Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’aloe vera dovrebbe essere studiata come trattamento per il diabete, dice lo studio

Il diabete è un’epidemia globale e una delle principali cause di malattia e morte. Il fatto che meno della metà dei pazienti con diabete di tipo 2 abbiano una malattia ben controllata evidenzia la necessità di nuovi farmaci efficaci, a prezzi accessibili e che non siano limitati da effetti collaterali sfavorevoli. Ora, un’analisi aggregata di nove studi che hanno esaminato l’effetto dell’aloe vera orale nelle persone con diabete e pre-diabete suggerisce che la pianta medicinale dovrebbe essere ulteriormente studiata come composto antidiabetico.

piante di aloe vera

L’analisi è il lavoro dei ricercatori del Centro medico USAF di David Grant presso la base dell’aeronautica di Travis a Fairfield, in California, che riportano i loro risultati nel.

L’analisi mostra persone con diabete la cui glicemia a digiuno (FBG) è superiore a 200 mg / dl può trarre il maggior beneficio dal trattamento con l’aloe vera orale.

Il diabete è una condizione permanente in cui lo zucchero nel sangue è troppo alto, con conseguente danno agli organi se non trattati. Ci sono 382 milioni di persone in tutto il mondo che vivono con il diabete, con il diabete di tipo 2 che rappresenta la stragrande maggioranza dei casi.

Gli autori osservano che negli Stati Uniti, dove circa 21 milioni di persone hanno la malattia, il costo del trattamento e la perdita di produttività nel 2012 a causa del diabete sono stati di 245 miliardi di dollari. Il costo globale dovrebbe “superare gli impressionanti $ 490 miliardi” entro il 2030.

Le persone con diabete hanno maggiori probabilità di cercare farmaci complementari e alternativi rispetto alle persone senza diabete. Un rimedio popolare è l’aloe vera (), una pianta utilizzata in medicina da cinesi, egiziani, greci, indiani, giapponesi e messicani per migliaia di anni.

Più recentemente, l’aloe vera è stata utilizzata come applicazione cutanea per il trattamento della dermatite seborroica, della psoriasi vulgaris e dell’herpes genitale e per via orale come lassativo.

L’aloe vera contiene dozzine di composti attivi

La parte della pianta di aloe vera che viene utilizzata in medicina è le foglie, i cui componenti principali sono la corteccia esterna verde e il gel interno incolore. I prodotti di Aloe Vera sono fatti da uno di questi componenti, o entrambi.

La pianta di aloe vera contiene almeno 75 composti attivi, “che comprendono in particolare vitamine, enzimi, minerali, antrachinoni, monosaccaridi, polisaccaridi, lignina, saponine, acidi salicilici, fitosteroli e amminoacidi”, osservano gli autori, che citano anche studi che suggeriscono alcuni di questi composti svolgono un ruolo nel miglioramento del controllo della glicemia.

La pianta contiene anche oligoelementi come cromo, magnesio, manganese e zinco, noti per essere importanti per il metabolismo del glucosio migliorando l’efficacia dell’insulina.

Gli studi sull’aloe vera orale come rimedio per una serie di malattie croniche – come l’asma, il glaucoma, l’ipertensione, le malattie infiammatorie intestinali e il diabete – hanno prodotto prove limitate o incoerenti.

Tuttavia, l’aloe vera orale sta diventando più popolare e le prove sul suo effetto sull’abbassamento della glicemia sono aumentate, così i ricercatori hanno deciso di analizzarlo.

Prove sufficienti per giustificare ulteriori indagini

Per la loro analisi, il team ha cercato studi sull’effetto di aloe vera orale sul glucosio nel sangue a digiuno (FBG), sull’emoglobina A1c (HbA1c), sul test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) e su un numero di altre misure pre-diabetiche e diabetiche popolazioni.

Hanno trovato solo nove studi avevano dati appropriati per meta-analisi e coperto solo FBG e HbA1c. Di questi, tutti i nove FBG misurati (totale di 283 partecipanti) e cinque misurati HbA1c (89 partecipanti).

L’FBG (a volte chiamato glucosio plasmatico a digiuno, FPG) misura il livello di glucosio nel sangue durante un periodo in cui il paziente non ha avuto nulla da mangiare o da bere, ad eccezione dell’acqua, per almeno 8 ore. Un livello nell’intervallo 100-125 mg / dl è definito come pre-diabetico e 126 mg / dl o superiore come diabetico.

HbA1c (emoglobina glicata, talvolta chiamata emoglobina A1c o semplicemente A1c) è una misura della glicemia media negli ultimi 2-3 mesi. Un livello maggiore o uguale al 6,5 percento è considerato diabetico.

La meta-analisi ha mostrato che l’aloe vera diminuiva di FBG di 46,6 mg / dl e di HbA1c di 1,05 nelle popolazioni studiate.

I ricercatori osservano anche che “i dati suggeriscono che i pazienti con un FBG ≥200 mg / dl possono vedere un beneficio maggiore” e questa popolazione ha visto una riduzione media di FBG di 109,9 mg / dl.

Nella loro conclusione, i ricercatori indicano diverse limitazioni dei dati e dei risultati. Ad esempio, ci sono state incongruenze tra gli studi sulla formulazione di aloe vera utilizzati, rendendo difficile determinare quali prodotti sarebbero efficaci.

Altre importanti carenze includono: periodi di prova che vanno da 4-14 settimane; differenze nei tipi di controlli e comparazioni con altri farmaci e integratori; mancanza di accecamento o randomizzazione; e misurare quanto bene i partecipanti hanno seguito i loro regimi assegnati.

“Ulteriori studi clinici che sono più robusti e meglio controllati sono giustificati per esplorare ulteriormente questi risultati.”

William R. Dick et al.

Scopri come bere il caffè può influenzare il diabete.

Like this post? Please share to your friends: