Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’ansia può aiutarti a sopravvivere a un attacco di cuore

Se vivi con ansia, probabilmente conosci il circolo vizioso di essere ansioso di essere ansioso. Un modo utile per rompere il ciclo potrebbe essere quello di ricordare a te stesso i benefici di essere ansioso. Una nuova ricerca evidenzia un tale beneficio, poiché l’ansia aumenta le probabilità di sopravvivenza dopo un infarto.

donna con dolore toracico

Chiunque viva con ansia sa quanto sia terribile preoccuparsi di preoccuparsi, e come questo possa mandarti a spirale in un vero e proprio attacco d’ansia.

Durante questi periodi, alcune persone, incluso me stesso, possono trovare utile concentrarsi sui benefici dell’ansia.

Fidati di me, ci sono benefici per essere incline all’ansia; almeno da un punto di vista evolutivo, l’ansia potrebbe essersi evoluta come una risposta utile a quel predatore nascosto tra i cespugli.

Alcuni studi precedenti hanno suggerito che l’ansia può aiutare le persone a prendere decisioni migliori, eseguire meglio in circostanze stressanti e persino condurre uno stile di vita più salutare nel complesso.

Una nuova ricerca aggiunge a questa lista, in quanto coloro che sono estremamente ansiosi per la loro salute si trovano a cercare aiuto medico più rapidamente dopo un attacco di cuore, migliorando così drasticamente le loro prospettive. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Nulla di tutto ciò, comunque, è dire che vivere con l’ansia è una passeggiata nel parco, o che la condizione non è seria.

Spesso il disturbo d’ansia generalizzato e debilitante (GAD) è una condizione psichiatrica che colpisce quasi 7 milioni di persone negli Stati Uniti, molti dei quali sono riluttanti a chiedere aiuto perché sentono che la loro condizione non è “reale” se non ha qualsiasi sintomo fisico

Tuttavia, se sei incline all’ansia e tendi a rimproverarti per questo, la prossima volta che ti trovi in ​​un momento buio, puoi trarre beneficio dal ricordare che a volte l’ansia può essere tuo amico.

L’ansia può proteggerti dopo un attacco di cuore

La nuova ricerca – guidata dal Prof. Karl-Heinz Ladwig, dell’Università Tecnica di Monaco di Baviera in Germania – ha utilizzato i dati del Centro di studio sull’esame del ritardo di pazienti affetti da infarto miocardico acuto (MEDEA) di Monaco.

Il team ha esaminato le informazioni sui 619 pazienti con infarto miocardico, che sono stati intervistati nell’ambito di MEDEA, considerando come il momento in cui sono arrivati ​​all’ospedale e come si sono manifestate le loro condizioni.

Dei 619 pazienti inclusi nello studio, il 12 percento aveva anche GAD. Questi individui, lo studio ha rivelato, hanno reagito più prontamente ai loro attacchi di cuore e sono arrivati ​​all’ospedale molto prima.

Infatti, le donne con disturbo d’ansia sono arrivate all’ospedale 112 minuti, in media, dopo l’insorgenza di un attacco di cuore, mentre le donne senza la condizione 2 ore più a lungo hanno chiesto aiuto medico.

Per gli uomini, anche l’effetto benefico dell’ansia era evidente, sebbene non così marcato come lo era per le donne. Gli uomini con disturbo d’ansia hanno ricevuto il trattamento 48 minuti prima, in media.

Come spiega il prof. Ladwig, ogni mezz’ora è vitale per la sopravvivenza dopo un infarto. Detto questo, ironia della sorte, l’ansia può anche aumentare il rischio di una persona di avere malattie cardiovascolari in primo luogo.

“Gli individui con disturbo d’ansia sono più a rischio di avere un attacco di cuore ma hanno maggiori probabilità di sopravvivere”, dice il prof. Ladwig. “I nostri dati hanno rivelato un fattore importante: gli individui con disturbo d’ansia spesso reagiscono in modo più sensibile ai loro bisogni di salute”.

“I medici dovrebbero sempre prendere sul serio le loro preoccupazioni, e questi pazienti sono anche più decisivi quando si tratta di accettare un aiuto: in questo modo una malattia può aiutare a proteggere da un’altra grave malattia”.

Prof. Karl-Heinz Ladwig

Like this post? Please share to your friends: