Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’Alzheimer potrebbe essere prevenuto con un vaccino?

Gli scienziati hanno ideato un vaccino che ha mostrato risultati promettenti nel trattamento della psoriasi e delle allergie ai gatti, nonché nella prevenzione del morbo di Alzheimer.

Medico riempiendo una siringa con un liquido

La nuova ricerca è stata uno sforzo collaborativo tra università nel Regno Unito e in Svizzera, ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista.

Il dott. John Foerster, dermatologo e docente universitario presso l’Università di Dundee in Scozia, Regno Unito, ha supervisionato congiuntamente la ricerca con Martin Bachmann, professore di vaccinologia presso l’Istituto Jenner di Oxford, Regno Unito.

Il Dr. Foerster, il Prof. Bachmann, e il loro gruppo di ricerca hanno progettato un nuovo vaccino combinando un vaccino antitetanico esistente con una proteina di un virus che colpisce una varietà di piante.

La proteina virale è stata prelevata dal cosiddetto virus del mosaico del cetriolo (CMV), un virus che ha ricevuto questo nome perché è stato trovato per la prima volta nei cetrioli.

Gli scienziati hanno incorporato un cosiddetto epitopo del tetano nelle particelle CMV e testato il vaccino risultante in modelli animali di psoriasi, allergie e malattia di Alzheimer.

Un epitopo è la parte di una sostanza estranea – in questo caso il tetano – che provoca una risposta immunitaria nel corpo.

Vaccino efficace per condizioni croniche

Come spiegano i ricercatori, il vaccino ha avuto successo contro la psoriasi e le allergie ai gatti, con i topi che mostrano segni che il loro sistema immunitario stava combattendo contro l’infezione.

Il vaccino si è dimostrato efficace anche nei topi vecchi ea basse dosi.

Il Dr. Foerster spiega il meccanismo con cui la sua scoperta potrebbe prevenire malattie croniche o trattarle dopo che si sono già sviluppate. “L’idea è piuttosto semplice. [Per] malattie come la psoriasi o l’eczema, i farmaci più nuovi e più efficaci sul mercato sono i cosiddetti ‘anticorpi’, che sono ciò che io e te produciamo contro gli insetti in un comune raffreddore”.

“Per le malattie croniche”, aggiunge, “questi anticorpi sono creati appositamente contro una delle proteine ​​del corpo: bloccando quella singola proteina, la malattia migliora”.

“Per usare l’esempio della psoriasi”, continua, “una proteina chiamata Interleuchina 17 deve essere attiva perché la malattia progredisca”. Come spiegano gli autori nello studio, i farmaci esistenti che prendono di mira questa proteina sono molto costosi, anche se efficienti e sicuri.

“Creando un vaccino che stimola l’organismo a produrre anticorpi contro l’interleuchina 17 stessa”, spiega il dott. Foerster, “possiamo sostituire la necessità di iniezioni frequenti e costose”.

“[Possiamo] rendere questo tipo di trattamento molto più accessibile e accessibile ai pazienti che altrimenti non potrebbero permettersi anticorpi creati appositamente”, osserva.

“La nostra ricerca dimostra che questa tecnica funziona nei topi e, soprattutto, la nostra nuova tecnologia vaccinale mostra che è probabile che sia un tipo di vaccino più efficace di quelli esistenti nelle persone anziane”.

Dr. John Foerster

“Poiché molti pazienti con condizioni croniche come la psoriasi sono anziani”, continua, “questa tecnologia potrebbe funzionare molto meglio”.

Un vaccino contro l’Alzheimer

In un modello murino del morbo di Alzheimer, il vaccino ha aumentato i livelli di alcuni anticorpi che si ritiene siano protetti contro la malattia neurodegenerativa.

Più specificamente, il vaccino ha aumentato i livelli degli anticorpi della immunoglobulina G che si ritiene siano in grado di riconoscere e combattere gli aggregati della placca beta-amiloide nel cervello – che è un marker della malattia di Alzheimer.

Sulla base dei risultati, gli autori suggeriscono che “un approccio di vaccinazione profilattica potrebbe essere un valido intervento di sanità pubblica” contro il morbo di Alzheimer.

Evidentemente, sono necessarie ulteriori ricerche per testare questi benefici negli esseri umani. Il vaccino potrebbe essere adattato a quasi qualsiasi sostanza estranea o antigene, scrivono gli autori, e sarebbe “idealmente adatto […] all’invecchiamento della popolazione”.

Questo è ciò che rende le scoperte particolarmente incoraggianti, afferma il Prof. Bachmann. Nota:

“Il morbo di Alzheimer di solito si sviluppa negli anziani e il fatto che il vaccino qui descritto sia ottimizzato per gli individui anziani sembra quindi particolarmente utile.”

“Un ulteriore aspetto importante”, conclude il Prof. Bachmann, “è che abbiamo sviluppato una piattaforma tecnologica e stiamo attualmente allargando i nostri studi preclinici ai vaccini contro il morbo di Parkinson e il dolore cronico”.

Like this post? Please share to your friends: