Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’ansia potrebbe portare alla demenza?

Uno studio recente suggerisce che vivere con ansia da moderata a grave nella mezza età può portare alla demenza negli anni successivi.

anziano ansioso

La nuova ricerca è stata condotta da un team di scienziati guidati da Amy Gimson, ricercatrice presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Southampton nel Regno Unito.

Gimson ed i suoi colleghi hanno osservato che sempre più studi evidenziano un legame tra i problemi di salute mentale e la demenza a insorgenza tardiva – la forma più diffusa di demenza, che colpisce persone di età superiore ai 65 anni.

Ad esempio, gli autori del nuovo studio scrivono che la depressione ha dimostrato di aumentare il rischio di Alzheimer di quasi due volte.

L’ansia spesso si manifesta insieme alla depressione e spesso i sintomi di ansia sono stati segnalati dalle persone prima di ricevere una diagnosi di demenza.

Ma fino ad ora non è chiaro se queste associazioni significano che l’ansia e la depressione sono i primi sintomi che compaiono prima che si sviluppi la forma completa della demenza, o se l’ansia e la depressione siano fattori di rischio indipendenti.

Quindi, per indagare su questo, Gimson e il suo team hanno setacciato 3.500 studi alla ricerca di documenti che esaminassero il legame tra depressione di mezza età, con o senza ansia e demenza a insorgenza tardiva.

I risultati della loro meta-analisi sono stati pubblicati sulla rivista

Ansia – un fattore di rischio per la demenza

Del corpo di ricerca esaminato, solo quattro studi si sono concentrati sull’argomento desiderato; questi studi hanno tenuto conto di potenziali fattori confondenti come le condizioni vascolari e psichiatriche e fattori demografici.

I ricercatori non sono stati in grado di effettuare un’analisi aggregata di questi quattro studi perché erano stati progettati in modo così diverso, ma gli autori hanno menzionato che i metodi utilizzati negli studi erano affidabili e le loro conclusioni solide.

Inoltre, la dimensione del campione combinato dei quattro studi era ampia, includendo quasi 30.000 persone.

Tutti e quattro gli studi hanno trovato una correlazione positiva tra ansia da moderata a severa e successivo sviluppo della demenza: “L’ansia clinicamente significativa nella mezza età era associata ad un aumentato rischio di demenza in un intervallo di almeno 10 anni”, scrivono i ricercatori.

Questi risultati suggeriscono che l’ansia può essere un fattore di rischio indipendente per la demenza a esordio tardivo, escludendo l’ansia che potrebbe rappresentare i sintomi iniziali della demenza, scrivono Gimson e colleghi.

Il legame tra ansia e demenza, nota l’autore, può essere spiegato dall’eccessiva risposta allo stress innescata dalla condizione di salute mentale.

Questa risposta allo stress anormalmente elevata potrebbe accelerare il processo di invecchiamento delle cellule cerebrali, che, a sua volta, potrebbe accelerare il declino cognitivo legato all’età.

Alleviare l’ansia può prevenire la demenza

Se una risposta allo stress innescata dall’ansia è la causa di un declino cognitivo accelerato, ciò significa che alleviare l’ansia potrebbe tenere a bada la demenza?

Questa “rimane una domanda aperta”, scrivono gli autori. Tuttavia, suggeriscono che vale la pena provare le opzioni di trattamento anti-ansia non farmacologico.

A questo proposito, Gimson e i suoi colleghi concludono:

“Le terapie non farmacologiche, comprese le terapie parlate, gli interventi basati sulla consapevolezza e le pratiche di meditazione, che sono noti per ridurre l’ansia nella mezza età, potrebbero avere un effetto di riduzione del rischio, anche se questo deve ancora essere studiato a fondo”.

Like this post? Please share to your friends: