Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’alcol è più dannoso per la salute del cervello della marijuana

Con la legalizzazione della marijuana in aumento, un numero crescente di studi sta esplorando i potenziali danni e benefici della droga. Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che quando si tratta di salute del cervello, l’alcol è più dannoso.

Il cervello umano e un bicchiere di whisky

Gli scienziati dell’Università del Colorado Boulder hanno condotto una revisione dei dati di imaging esistenti che hanno esaminato gli effetti dell’alcol e della marijuana, o cannabis, sul cervello.

Le loro scoperte hanno collegato il consumo di alcol con cambiamenti a lungo termine della struttura della sostanza bianca e della materia grigia nel cervello.

L’uso della marijuana, tuttavia, sembrava non avere significativi effetti a lungo termine sulla struttura del cervello.

Il leader dello studio Rachel Thayer, del Dipartimento di Psicologia e Neuroscienze dell’Università del Colorado Boulder, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista.

Si stima che circa 22,2 milioni di persone negli Stati Uniti abbiano utilizzato marijuana negli ultimi mesi, rendendola “la droga illecita più comunemente usata” nel paese.

Negli Stati Uniti, tuttavia, sta diventando sempre più legalizzato per scopi sia medici che ricreativi. Come risultato di questa legislazione in cambiamento, i ricercatori hanno cercato di scoprire di più su come la marijuana può portare benefici alla salute, così come il danno che potrebbe causare.

L’anno scorso, ad esempio, è stato riportato uno studio che collega l’uso di marijuana a un maggiore rischio di psicosi negli adolescenti, mentre un altro studio ha affermato che il farmaco è “peggio delle sigarette” per la salute cardiovascolare.

Dall’altro lato della medaglia, i ricercatori hanno scoperto che i cannabinoidi – che sono i composti attivi della marijuana – potrebbero aiutare a prevenire l’emicrania, e uno studio più recente ha collegato l’uso di marijuana a un aumento del desiderio sessuale.

Marijuana vs alcol: che è peggio?

Per questo ultimo studio, Thayer e colleghi hanno cercato di saperne di più su come l’uso di marijuana colpisce il cervello.

Il coautore dello studio Kent Hutchison, anche del Dipartimento di Psicologia e Neuroscienze, nota che fino ad oggi gli studi che hanno indagato su questa associazione hanno prodotto risultati contrastanti.

“Quando guardi questi studi che risalgono a anni”, spiega, “vedi che uno studio riferirà che l’uso di marijuana è legato a una riduzione del volume dell’ippocampo. Il prossimo studio poi arriva e dicono che la marijuana l’uso è legato ai cambiamenti nel cervelletto […]. “

“Il punto è che non c’è coerenza tra tutti questi studi in termini di strutture cerebrali reali”.

Con l’obiettivo di colmare il divario su questa incoerenza, i ricercatori hanno condotto una nuova analisi sui dati esistenti di imaging cerebrale. Hanno osservato come l’uso di marijuana influenza la materia bianca e la sostanza grigia nel cervello, e come i suoi effetti si confrontino con un’altra “droga” a cui siamo così abituati: l’alcol.

La materia grigia è il tessuto sulla superficie del cervello che consiste principalmente di corpi cellulari nervosi. La sostanza bianca è il tessuto cerebrale più profondo che contiene fibre nervose mielinizzate, che sono rami che sporgono dalle cellule nervose che trasmettono impulsi elettrici ad altre cellule e tessuti.

Il team osserva che qualsiasi riduzione delle dimensioni della sostanza bianca o grigia o una perdita della loro integrità può portare a compromissioni del funzionamento del cervello.

“Con l’alcol, sappiamo che fa male al cervello da decenni”, osserva Hutchison. “Ma per la cannabis, sappiamo così poco.”

L’uso di marijuana non ha avuto alcun impatto

Lo studio ha incluso le immagini cerebrali di 853 adulti di età compresa tra i 18 ei 55 anni e 439 adolescenti di età compresa tra 14 e 18 anni. Tutti i partecipanti variavano nel loro uso di alcol e marijuana.

I ricercatori hanno scoperto che l’uso di alcol, in particolare negli adulti che avevano bevuto per molti anni, era associato a una riduzione del volume di materia grigia, nonché a una riduzione dell’integrità della sostanza bianca.

L’uso di marijuana, tuttavia, sembrava non avere alcun impatto sulla struttura della materia grigia o bianca negli adolescenti o negli adulti.

Sulla base di questi risultati, i ricercatori ritengono che bere alcolici sia molto più dannoso per la salute del cervello rispetto all’uso di marijuana.

“[…] mentre la marijuana può avere anche alcune conseguenze negative, non è assolutamente lontana dalle conseguenze negative dell’alcol”.

Kent Hutchison

Per quanto riguarda i possibili benefici dell’uso di marijuana, tuttavia, Thayer e il suo team fanno notare che la giuria è ancora fuori, e sono necessarie ulteriori ricerche per giungere a delle conclusioni.

Like this post? Please share to your friends: