Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’apnea notturna “potrebbe essere erroneamente diagnosticata come depressione”

Più del 70% delle persone con apnea notturna lamentano sintomi di depressione, secondo un nuovo studio pubblicato nel. I ricercatori dicono che i loro risultati indicano una possibilità che la condizione di sonno potrebbe essere erroneamente diagnosticata come depressione.

[Un uomo che usa CPAP]

Tuttavia, lo studio rileva anche che i sintomi depressivi tra i pazienti con apnea del sonno possono essere alleviati con l’uso della terapia di pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP).

Più di 25 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno apnea notturna, o apnea ostruttiva del sonno – una condizione in cui la respirazione si ferma brevemente e ripetutamente durante il sonno. Il russare cronico è il segno più comune di apnea del sonno.

Studi precedenti hanno suggerito che l’apnea notturna può aumentare il rischio di depressione se non trattata, e la condizione è stata collegata a un aumento del rischio di ipertensione, malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2.

La terapia CPAP è il trattamento più comune per l’apnea notturna. CPAP comporta il posizionamento di una maschera sul naso e / o sulla bocca durante il sonno, che aiuta a mantenere aperte le vie aeree soffiando delicatamente l’aria in esso.

In questo ultimo studio, il dott. David R. Hillman, professore clinico presso la University of Western Australia, e colleghi hanno cercato di comprendere meglio la prevalenza dei sintomi depressivi tra le persone con apnea del sonno e di verificare se la CPAP possa essere efficace per ridurre questi sintomi.

Maggiore è la gravità dell’apnea notturna, maggiore è il rischio di depressione

Il team ha arruolato 426 individui – 243 uomini e 183 donne – che erano stati indirizzati a un centro di sonno ospedaliero con sospetta apnea notturna.

Fatti veloci sull’apnea notturna

  • Sovrappeso, obesità, fumo, uso di alcol o avere una piccola via aerea superiore sono cause comuni di apnea notturna
  • Si stima che almeno il 2-3% dei bambini negli Stati Uniti soffra di apnea notturna
  • Cambiamenti dello stile di vita come perdere peso, smettere di fumare ed evitare l’alcol può ridurre la gravità dell’apnea notturna.

Ulteriori informazioni sull’apnea notturna

Utilizzando il questionario sulla salute del paziente (PHQ-9), i partecipanti consenzienti sono stati valutati per i sintomi di depressione.

La diagnosi e la gravità dell’apnea notturna sono state determinate mediante polisonnografia notturna, o “studio del sonno”, che registra le onde cerebrali, i livelli di ossigeno nel sangue, la respirazione, la frequenza cardiaca e i movimenti degli occhi e delle gambe durante il sonno.

L’apnea notturna è stata diagnosticata in 293 partecipanti, di cui 213 (73%) presentavano sintomi di depressione al momento dello studio. Maggiore è la gravità dell’apnea del sonno, maggiore è la probabilità di sintomi depressivi, i ricercatori hanno trovato.

Ai partecipanti a cui è stata diagnosticata un’apnea notturna è stata offerta una terapia CPAP 5 ore a notte per 3 mesi. La compliance al trattamento è stata registrata e il PHQ-9 è stato ripetuto dopo che il trattamento ha cessato di determinare i sintomi di depressione dei partecipanti.

I ricercatori hanno scoperto che i 228 partecipanti con apnea del sonno che hanno aderito alla terapia CPAP hanno sperimentato una significativa riduzione dei sintomi depressivi dopo 3 mesi; una volta cessato il trattamento, solo 9 (4%) di questi partecipanti avevano sintomi clinicamente significativi di depressione.

Per di più, il team ha scoperto che dei 41 partecipanti con apnea notturna che hanno riportato sentimenti di autolesionismo o pensieri suicidi al basale dello studio, nessuno ha riferito di tali sentimenti dopo 3 mesi di CPAP.

Il dott. Hillman e colleghi dicono che i loro risultati evidenziano l’importanza di sottoporre a screening i soggetti con depressione per i segni di apnea notturna. I medici dovrebbero chiedere a questi pazienti il ​​sonno interrotto, le pause respiratorie, il russare, l’eccessiva sonnolenza diurna e qualsiasi altro sintomo di apnea notturna, secondo il team.

Il Dr. Hillman aggiunge:

“I risultati evidenziano il potenziale per l’apnea del sonno, una condizione notoriamente sottodiagnosticata, per essere diagnosticata erroneamente come depressione”.

All’inizio di quest’anno, ha riferito di uno studio pubblicato in quel russare pesante associato e apnea del sonno con precedenti declino della memoria e capacità di pensiero.

Like this post? Please share to your friends: