Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’ambiente freddo fa crescere il cancro e si diffonde più velocemente

Un ambiente freddo, che è noto per indurre la soppressione della risposta immunitaria anti-tumorale, è stato trovato per incoraggiare la crescita del cancro in uno studio sugli animali pubblicato sulla rivista 1.

Quando fa freddo, il corpo umano va gradualmente in modalità di sopravvivenza, i vasi sanguigni si restringono per mantenere il calore corporeo e le nostre estremità iniziano a soffrire. Il nostro metabolismo accelera e rabbrividiamo. Quando fa molto freddo, il corpo si concentra solo nel mantenere il cervello, il cuore e gli altri organi vitali funzionanti a un costo per il resto del corpo.

Kathleen M. Kokolus e il team hanno anche scoperto che un ambiente freddo altera il modo in cui le cellule tumorali crescono e si metastatizzano (diffondendosi) nei topi. I ricercatori affermano che la loro scoperta ha implicazioni per la ricerca sul cancro che utilizza topi e terapie antitumorali.

Nella maggior parte degli esperimenti sugli animali i topi tendono ad essere ospitati in temperature più fredde del normale.

Il team ha confrontato la progressione e la metastasi del cancro in topi ospitati a 22 ° C (72 ° F) e 30 ° C (86 ° F). Hanno scoperto che diversi tipi di cancro, compresi quelli del pancreas, del colon, della pelle e del seno si sono sviluppati più rapidamente e hanno iniziato a diffondersi prima e più aggressivamente nell’ambiente più freddo.

I tumori crescevano più rapidamente anche nei topi che erano abituati alle temperature fredde – quelli che avevano vissuto al freddo dal giorno in cui erano nati.

Cella umana sana
Le cellule T (linfociti T) sono un tipo di globuli bianchi che aiutano il corpo a combattere le malattie.

La risposta immunitaria anticancro del corpo umano è in gran parte determinata dalle cellule T. Le cellule T sono un tipo di globuli bianchi che chiamiamo linfociti T e fanno parte del nostro sistema immunitario, aiutano il corpo a combattere le malattie, compreso il cancro.

Le cellule tumorali cercano di battere in astuzia le cellule T quando vengono attaccate rilasciando segnali che dicono al corpo di sopprimere le cellule T, le cellule T rispondono con contromisure.

Questa lotta continua fino a quando uno di loro – le cellule T o le cellule tumorali – vince. Molte terapie contro il cancro hanno lo scopo di aiutare il sistema immunitario a rimanere al top.

Le cellule T sono più efficaci quando è caldo

Gli scienziati, del Roswell Park Cancer Institute di Buffalo, nello stato di New York, hanno spiegato che sebbene entrambi i gruppi di topi avessero lo stesso numero di cellule T prima che sviluppassero il cancro, le cellule T negli animali alloggiati in un ambiente caldo erano molto più veloci e migliori capace di scavare nel tumore per distruggerlo.

Le cellule T nei topi caldi hanno anche secernuto quantità più elevate di sostanze anti-cancro rispetto a quelle dei topi freddi.

C’erano significativamente più cellule che sopprimevano la risposta antitumorale nei topi freddi, cioè i corpi dei topi nell’ambiente freddo erano molto più propensi ad accettare il tumore piuttosto che combatterlo.

Se la maggior parte dei mouse nelle strutture di ricerca sono ospitati in ambienti più freddi del normale, i risultati potrebbero essere distorti e probabilmente non validi.

In un abstract nella rivista, gli autori hanno scritto:

“Pertanto, l’approccio comune di studiare l’immunità contro i tumori nei topi ospitati solo a temperatura ambiente standard può limitare la nostra comprensione del pieno potenziale della risposta immunitaria antitumorale.”

I topi con cancro cercano l’ambiente più caldo

Se si assegna a un gruppo di topi la scelta di cinque ambienti con temperature comprese tra 22 ° C e 38 ° C, la maggior parte di essi andrà per il “confortevole” 30 ° C. Gli umani sono simili; in inverno tutti abbiamo la nostra impostazione ideale per il termostato. Se la temperatura della stanza diminuisce, ci alziamo e controlliamo l’impostazione.

I topi con cancro, d’altra parte, tendono a preferire l’ambiente più caldo a 38 ° C. Gli esseri umani con cancro sono più suscettibili al freddo nelle temperature “normali”, specialmente dopo il trattamento.

I ricercatori suggeriscono che le cellule tumorali possono indurre lo stress freddo al fine di garantire e promuovere la propria sopravvivenza. Come e perché ciò avvenga non è ancora chiaro.

Gli autori si chiedono se il trattamento di pazienti affetti da cancro in stanze calde potrebbe portare a risultati migliori.

Uno studio condotto da un team dell’Istituto per l’ipertermia e l’immunoterapia, Windmühlgasse a Vienna, Austria, ha dimostrato che l’ipertermia con radioterapia, chemioterapia o immunoterapia ha portato a un miglioramento significativo dei risultati2.

Il team ha sottolineato la necessità di ulteriori studi.

Like this post? Please share to your friends: