Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’antibiotico “cambiante gioco” può uccidere i superbatteri

Un nuovo studio, pubblicato nel, offre la prima prova che una nuova forma sintetica di teixobactin antibiotico può neutralizzare i batteri resistenti ai farmaci.

mani che svuotano la bottiglia di pillole

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) affermano che la resistenza agli antibiotici è “uno dei problemi di salute pubblica più pressanti al mondo”.

Solo negli Stati Uniti si crede che 2 milioni di persone siano infettate da batteri resistenti ai farmaci all’anno e più di 23.000 individui statunitensi muoiono di conseguenza.

La minaccia di agenti patogeni resistenti agli antibiotici è particolarmente elevata nelle strutture sanitarie.

Infatti, un rapporto del CDC del 2016 mostra che 1 su 4 infezioni associate all’assistenza sanitaria che si verificano durante l’assistenza a lungo termine sono causate da uno dei seguenti sei batteri resistenti ai farmaci:

  • Enterobacteriaceae resistenti al carbapenem
  • Resistente alla meticillina (MRSA)
  • Enterobacteriaceae che producono ESBL
  • Resistente alla vancomicina (VRE)
  • Multi-resistente
  • Multi-resistente

Tre anni fa, gli scienziati hanno scoperto che un antibiotico naturale chiamato teixobactin potrebbe avere il potenziale per uccidere MRSA e VRE.

Ora, un team di ricercatori ha creato, per la prima volta, una versione sintetica del farmaco, che è stato usato con successo per trattare un’infezione nei topi.

Il nuovo antibiotico è stato chiamato “cambio di gioco” e le scoperte potrebbero “portare alla prima nuova classe di antibiotico in 30 anni”.

Ishwar Singh, uno specialista in design di farmaci e docente di chimica biologica presso la School of Pharmacy dell’Università del Lincoln, nel Regno Unito, è l’autore corrispondente del nuovo studio.

Il nuovo farmaco cancella l’infezione nei topi

Singh e colleghi hanno studiato la struttura di teixobactin e hanno trovato degli amminoacidi chiave che, una volta sostituiti, hanno reso l’antibiotico più facile da replicare in 10 analoghi sintetici.

Il team ha poi testato queste versioni sintetiche in vitro. “Questi [analoghi]”, scrivono gli autori, “hanno mostrato attività antibatteriche molto potenti contro MRSA e [VRE].”

Inoltre, uno di questi analoghi è risultato essere non tossico sia in vitro che in vivo, riportano gli scienziati.

Ulteriori test in modelli murini – eseguiti da un team presso il Singapore Eye Research Institute a Bukit Merah – hanno rivelato che uno degli analoghi ha trattato con successo un caso di cheratite.

Nello specifico, l’uso della droga sintetica “ha ridotto la carica batterica [di oltre il 99 percento] e l’edema corneale in modo significativo rispetto alle cornee di topo non trattate”.

I ricercatori scrivono, “Collettivamente, i nostri risultati hanno stabilito l’alto potenziale terapeutico di un teixobactin [analogo] nell’attenuazione delle infezioni batteriche e della gravità associata in vivo.”

‘Un salto quantico’ per nuovi antibiotici

Singh spiega il significato dei risultati, dicendo: “Quando la teixobactin è stata scoperta, era rivoluzionaria di per sé come un nuovo antibiotico che uccide i batteri senza resistenza rilevabile tra cui superbatteri come l’MRSA, ma la teixobactina naturale non è stata creata per uso umano.”

“Rimane una quantità significativa di lavoro”, continua Singh, “nello sviluppo di teixobactin come antibiotico terapeutico per uso umano”, aggiungendo che “siamo probabilmente a circa sei-dieci anni di distanza da un farmaco che i medici possono prescrivere ai pazienti”.

Tuttavia, “questo è un vero passo nella giusta direzione e ora apre la porta per migliorare i nostri [analogici] in vivo”, dice.

“Tradurre il nostro successo con queste versioni sintetiche semplificate dalle provette ai casi reali è un salto quantico nello sviluppo di nuovi antibiotici e ci avvicina alla realizzazione del potenziale terapeutico delle teixobactin semplificate.”

Ishwar Singh

“I farmaci che mirano al meccanismo fondamentale della sopravvivenza batterica e riducono anche le risposte infiammatorie dell’ospite sono il bisogno dell’ora”, conclude il coautore dello studio Rajamani Lakshminarayanan, del Singapore Eye Research Institute.

Like this post? Please share to your friends: