dipende da varianti di specifici geni della dopamina.

Like this post? Please share to your friends: