Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’apnea notturna può contenere pericoli nascosti per le donne

Un nuovo studio sull’apnea del sonno rivela che potrebbero esserci alcuni pericoli nascosti – in particolare le donne che hanno la condizione – in cui la respirazione viene interrotta durante il sonno. Le donne con apnea notturna possono apparire sane, ma hanno sintomi lievi, quindi il loro problema di sonno non è stato diagnosticato erroneamente.

Ora, una nuova ricerca, condotta dalla School of Nursing della University of California di Los Angeles (UCLA), mostra le risposte autonomiche del corpo, che normalmente controllano la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, la sudorazione e altre funzioni di base, non sono così forti nelle persone con apnea ostruttiva del sonno e anche meno donne soin.

L’apnea ostruttiva del sonno è una condizione grave che si verifica quando la persona dorme, a volte centinaia di volte a notte. Quando si verifica, l’ossigeno nel sangue scende e danneggia infine molte cellule del corpo.

Ci sono oltre 20 milioni di americani adulti che vivono con questa condizione, notano i ricercatori, che spiegano che è collegato a diversi seri problemi di salute e anche alla morte prematura.

Le donne hanno molte meno probabilità di essere diagnosticate con apnea ostruttiva del sonno rispetto agli uomini.

Il ricercatore capo Dr. Paul Macey dice:

“Ora sappiamo che l’apnea notturna è un precursore di problemi di salute più grandi e che, per le donne in particolare, i risultati potrebbero essere mortali”.

E ‘necessaria la diagnosi precoce e l’intervento

Il dott. Macey e i suoi colleghi descrivono il loro lavoro in un recente numero online di.

Per il loro studio, il team ha reclutato 94 uomini e donne adulti, comprendenti 37 pazienti con ostruzione ostruttiva non trattata (OSA) di nuova diagnosi e 57 volontari sani da svolgere come controlli.

I tre gruppi hanno misurato il battito cardiaco mentre hanno attraversato tre diverse sfide fisiche:

  • La manovra di Valsalva – dove dovevano espirare duro mantenendo la bocca chiusa
  • Una sfida di impugnatura a mano – dove dovevano semplicemente spremere forte con una mano
  • Una sfida pressoria a freddo – dove il piede destro viene inserito nell’acqua quasi gelida per l’aminute.

Il team prende nota dei risultati principali:

“Le risposte della frequenza cardiaca hanno mostrato un’ampiezza più bassa, esordio ritardato e rallentamenti dei tassi nei pazienti con OSA rispetto ai controlli sani, e le menomazioni potrebbero essere più pronunciate nelle femmine”.

Il Dr. Macey aggiunge:

“Ciò potrebbe significare che le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare sintomi di malattie cardiache, nonché altre conseguenze di scarso adattamento ai compiti fisici quotidiani.Protezione e trattamento precoci possono essere utili per proteggere dai danni al cervello e ad altri organi.”

Il team ora intende indagare se i soliti trattamenti per l’OSA, come la pressione delle vie aeree continuepositive (CPAP), aiutano a migliorare le risposte autonome.

CPAP è dove una macchina aiuta il paziente OSA a respirare più facilmente durante il sonno.

I fondi del National Institutes of Health e del National Institute of Nursing Research hanno contribuito a finanziare lo studio.

In un altro studio pubblicato di recente, i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston, MA, hanno scoperto che l’apnea del sonno è legata quasi ad un segno di insufficienza cardiaca.

Like this post? Please share to your friends: