Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’aumento dell’assunzione di calcio “non migliora la salute delle ossa degli anziani”

La densità ossea e il rischio di fratture degli individui più anziani non migliorano con l’aumento dell’assunzione di calcio. Questo è il risultato di due nuovi studi recentemente pubblicati in.

[Alimenti ricchi di calcio]

Circa il 99% del calcio del corpo è immagazzinato nei denti e nelle ossa, dove aiuta a sostenere la loro funzione e struttura. Il restante 1% aiuta la funzione muscolare, la comunicazione nervosa, la secrezione ormonale e il movimento dei vasi sanguigni.

Negli Stati Uniti, si consiglia agli uomini di età compresa tra i 51 ei 70 di ottenere circa 1.000 milligrammi di calcio dalla loro dieta ogni giorno, mentre l’assunzione giornaliera raccomandata di calcio per le donne della stessa età è di circa 1.200 mg. Per gli uomini e le donne di età pari o superiore a 71 anni, l’assunzione giornaliera raccomandata di calcio è di 1.200 mg.

I latticini come latte, yogurt e formaggio sono le fonti naturali più comuni di calcio, anche se il minerale si trova anche in prodotti non domestici, tra cui sardine, cavoli e broccoli.

Secondo l’autore dello studio Mark J. Bolland, professore associato presso il Dipartimento di Medicina dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda, e colleghi, l’assunzione giornaliera media di calcio tra gli adulti più anziani nei paesi occidentali è di soli 700-900 mg.

Come tali, molti individui più anziani si rivolgono a supplementi di calcio al fine di aumentare il loro apporto per soddisfare le raccomandazioni dietetiche, incoraggiati dalle affermazioni che l’aumento dell’assunzione di calcio può migliorare la densità ossea e ridurre il rischio di fratture.

Nei due nuovi studi, tuttavia, Bolland e colleghi ritengono che sia improbabile che sia così.

Le linee guida sull’assunzione di calcio per gli anziani dovrebbero essere riconsiderate ‘

Per entrambi gli studi, il team ha condotto una revisione di studi osservazionali e studi randomizzati controllati che hanno esaminato l’aumento dell’assunzione di calcio nella dieta o di calcio supplementare e la densità ossea e il rischio di fratture tra uomini e donne di età pari o superiore a 50 anni.

Fatti veloci sul calcio

  • Le donne in post-menopausa, i vegetariani e le persone intolleranti al lattosio sono solo alcuni gruppi a rischio di carenza di calcio.
  • Troppo calcio – noto come ipercalcemia – può portare a stitichezza e calcoli renali
  • Un semplice yogurt magro da 8 once contiene circa il 42% dell’apporto giornaliero di calcio raccomandato da un adulto.

Ulteriori informazioni sul calcio

Nello studio che ha valutato l’assunzione di calcio e la densità ossea, i ricercatori hanno identificato 59 studi clinici randomizzati e controllati.

Hanno scoperto che uomini e donne che hanno aumentato il loro apporto di calcio attraverso fonti dietetiche o supplementari hanno sperimentato un aumento dell’1-2% della densità minerale ossea, che secondo il team è “improbabile che porti a una riduzione clinicamente significativa del rischio di frattura”.

Il secondo studio ha coinvolto 44 studi di coorte e due studi randomizzati controllati che hanno valutato il legame tra l’aumento di assunzione di calcio da integratori, latte e prodotti lattiero-caseari e altre fonti alimentari.

Da questa analisi, il team ha concluso che l’assunzione di calcio nella dieta non è legata a un ridotto rischio di frattura tra gli adulti più anziani e che non ci sono prove da studi clinici che l’assunzione di calcio da fonti alimentari prevenga le fratture. “La prova che gli integratori di calcio prevengono le fratture è debole e incoerente”, aggiungono.

In un editoriale collegato agli studi, il Prof. Karl Michaëlsson, del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell’Università di Uppsala in Svezia, osserva che, data la mancanza di prove che l’aumento dell’assunzione di calcio migliora la salute delle ossa degli anziani, le attuali raccomandazioni sono “sconcertanti”. “.

Il prof. Michaëlsson sottolinea che se gli anziani seguono le attuali linee guida per l’assunzione giornaliera di calcio, potrebbero addirittura mettere a rischio la loro salute:

“La maggior parte non trarrà beneficio dall’aumento dell’assunzione di [calcio] e sarà esposta invece a un rischio più elevato di eventi avversi come stitichezza, eventi cardiovascolari, calcoli renali o ammissione per sintomi gastrointestinali acuti.

Il peso delle prove contro questo tipo di farmaci di massa delle persone anziane è ora avvincente, ed è sicuramente il momento di riconsiderare queste raccomandazioni controverse. “

Mentre l’aumento dell’apporto di calcio potrebbe non migliorare la salute delle ossa negli anziani, uno studio riportato nel 2013 suggerisce che una dieta ricca di calcio può prolungare la vita delle donne.

Like this post? Please share to your friends: