Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’eczema può ridurre il rischio di cancro della pelle, suggerisce lo studio

L’eczema è una delle più comuni condizioni della pelle, che colpisce fino al 30% delle persone negli Stati Uniti. I sintomi includono secchezza cutanea, prurito e eruzioni cutanee. Ma secondo le nuove ricerche, avere eczema potrebbe non essere poi così male; potrebbe ridurre il rischio di cancro della pelle.

In uno studio pubblicato sulla rivista, i ricercatori del King’s College di Londra nel Regno Unito affermano che l’eczema, noto anche come dermatite atopica, attiva una risposta immunitaria che elimina le cellule potenzialmente cancerogene dalla pelle, prevenendo la formazione di tumori.

Secondo il gruppo di ricerca, incluso il Prof. Fiona Watt del Centro per le cellule staminali e la medicina rigenerativa al King’s College, studi precedenti hanno suggerito che l’eczema può ridurre il rischio di cancro della pelle.

Tuttavia, notano che questa associazione si è dimostrata difficile da confermare negli studi sull’uomo, poiché i farmaci per l’eczema possono influenzare il rischio di cancro. Inoltre, i sintomi della condizione variano in gravità in ogni individuo.

Eczema ‘riduzione della formazione del tumore nei modelli di topi’

Per il loro studio, il team ha ingegnerizzato i topi geneticamente per avere difetti della pelle che si trovano comunemente negli esseri umani con eczema.

Eczema

Lo hanno fatto rimuovendo le proteine ​​strutturali negli strati esterni della loro pelle, causando loro una barriera cutanea anormale.

I ricercatori hanno quindi testato due sostanze chimiche cancerogene nei topi geneticamente modificati e nei topi normali.

Hanno scoperto che il numero di tumori benigni nei topi difettosi era sei volte inferiore al numero trovato nei topi normali.

Ulteriori indagini hanno rivelato che sebbene entrambi i topi difettosi e normali avessero la stessa suscettibilità alle mutazioni causate dalle sostanze chimiche, i topi difettosi avevano una risposta infiammatoria “esagerata” che provocava il rilascio di cellule potenzialmente cancerogene dalla pelle.

Commentando i risultati dello studio, il Prof. Watt afferma:

“Siamo entusiasti delle nostre scoperte in quanto stabiliscono un chiaro legame tra la suscettibilità al cancro e una condizione allergica della pelle nel nostro modello sperimentale e supportano anche l’idea che modificare il sistema immunitario del corpo sia una strategia importante nel trattamento del cancro.

Spero che il nostro studio offra qualche piccola consolazione per chi soffre di eczemi – che questa scomoda condizione della pelle possa effettivamente essere utile in alcune circostanze. “

Il cancro della pelle è la sesta forma di cancro più diffusa negli Stati Uniti, colpendo oltre 2 milioni di persone ogni anno.

Secondo l’American Academy of Dermatology, i tassi di incidenza del cancro della pelle al melanoma – una forma della malattia che inizia nella pelle e si diffonde ad altri organi del corpo – sono aumentati negli ultimi 30 anni. Si stima che 1 su 50 americani svilupperà il cancro nel corso della sua vita.

Il Dr. Mike Turner, responsabile dell’infezione e dell’immunobiologia presso il Wellcome Trust, che ha contribuito a finanziare lo studio, afferma che queste ultime scoperte potrebbero aprire le porte a nuove ricerche sulla prevenzione del cancro della pelle.

“Il cancro della pelle è in aumento in molti paesi e qualsiasi intuizione sulla capacità del corpo di prevenire la formazione del tumore è preziosa nella lotta contro questa forma di cancro”, aggiunge.

All’inizio di quest’anno, ha riportato uno studio dell’Istituto britannico per la ricerca sul cancro, che ha suggerito che la pelle nera potrebbe essersi evoluta negli esseri umani come misura protettiva contro il cancro della pelle.

Like this post? Please share to your friends: