Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’aspirina può aiutare le donne con recente perdita di gravidanza a concepire e avere un bambino

Un nuovo studio pubblicato rivela che una dose giornaliera ridotta di aspirina aumenta la possibilità di concepire e di avere un parto vivo in donne che hanno sofferto di una singola perdita di gravidanza recente.

L’Istituto Nazionale di ricercatori di salute scrivere che, mentre molti medici prescrivono bassa doseaspirin alle donne che hanno subito un aborto spontaneo o un parto prematuro e vogliono concepire di nuovo, thereis sono prove sostanziali per dimostrare questo funziona realmente.

Il dott. Enrique Schisterman, capo del ramo di epidemiologia presso l’Eunice Kennedy Shriver National Institute di Child Health e Human Development a Bethesda, MD, e colleghi hanno condotto lo studio – il più grande del suo genere – assegnando casualmente più di 1.000 donne con una storia di emicrania o di parto in uno dei due gruppi: un gruppo di aspirina e un gruppo placebo.

Nel gruppo dell’aspirina, le donne assumevano giornalmente una bassa dose di aspirina (81 mg al giorno) e folicacid, e nel gruppo placebo le donne assumevano una pillola fittizia simile all’aspetto più acido folico.

I medici raccomandano l’acido folico per tutte le donne in età fertile in quanto riduce il rischio di nascere bambini con difetti del tubo neurale, che colpiscono il cervello e la colonna vertebrale.

Il processo era in doppio cieco, quindi né le donne né i medici che le curavano sapevano che stavano prendendo l’aspirina o il placebo. Le donne avevano un’età compresa tra i 18 ei 40 anni e venivano curate in quattro centri medici.

Lo studio ha seguito le donne per un massimo di sei cicli mestruali mentre stavano cercando di fare il bicarbonato e, se sono rimaste incinta, li ha seguiti durante la gravidanza. Le donne che divennero infette smisero di prendere l’aspirina a 36 settimane di gestazione.

Nello studio, il 13% delle donne totali che hanno assunto l’aspirina e che sono rimaste incinte hanno successivamente perso un’altra gravidanza, rispetto al 12% che ha assunto il placebo. Alla fine, il 58% delle donne che hanno assunto l’aspirina è rimasta incinta e successivamente ha dato alla luce, rispetto al 53% delle donne che hanno assunto placebo.

L’aspirina non ha aiutato le donne a ridurre le perdite di gravidanza in generale

scansione di un bambino nel grembo materno

Quando hanno analizzato i risultati, i ricercatori hanno scoperto che, nel complesso, non vi era alcuna differenza nei tassi di perdita di gravidanza tra i gruppi di aspirina e di placebo, come afferma il Dr. Schisterman:

“I nostri risultati indicano che l’aspirina non è efficace per ridurre le probabilità di pregnancyloss nella maggior parte dei casi.”

Tuttavia, ulteriori analisi ha rivelato che un sottogruppo di donne che avevano sperimentato una sola, recente aborto spontaneo (prima delle 20 settimane di gestazione e nel corso dell’ultimo anno) ha avuto un ofpregnancy più alto tasso di nati vivi e mentre erano in trattamento con aspirina.

In questo sottogruppo, il 78% delle donne con aspirina e il 66% con placebo hanno concepito e il 62% di onaspirina e il 53% di placebo hanno avuto una nascita.

Mentre lo studio non esaminava in che modo l’aspirina potesse aiutare le donne a concepire, i ricercatori suggeriscono che una delle ragioni potrebbe essere il farmaco che aumenta il flusso di sangue verso l’utero.

Ulteriori ricerche dovrebbero ora essere fatte per vedere se l’aspirina potrebbe aiutare a migliorare la fertilità delle altre donne che hanno problemi a rimanere incinta, come quelle in cui gli embrioni non riescono ad impiantarsi in theuterus.

Nel frattempo, ha recentemente riportato uno studio statunitense che suggeriva difficoltà a rimanere incinte. I ricercatori hanno seguito più di 400 donne nell’arco di 12 mesi e hanno scoperto che quelli con i più alti livelli di stress avevano più del doppio delle probabilità di soddisfare la definizione clinica di infertilità.

Like this post? Please share to your friends: