Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’ansia ‘enorme fattore di rischio’ per il disturbo da uso di cannabis

I ricercatori del Duke University Medical Center di Durham, NC, esplorano i profili di rischio dei consumatori problematici di cannabis.

giovane uomo che fuma cannabis

Sherika Hill, Ph.D. – un associato di facoltà alla Duke University School of Medicine – è l’autore principale dello studio, e le scoperte sono state pubblicate nel.

I ricercatori hanno mirato a spostare l’attenzione dall’uso della marijuana adolescenziale a quella degli adulti, studiando i fattori di rischio dietro l’uso problematico di marijuana nella prima età adulta.

Il dott. Hill spiega la motivazione alla base del nuovo studio, dicendo: “Molti degli attuali interventi e politiche negli [Stati Uniti] sono rivolti ai primi utenti adolescenti. Dobbiamo iniziare a pensare a come affronteremo l’uso problematico che potrebbe sorgere in una crescente popolazione di utenti anziani. “

“Dato che più stati potrebbero spostarsi verso la legalizzazione della cannabis”, continua il dott. Hill, “per scopi medici e ricreativi, questo studio solleva l’attenzione su ciò che prevediamo sarà la demografia in più rapida crescita degli utenti – gli adulti”.

Studiare i modelli di utilizzo della cannabis

Per identificare i fattori di rischio tra questa popolazione, il dott. Hill e il suo team hanno analizzato i dati disponibili su 1.229 persone che prendono parte allo studio Great Smoky Mountains – uno studio prospettico di coorte dei residenti della Carolina del Nord occidentale.

Sono stati seguiti tra il 1993 e il 2015, e sono stati valutati ogni anno tra 9 e 16 anni, così come a 19, 21, 26 e 30 anni.

Come parte dello studio, sono stati monitorati la salute mentale, l’istruzione, il lavoro, il consumo di droghe e alcol dei partecipanti.

I ricercatori hanno diviso l’uso di marijuana dei partecipanti in modelli distinti basati sui criteri diagnostici e statistici dei disturbi mentali 5 (DSM-5) per il disturbo da uso di cannabis.

L’uso problematico della marijuana è stato definito come consumo giornaliero o abitudini di consumo che soddisfano i criteri DSM per la dipendenza.

L’abitudine diminuisce con l’età

La ricerca ha rilevato che tre quarti dei partecipanti (76,3%) non sviluppavano un problema di uso di cannabis durante gli anni del college o all’inizio dell’età adulta.

Tuttavia, un quarto di loro ha fatto – e gli scienziati hanno suddiviso questi utenti in tre categorie: “uso problematico di cannabis persistente, limitato e ritardato”.

In particolare, il 13,3 percento di tutti i partecipanti riteneva che gli utenti limitati presentassero problemi con la cannabis prima dei 16 anni, verso la fine della loro adolescenza o verso i 20 anni. Ma questi utenti hanno rotto l’abitudine con l’età.

Sorprendentemente, questo gruppo ha riportato “più instabilità e disfunzioni della famiglia dell’infanzia”, ​​che sono solitamente collegati a un livello più elevato di uso di droghe.

La dottoressa Hill dice di questi partecipanti: “Quando [questi] bambini sono usciti di casa, sembravano fare meglio […] non avevano tanti figli in giovane età, e sono andati oltre nella loro istruzione quando erano 19-21 rispetto a quelli con profili persistenti e differiti. “

Gli utenti persistenti hanno una storia di ansia

Nel cosiddetto gruppo di utenti persistenti, i partecipanti hanno avuto un uso problematico della marijuana fin da quando avevano 9 anni. Le persone in questo gruppo hanno continuato a usare la marijuana abitualmente nella prima età adulta, cioè tra i 20 ei 30 anni.

Significativamente, il 27% di questi partecipanti ha riportato disturbi d’ansia da bambini, e il 23% ha fatto quando erano in tarda adolescenza, o tra i 19 ei 21 anni. Hanno anche avuto i più alti livelli di disturbi psichiatrici.

“Questo suggerisce”, afferma il dott. Hill, “che l’attenzione alla salute mentale e al benessere potrebbe fare molto per prevenire l’uso più problematico”.

Infine, un piccolo gruppo di utenti in ritardo ha avuto un’adolescenza senza cannabis e la prima età adulta, ma ha iniziato a usare marijuana tra i 26 ei 30 anni. La maggior parte di questi utenti ha subito bullismo e maltrattamenti da bambini.

“Ciò che non comprendiamo ancora”, afferma il dott. Hill, “è il modo in cui il maltrattamento infantile non ha provocato un uso problematico precoce della cannabis tra i 19 ei 21 anni – come le persone potrebbero essere resistenti a questo tipo di esperienza negativa per così tanto tempo. “

“Una teoria”, continua, “è che erano in qualche modo protetti dall’avere meno coetanei nella tarda adolescenza che erano utilizzatori di sostanze, ma questa è una delle domande per le quali continueremo a cercare risposte”.

La dott.ssa Hill e i suoi colleghi concludono:

“I modelli problematici di consumo di cannabis durante la prima età adulta hanno profili di rischio peculiari, che possono essere utili nel personalizzare gli interventi mirati”.

Questo video del Duke University Medical Center riassume i risultati.

 

Like this post? Please share to your friends: